Parigi, torna la paura: afghano aggredisce a coltellate i passanti. 7 feriti

lunedì 10 settembre 9:10 - di Filomena Auer

Parigi ripiomba nella paura: ieri sera, lungo il Quai de Loire, nel diciannovesimo arrondissement della capitale francese, un uomo che si aggirava armato di coltello, ha aggredito e ferito sette persone, quattro delle quali colpite in modo grave. Un attacco sferrato in solitaria riguardo il quale, però, gli inquirenti d’oltralpe al lavoro sul caso, escludono la matrice terroristica.

Parigi, attacco con coltello in strada: 7 feriti

In base a quanto fin qui ricostruito su dinamica e tempistica dell’agguato improvviso, l’aggressore – secondo quanto riferito dalla polizia, di nazionalità afghana – armato di coltello e di una spranga di ferro, avrebbe avvicinato e pugnalato  due uomini e una donna vicino al cinema MK2 sul Quai de Loire, lungo il canale Ourcq. Poi, come raccontato da diversi testimoni, alcune  persone, visto quanto succedeva, hanno cercato di fermarlo senza riuscirci. Scatenato nell’aggredire, ma forse anche lucido e freddo nel riuscire a sfuggire a chi ha tentato di fermarlo inseguendolo, l’uomo mentre si allontanava lungo rue Henri Nogueres, ha attaccato due turisti inglesi, ferendone uno al torace.

Tra le persone colpite anche 2 turisti inglesi

Tanto che oggi, da fonti del  ministero degli Esteri del Regno Unito, si apprende in una nota che anche Londra sta «indagando su questo incidente», in «stretto contatto con le autorità francesi». Intanto Parigi si riscopre nuovamente ferita: e che si tratti dell’azione isolata di un folle, o che denunci, in qualche modo, l’operazione di un qualche sedicente cane sciolto, resta il fatto che, quanto appena accaduto, rievoca inesorabilmente scenari di dolore e  di terrore, non ancora metabolizzati…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Franco Cipolla 10 settembre 2018

    Mi spiace per le vittime,
    Questi sono i risultati delle scelte scellerate come quelle dell’America e di Sarkoszy, come quelle di far fuori Gheddafi e Daddam Hussein, tanto per citarne alcune….

  • In evidenza

    contatore di accessi