Miss Italia, ascolti flop. La ragazza con la protesi (insultata) è la vincitrice morale

martedì 18 settembre 13:19 - di Milena De Sanctis

Carlotta Maggiorana è la nuova Miss Italia.  Ventisei anni di Cupra Marittina in provincia di Ascoli Piceno, sposata, vive a Roma da molti anni. Aveva tentato sette anni fa, a diventare Miss, ma poi era stata chiamata da Bonolis ad Avanti un altro! e aveva messo da parte il sogno, senza smettere di inseguirlo. Carlotta,  prima esperienza cinematografica sul set di Terrence Malick, nel film The Tree of Life con Brad Pitti e Sean Penn, seguita da Un fantastico via vai di Leonardo Pieraccioni e infine  con un ruolo fiction Onore e rispetto, sogna di diventare brava come Meryl Streep. La ragazza marchigiana ha vinto il ballottaggio finale con la napoletana  Fiorenza D’Antonio 21 anni che si divide tra Milano e la sua città e da undici anni pratica contorsionismo aereo, una spettacolare disciplina acrobatica.

Ma la vincitrice morale resta Chiara Bordi, classificata al terzo posto, la prima concorrente con la protesi alla gamba che ha sparigliato le carte della bellezza, perché una donna è bella anche quando il suo corpo è imperfetto. Alla donna, che sui social le aveva dato della storpia (unendosi al coro di chi l’aveva accusata di aver “impietosito” la giuria) Chiara ha replicato: «Mi dispiace molto per lei perché a me mancherà pure un piede, ma a lei manca cervello e cuore». La 18enne laziale di Tarquinia è stata la prima miss in finale con protesi a una gamba dopo un incidente in motorino. Si è iscritta per far capire a tutti che si può essere più forti del destino. Chiara è anche una sportiva al pari di molte delle ragazze che sono arrivate a contendersi il titolo più ambito. Corre sui rollerblade, si arrampica sulla roccia e pratica il windsurf.

La nuova Miss Italia è stata incoronata da Tullio Solenghi e Massimo Lopez che componevano la giuria insieme all’ex nuotatore Filippo Magnini, a Maria Grazia Cucinotta, al giornalista Andrea Scanzi e a Pupo.

Miss Italia, i dati Auditel

Il verdetto dell’Auditel relativo al prime-time di ieri non è stato per niente clemente con la finalissima di Miss Italia 2018 andata in onda su La7. La serata condotta dall’inedita coppia composta da Francesco Facchinetti e Diletta Leotta non ha ottenuto grandi risultati d’ascolto, nonostante il successo sui social. Nel dettaglio, la puntata conclusiva del concorso di bellezza ha ottenuto una media di un milione di telespettatori con il 4% di share nell’anteprima, in onda fino alle 22. Successivamente, il programma vero e proprio, terminato all’1.30 di notte con la proclamazione della nuova Miss, Carlotta Maggiorana, è stato seguito da una platea di appena 700mila spettatori con il 4.96% di share.

Su Raiuno, invece, ascolti record per la seconda puntata della fiction La vita promessa. Dopo il debutto con quasi 5 milioni di spettatori, l’episodio di ieri sera ha toccato quota 5,7 milioni, ottenendo uno share del 26,10%. Un risultato a dir poco soddisfacente per questa Serie Tv che conta soprattutto sul talento della protagonista, Luisa Ranieri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giuliano 19 settembre 2018

    concorso da azzerare per l’ amor proprio della donna, che viene pesata e valutata per le sue forme che richiamano appetiti sessuali, e nul’ altro.tutto il resto con cui ciondiscono sono solo bugie, se non vi è stato ascolto, le masse stanno ragionando e svegliandosi su questi programmi demenziali di distrazione di massa, quando le vedo sfilare, mi ricordano la fiera degli animali, in cui si faceva vedere , per farle soppesare e vendere.

  • Alessandro Caroli 19 settembre 2018

    Molto meglio Italia – Slovenia di pallavolo maschile, campionato mondiale.

  • Pino1° 18 settembre 2018

    L’ipocrisia sta pagando sempre meno ! Un concorso di bellezza che va fuori tema per ‘accattare’ con viscida marchetta il plauso del pubblico ! Voglio ricordare quella bella ragazza per quello che se stessa è non per una protesi esibita in virtù della quale si vorrebbe fare gioco sporco ! Organizzazione da accatto e risultato da accatto ! L’unica che salvo è quella fanciullina che ha messo del suo per rivendicare diritti uguali a chi ci va con la sua ciccia, lei c’è andata con la sua faccia! BRAVA mi hai ricordato Alex Zanardi un grande come te !

  • In evidenza

    contatore di accessi