Meloni: «La manovra sembra scritta da Fanfani e Cirino Pomicino…»

venerdì 28 settembre 13:10 - di Eugenio Battisti

È senza sconto la posizione di Fratelli d’Italia sulla manovra (la nota al Def) approvata dal Consiglio dei ministri giovedì. «Il M5S scende in piazza a festeggiare perché farà più deficit e più debito per aumentare la spesa corrente dello Stato. Pensate quante feste avrebbero dovuto fare durante la prima Repubblica!», scrive Giorgia Meloni su Facebook, «i veri precursori del governo del cambiamento sono Fanfani e Cirino Pomicino. Ma anche Renzi potrebbe dire la sua…».

Def, Meloni:«Non c’è nulla da festeggiare

«Sulla manovra si confermano esatte le preoccupazioni espresse da Giorgia Meloni all’indomani del vertice con Salvini e Berlusconi», dice Federico Mollicone dai microfoni di Coffee Break su la7 , «ovviamente per un giudizio definitivo dobbiamo attendere l’arrivo in aula del provvedimento ma a caldo è evidente che il programma dei 5Stelle sta prevalendo su quello della Lega, a partire da quel reddito di cittadinanza che per Fratelli d’Italia è puro assistenzialismo». La stessa flat tax poi, se ci sarà – aggiunge il parlamentare di Fratelli d’Italia – non sarà quella che voleva il centrodestra ma sarà soltanto un’espansione dei regimi minimi che riguarderà una platea ristretta di persone. Un’iniziativa quindi assolutamente simbolica e che non porterà quei benefici che noi avremmo sperato».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • sergio 28 settembre 2018

    basta con questa m**** di assistenzialismo,la povertà si sconfigge creando ricchezza,il governo per uscire dalla crisi e far decollare l’economia doveva fare una sola cosa la tassa piatta per privati e aziende ed eliminare una marea di norme che impediscono alle aziende di lavorare e creare ricchezza.

  • yuri 28 settembre 2018

    lega e 5 stelle devono pagarsi i voti avuti alle elezioni giusto per le elezioni europee.E per fare questo indebitano il paese con miliardi di interessi sul debito in più;il debito verrà ridotto a spazzatura e allora tutti in fondi pensione non potranno comprarlo e mancheranno i soldi per le pensioni e per gli statali.Il di maio ha abolito la povertà per decreto e il Salvini ha avuto l’opportunità storica di far saltare il governo sul def e poi col centro destra unito il Mattarella gli avrebbe consentito di cercare i voti per il uovo governo in parlamento.Troppo intelligente per lui.Prima gli italiani?No prima i grillini

  • giancarlo cremonini 28 settembre 2018

    Ha ragione Salvini servo di Di Maio

  • In evidenza

    contatore di accessi