Medicina, antipsicotici atipici ed effetti collaterali: nuova classificazione

martedì 25 settembre 11:15 - di Redazione

Un altro passo in avanti, un’altra importante notizia in campo medico. Un gruppo di ricercatori ha riorganizzato e classificato sulla base degli effetti collaterali e del meccanismo di azione una classe di farmaci molto utilizzata in diversi disturbi psichiatrici, come schizofrenia e disturbo bipolare, con l’obiettivo di migliorare e personalizzare le terapie. I medicinali studiati sono stati i cosiddetti antipsicotici atipici, farmaci di seconda generazione nati per ovviare agli effetti indesiderati di tipo motorio (come parkinsonismo o discinesie tardive) degli antipsicotici ”classici” o ”tipici”. Lo studio, durato tre anni e finanziato dalla Fondazione Arpa, è stato condotto dalle università di Pisa e dell’Aquila e dal Queen Mary University di Londra; i risultati sono stati appena pubblicati sulla rivista Pharmacology & Therapeutics. «Come si è visto dopo la loro introduzione

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza

contatore di accessi