Macron in caduta libera nei sondaggi: «Aiutatemi, non mi lasciate solo…»

venerdì 28 settembre 15:53 - di Elsa Corsini

Mai così in basso. La popolarità di Emmanuel Macron è al minimo storico del suo mandato: il 32 per cento. Un tracollo progressivo per monsieur le president, il grande seduttore dei francesi, il giovane rampante all’Eliseo che aveva promesso una nuova “Grandeur”. Quotazioni in caduta libera che spingono Macron a rivolgere agli stessi elettori un esplicito appello alla pazienza e alla comprensione: «Capisco la vostra impazienza, ma le cose non possono migliorare da un giorno all’altro. Ho bisogno di voi, giornalisti, popolazione, eletti per spiegare l’azione dell’esecutivo. Aiutatemi!». Parole irrituali per un presidente della Repubblica. Parole che tradiscono il grande nervosismo dell’inquilino dell’Eliseo mentre si trova in visita ufficiale nelle Antille francesi per quattro giorni.

Macron: abbiate pazienza, aiutatemi

«Nella pancia provo la stessa impazienza di 66 milioni di francesi», ha detto nel discorso pronunciato a Saint-Pierre, Martinica, «voglio che andiamo ancora più veloce, più forte. Voglio che le cose vadano meglio, ed è per questo che mi batto ogni giorno senza tregua». All’insegno del “dinamismo” Macron cerca di dissumulare la difficile stagione evitando accuratamente autocritiche sulla navigazione del governo. «Abbiamo investito molto nel capitale politico, nell’azione e la trasformazione del Paese, ma non ne vediamo ancora il successo», ha detto. «Un anno fa la riforma dei trasporti veniva considerata impossibile, eppure è stata fatta ed è formidabile». Sugli scivoloni più recenti ha sviato l’attenzione sui media: colpa dei giornalisti, «che spesso estrapolano una frase, una parola dal suo contesto creando così una forma di distanza tra me e i francesi». Insomma il più classico degli aibi, “sono stato frainteso”, “la stampa ha estrapolato…”.  Degli attacchi infelici all’Italia, ça va san dire, neanche um parola. Unica amissione quella di aver sbagliato nell’usare l’espressione «gallici refrattari al cambiamento» parlando dei suoi concittadini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Begliuomini 29 settembre 2018

    Un bamboccione viziato che al posto della mamma a la “moglie”, incapace,

  • Tino 29 settembre 2018

    Non ci perdo il sonno la francia è il primo nemico dell’ Italia!

  • Caesar 28 settembre 2018

    Un vero macro(n) idiota! 🙂

  • In evidenza

    contatore di accessi