L’ultimo trucco dei clandestini: “unioni civili” con gay italiani per restare in Italia

venerdì 7 settembre 16:11 - di Redazione

Si sono presentati all’ufficio dello Stato civile di Schio, piccolo paese in provincia di Vicenza, dichiarando di volersi unire con il rito delle “unioni civili” – sulla base della legge aperta ai gay introdotta dai governi di centrosinistra – in qualità di fidanzati, uomini ed entrambi omosessuali. Peccato che uno dei due fosse un immigrato clandestino senza alcun diritto di restare in Italia. E forse neanche omosessuale, tantomeno fidanzato con il “complice” italiano, un biellese di 46 anni, al quale evidentemente aveva chiesto collaborazione per non essere espulso. L’ufficio dello Stato civile del comune di Schio – come spiega Il Giornale di Vicenza –  ha segnalato alla polizia locale la richiesta di un’unione civile tra due uomini poiché era stata esibita una carta d’identità di dubbia autenticità. «Il 5 settembre i due si sono presentati all’ufficio demografico per ultimare le pratiche istruttorie dell’unione in parola e sono stati sottoposti a controllo da parte di agenti in borghese della polizia locale Alto Vicentino di Schio. Avendo riscontrato la dubbia provenienza della carta d’identità di uno dei fermati, i due sono stati  accompagnati al comando per accertamenti. Da qui è emerso che il documento era contraffatto». Uno dei due, un senegalese di 24 anni senza fissa dimora in Italia, è risultato anche irregolare e oggetto di un provvedimento di allontanamento dall’Italia. Immediata è scattata la denuncia per entrambi, presunti “fidanzati”, presunti gay…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro 10 settembre 2018

    Benissimo e adesso spedite nel paese africano anche il gay italiano. Buon viaggio di nozze e vedrai che in africa vi accontenteranno sesssualmente in tanti.

  • Aurora De palma 9 settembre 2018

    tutto questo avviente si per tanti motivi, ma soprattutto il livello mentale, e molto fa una educazione . lasciamo stare le dottrine tutte, le religioni tutte, serviamoci del cervello per fare e capire. ed in tutto il mondo, per volere dei grandi poteri si è voluto distruggere la capacità della gente , naturalmente intellettiva, per poter manovrare le menti.
    è vero che prima c era troppo perfezionismo, ma è vero che oggi c’è troppa imperfezione. nn voglio offendere ma osservare: ma guardate l ultima generazione su istagram…. di cosa si cibano? e se andiamo avanti di questo passo…. nn voglio neanche pensarci… che degrado mentale. e la sinistra che ci teneva tanto alla cultura? si è conformata ….al nuovo….stile…nn so se chiedere o affermare

  • silvano 8 settembre 2018

    le mele marce ci sono ovunque … ci sono tanti pensionati che per 5.000-10.000 euro sposano in comune ucraine, rumene e russe solo per la cittadinanza che ottengono solo dopo 2 anni.
    tempi di ristrettezza economica al di la’ di tutte le riflessioni etico-socio-religioso.
    i tempi cambiano nel terzo mondo ci sono adulti che sposano bambine di 9 anni.
    addirittura gente che si e’ sposata con il suo cane o gatto…
    credo che fatto 100 ci possa essere un 10 furbetti, anche italiani zio o cugino o nipote che si sono sposati per l’eredita’ e pagare meno tasse di successione…
    un mondo di italiani e la globalizzazione che avanza…
    viva l’amore vero senza barriere clericali, che va anche contro natura.
    siamo esseri umani imperfetti e non Dei che ci possono giudicare…
    quando pero’ si ama veramente allora non devono esserci differenze…
    ognuno dietro le sue quattro mura domestiche, gode come vuole, l”importante che ci sia sempre il consenso dell’avente diritto…

  • Paolo 8 settembre 2018

    Meglio. Cosi sapete come la penso su tanta “rumenta” … e anche sulla gentaglia tipo Cirinna’!!!!

  • Franco Cipolla 8 settembre 2018

    Annulliamo questa farsa contro natura delle unioni gay.
    Ognuno libero di esprimere le proprie pulsioni, entro i limiti della decenza e legalita’ ma l’ufficializzazione formale di una convivenza si fa tra due persone di sesso opposto, ci sono altri modi per acquisire diritti di divisione dei beni e lasciti ereditari.

    • FrancoilfrancoERMEJO 8 settembre 2018

      Un povero scemo che probabilmente non è nemmeno stato amato dai genitori figuriamoci se può capire cosa sia l’amore gay o la decenza di cui parla! Ignorante

    • Legarconsouriant 9 settembre 2018

      1. Fino a prova contraria, l’eterosessuale medio, altresì detto “pollo spennabilis” ha da sempre riempito il paese di Cubane, Filippine e chi ne ha più ne metta tutt’altro che innamorate.. e raccontatemi che era per costruire “una famiglia tradizionale” e non per scoparsi carne fresca con il minimo investimento. Queste no invece.. non sono signore dall’animo arguto che hanno aggirato la legge per secondi fini, eh? Anzi.. facciamo un applauso a loro e ai rispettivi mariti italiani che ce le hanno portate e a tutti noi contribuenti che le manteniamo. Questo articolo si basa su supposizioni e voi commentate s******. Omofobi e ipocriti.

  • Franco Cipolla 8 settembre 2018

    I comunisti li aspettano a braccia aperte.

  • Aldo Barbaro 8 settembre 2018

    E poi cosa è successo?. Scommetto che in un modo o nell’altro il clandestino non sarà espulso!

  • Pietro 7 settembre 2018

    Che vergogna! Povera Italia! Deriva morale totale, fango su fango, una società senza nerbo, a rotoli, destinata a scomparire.

  • Giuseppe Tolu 7 settembre 2018

    Auguroni belli. In viaggio di nozze nel paese dell’immigrato? Vai vai

  • In evidenza

    contatore di accessi