Lanciano, l’arresto dei romeni che hanno brutalizzato il chirurgo e la moglie (video)

giovedì 27 settembre 11:00 - di Gianluca Corrente

Diffuso il video dell’arresto dei tre rapinatori di nazionalità romena, autori della terribile rapina di domenica scorsa a Lanciano ai danni del chirurgo Carlo Martelli e della moglie Niva Bazzan, entrambi 69enni, brutalmente picchiati e lei mutilata a un orecchio. La svolta nelle indagini è arrivata quando i tre uomini sono stati catturati e arrestati nelle campagne intorno a Lanciano. Stavano per fuggire con l’auto usata per l’assalto alla villa, avevano addosso circa 3.400 euro e i giubbini usati per la rapina.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Me 28 settembre 2018

    Non sarebbe opportuno tagliare a tutti un po’ di orecchio?

  • Mauro 28 settembre 2018

    Troverei giusto che siano condannati applicando le leggi del loro paese e poi spediti sempre nel loro paese a scontare la pena a ns. spese. Risparmieremmo molti denari ed assicureremmo un giusto futuro ai delinquenti.

  • Andrea Touros 28 settembre 2018

    Adesso che sono nelle mani della giustizia, l’organo competente sancirà che, poveretti, se non sono profughi poco ci manca, che arrivano da un paese con difficoltà, che la vita loro è stata dura e difficile, che poveretti erano in miseria, che tutto sommato il chirurgo aveva soldi che gli avanzavano e che anche le orecchie erano due, poi insomma la mancanza di lobo non compromette l’udito e che in fondo sono dei bravi ragazzi e l’eccitazione del gruppo li ha un po’ confusi. Per non parlare dello zerbino di casa del medico con la sua “avanti”. Insomma, liberi uniti e con le scuse della magistratura portavoce dei benpensanti.

  • Giorgio 28 settembre 2018

    Una bella pestata e appena guariti, lavori forzati a vita. Questi sono animali!

  • PIERO 28 settembre 2018

    Vanno rispediti al loro paese e li condannati.
    In romania un reato del genere riscuote davvero 20 anni, e se li fanno anche tutti!
    Oppure condanniamoli in Italia in base al loro codice penale, anche se la volontà di mantenerli a nostre spese è davvero poca!

  • Paolo D'Amicodatri 27 settembre 2018

    Ci sara’ sempre qualcheee c****** di giudice che scontera’ sicuramente le pene

  • Franco Cipolla 27 settembre 2018

    Hanno sfregiato, malmenato e brutalizzato. Che ricevano lo stesso trattamento con un bonus di calci in c*** e 25 anni di lavori forzati.

  • In evidenza

    contatore di accessi