La contestazione di Taranto al M5S dice che la piazza non è solo grillina

sabato 8 settembre 17:42 - di Niccolo Silvestri

A parte Massimo Gramellini sul Corriere della Sera, il pool “prime firme” della grande stampa nazionale ha deciso di disertare l’appuntamento con la notizia. Poco spazio, nessuna analisi e zero tituli si contano infatti sulla feroce contestazione esplosa a Taranto all’annuncio della chiusura della vertenza Ilva, di cui è rimasta vittima la deputata 5Stelle Rosalba De Giorgi. In compenso, bisogna ringraziare YouTube se oggi sappiamo che “anche i grillini piangono” e se possiamo immaginare che quel che i media nazionali hanno di fatto classificato come episodio minore può con ogni probabilità assurgere a schema dei rischi che incombono sul M5S man mano che il governo Conte s’inoltrerà lungo gli accidentati e insidiosi sentieri del realismo politico, cioè quello che non vive di tweet e di post e non si nutre solo di like e di emoticon. Già, perché dopo l’Ilva, e sempre in Puglia, c’è la Tap mentre al Nord attende la Tav. Che ne sarà di questi progetti una volta archiviate le dilatorie ed inutili analisi «costi-benefici»? Saranno realizzati o bloccati? Idem per la manovra economica: finora la stampa l’ha misurata a decibel informandoci un giorno sì e l’altro pure sui toni di Salvini e sugli acuti di Di Maio. Fra non molto, però, si dovranno sciorinare numeri, poste di bilancio e priorità programmatiche. Infine, c’è l’esame della sostenibilità tecnica e finanziaria delle mille promesse elargite a piene mani prima durante e persino dopo la campagna elettorale. E in questo la rabbia Taranto può essere solo un anticipo, visto che Beppe Grillo aveva promesso un parco al posto dell’Ilva mentre Di Maio ha fatto l’esatto contrario. Sarà così anche per Tap, Tav, pedemontane e varianti di valico? Fare il mago è sempre un azzardo, ma tutto autorizza a pensare che la malcapitata De Giorgi sia solo la prima di una lunga serie.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Del Mondo Raffaele 10 settembre 2018

    La infissolubile maggioranza Legastellata anche se frutto della piu gigantesca ptesa per i fomdelli dal 1948 ad oggi durera pareccho Fatevene una ragione. Cordiali Saluti

  • In evidenza

    contatore di accessi