Italia razzista? Feltri “fulmina” Giannini a “L’Aria che tira” (video)

lunedì 10 settembre 14:06 - di Alberto Consoli

Cotto e mangiato. La nuova stagione su La7 de L’aria che tira di Myrta Merlino su La7 è appena iniziata quando è arrivata fresca fresca notizia che l’Onu ha, di fatto, accusato l’Italia di razzismo esponendosi in difesa di rom e migranti. Tra gli ospiti c’erano Vittorio Feltri, il direttore di Libero e Massimo Giannini di Repubblica. In diretta, è piovuta la notizia dell’entrata a gamba tesa dell’Onu che contribuisce a veicolare l’equivoco di un inesistente emergenza-razzismo e la conduttrice subito coinvolge i suoi ospiti sull’argomento. Il parere di Feltri è tutto un programma: «L’Onu è un ente inutile, ciò che dice dunque è pure inutile».

Giannini mastica amaro e al momento opportuno ha sfoderato una battuta velenosa. In studio si parlava dell’aumento delle copie vendute di Libero e  Giannini ha colto l’assist e ha voluto dire la sua e attribuendo il merito della crescita «alla narrazione xenofoba e per certi versi razzista» che dominerebbe in questi giorni l’Italia. Da che pulpito. Non è che veicolare -al contrario- l’idea di un’Italia razzista e fascista, come fa spesso Repubblica, con vignette e attacchi irricevibili a molti membri del governo -Salvini in testa – sia da premio giornalismo. A ognuno la sua “narrazione”. Feltri stavolta non fa un intervento ”esplosivo”, ma usa parole incisive comunque, incenerisce Giannini. «Vorrei far notare che in Italia c’è una massiccia comunità di cinesi, non è mai stato registrato un episodio di razzismo o di intolleranza. Ci sarà un motivo – ha sottolineato Feltri-: vengono qua, lavorano come matti, non si fanno mantenere». I problemi si manifestano quando, al contrario, prosegue Feltri, «l‘Italia si riempie di nullafacenti che gironzolano senza far nulla, si creano tensioni e si spaccia per razzismo quella che è una semplice ma evidente rottura di scatole».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MARIO 10 settembre 2018

    Ma questo Giannini è solo uno schiavo di Repubblica,Quanto agli altri Saviano e Soros sono solo gente che fanno soldi il primo sulle storie della camorra il secondo sulla pelle degli immigrati. Di questo passo la Lega e la Destra in Italia vincerà per i prossimi 40 anni.

  • 10 settembre 2018

    E facile usare la parola razzismo, ma non si può implementare in Italia!! Italia a aperto la sua nazione a più di 700, 000 mila refugiati….. a dove è il razzismo??

  • lorenzodemaso 10 settembre 2018

    questi signori sono il male della società italiana, sono i fautori di quella politica che ha portato l’italia a questo punto

  • Eolo 10 settembre 2018

    Giannini, Saviano, Lerner. Mi chiedo cosa ci sia dietro questa loro cieca insistenza pro-immigrati.

    • marco 10 settembre 2018

      gente venduta al potere, a Soros. guadagnano vendendo fumo pro immigrazione. dovrebbero essere allontananti con le buone o con le cattive.

    In evidenza

    contatore di accessi