Franco via dalla Valle dei Caduti: il parlamento dice sì alla riesumazione

giovedì 13 settembre 16:12 - di Redazione

Il Parlamento spagnolo ha approvato il decreto legge per l’esumazione dei resti di Francisco Franco e la loro rimozione dal memoriale della Valle de los Caidos, dedicato ai morti della Guerra civile. Il provvedimento, presentato alla fine di agosto dall’esecutivo socialista di Pedro Sanchez, ha ottenuto 172 sì, due no e 164 astenuti (i popolari e i centristi di Ciudadanos). Il decreto modifica l’Historical Memory Act del 2007 per facilitare la riesumazione e proteggerla dalle eventuali richieste della famiglia di Franco, che si oppone al trasferimento dei resti e ha già annunciato azioni legali contro il governo.

Sanchez ha celebrato il voto con un messaggio sul suo account Twitter: «Giustizia, memoria, dignità, oggi la Spagna fa un passo storico verso la riparazione dei diritti delle vittime del franchismo, oggi la nostra democrazia è migliore». Partito popolare e Ciudadanos, al contrario, hanno accusato il governo di cercare di distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica e generare divisioni. «La cortina di fumo intorno al corpo di Franco non è sufficiente a coprire la sua debolezza, l’incapacità e l’incompetenza», ha detto il deputato del Citizen José Manuel Villegas.

Morto il 20 novembre 1975, Franco è sepolto nel monumentale mausoleo della Valle dei Caduti, che lui stesso fece costruire vicino Madrid, come luogo di riconciliazione: il mausoleo contiene i resti di circa 32mila caduti di entrambi gli schieramenti della Guerra civile. Al momento non è chiaro dove verrà spostata la salma, una volta rimossa dall’attuale luogo di sepoltura. Oltre ad aprire le porte all’esumazione, la modifica della legge stabilisce che da ora in poi nessuno potrà essere seppellito nella Valle dei Caduti se non è morto durante la Guerra civile o successivamente rivalutato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • carlo 14 settembre 2018

    Il governo spagnolo ha tanti problemi perciò vuole riesumare la salma di franco per paura della destra europea che prima o dopo sara al potere

  • Giuseppe La Porta 14 settembre 2018

    Non sono mai stato in Spagna ma quando ci andrò visitero’ il mausoleo dedicato alle vittime della guerra civile sperando di trovare ancora le spoglie del Generalissimo. In caso contrario mi informerò per sapere dove è stato tumulto per rendergli omaggio.

  • rolando francazi 14 settembre 2018

    Beh, se consideriamo che durante la Rivoluzione francese furono gettati nei fiumi i resti di santi, reali di Francia e aristocratici, dai nuovi giacobini non potevamo aspettarci altro.

  • Giuseppe La Porta 14 settembre 2018

    L’antifascismo spagnolo ha superato con infamia l’antifascismo italiano prendendosela con i morti . Franco fece costruire il mausoleo per pacicare la nazione e gli antifascisti ieri con questa sciagurata decisione hanno riaperto la ferita della guerra civile che con magnanimità il caudillo aveva chiuso. Solidarietà alla famiglia del Caudillo .

  • ANTERO 14 settembre 2018

    Come diceva il Generalissimo : ” Sono responsabile solo davanti a Dio e alla Storia ” …

    • fabrizio 22 settembre 2018

      Tutti i dittatori e i re lo dicono.

    In evidenza

    contatore di accessi