De Luca come Salvini: basta coi nigeriani. E i compagni saltano sulle sedie (video)

martedì 11 settembre 19:50 - di Redazione

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo intervento alla Festa dell’Unità, a Ravenna, critica il Pd perché non si rende conto dei problemi di sicurezza creati dai migranti. Concetti che in genere provengono dalla Lega e dal suo leader Matteo Salvini mentre in questo caso è un esponente del Pd a farli propri.  De Luca ha così stupito tutti affermando: ”Ci sono zone del Paese dove abbiamo bande di nigeriani che hanno occupato militarmente i territori, sul Litorale Domizio abbiamo nigeriani che si danno allo spaccio di droga e prostituzione. Ci sono padri che aspettano le loro figlie in balcone. Questa realtà il Pd la conosce o no?”. E ancora: “Se devo decidere tra la serenità di vita della mia famiglia e dei miei figli e una bandiera di partito, io scelgo la mia famiglia, è chiaro?”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro 13 settembre 2018

    Anche se da molti ridicolizzato, De Luca dice cose ovvie e di buon senso, cosa dimenticata da troppi nel PD.

    • Claudio 13 settembre 2018

      Quasi sempre!

  • carla 12 settembre 2018

    Bravo De Luca, il buonismo pd e’ solo nocivo, non si rendono ancora conto !

  • stefano 12 settembre 2018

    de luca non mi è mai piaciuto questa volta però ha fatto un discorso onesto e serio (altre volte a dire il vero) oggi il voto lo merita alto perche la critica l’ha fatta al suo partito di incapaci (martina renzi e compagnia rossa)forse qualche cosa si sta muovendo a sinistra. voto:10+++

  • Daniela Enrico 12 settembre 2018

    Mi si rifiuta l’accesso alla visione del video e non capisco perché.

  • Paolo 12 settembre 2018

    Non ho mai avuto simpatia per il presideente DeLuca e devo dire senza remore che mi sorprende ma mi fa piacere questa sua nuova e inaspettata presa di posizione nei confronti dei suoi compagni di partito e spero che il suo prnsiero si evolva nello stesso senso anche rispetto a tematiche diverse dell’immigrazione. De Luca,malgrado il suo carattere tslvolta violento e arrogante, è senza dubbio una persona intelligente e di carattere. Mi auguro e gli auguro di regalarci ancora qualche piacevole sorpresa.

    • paolo mario Pieraccini 12 settembre 2018

      Approvo,anche se quanto a simpatia De Luca lascia molto a desiderare.Comunque anche a Viareggio vi sono molti pentiti tra i compagni,anche tra quelli storici.

  • Aristarco De' Strigidi 12 settembre 2018

    Una cinquantina di anni fa mia madre, assidua frequentatrice di casa De luca, me lo diceva che Vincenzo era un personaggio di genio.
    A mio parere, uomini a sinistra, ben dotati di … attributi, ce ne sono.
    Per fortuna ‘sta illuminata sinistra, non ha capito di chi si tratta, o forse lo ha capito benissimo e proprio per questo ne ha paura.
    Preferiscono un re travicello o … giullare.
    Matteo (Renzi), può dormire tranquillo e asciutto.
    Co’ ‘sta sinistra che si ritrova, potrà rimanere al comando per altri mille anni.
    Di personaggi con le pa…e capaci di ribaltarne le sorti, ce ne sono e costui primeggia fra tutti che lo metterebbe subito da parte, ma tanto non lo eleggeranno mai.
    Renzi, Bertinotti, Martina ed ultimo arrivato Zingaretti, sono questi i personaggi che la sinistra si merita.
    Troppo (poco) furba per un’ inversione a 180°.

  • Luigi Fassone 12 settembre 2018

    Costui,finalmente,è stato folgorato sulla via di…Salvini. ECCHECCACCHIO !…

  • Roberto de Rubertis 12 settembre 2018

    hanno perso il referendum alle elezioni falciati eppure,tranne costui-è il primo-la loro rovina dipende dall’aver importato questi negri farabutti

  • Fabrizio 12 settembre 2018

    E complimenti a De Luca che si è reso conto che i negretti non sono quelli di “Nigrizia” degli anni sessanta. Ora speriamo che gli altri pidioti lo abbiano ascoltato e che fra di loro si cominci a muovere il virus chiamato “buon senso”. Operazione matematica: Africa : Italia. L’Africa nell’Italia non ci sta; scrivo 0 e riporto 0… Questo è il numero degli africani che possiamo accogliere. Senza poi parlare della “cultura” (!) religiosa che importano (“Sei solo una donna, non mi puoi guardare in faccia”, come recentemente in quell’ospedale…).

  • abramo de angelis 12 settembre 2018

    Sono semplicemente degli ipocriti che si sono risvegliati dal sonno della loro idiozia politica.

  • VINCENZO DE SIMONE 12 settembre 2018

    Finalmente,con ritardo,ma,l’ha capito anche qualche comunista che vive la realtà,cosa che altri non conoscono oppure il disegno eversivo era quello di ribaltare il voto degli elettori approvando la iul soli.

    • Gianfranco Pacini 12 settembre 2018

      Forse è solo una ritirata strategica; De Luca capisce che negare l’evidenza è controproducente. Bisognerebbe che tutti capissero la differenza tra la xenofobia e un razzismo nato da esperienze. Non ho niente contro polacchi e filippini ma temo nigeriani, rumeni, albanesi, nord africani. Non si tratta di pre-giudizi ma di esperienze subite nel mio Paese. Ho vissuto 5 anni in Sud Africa, 4 anni in Tailandia e 3 anni in Cina, con lavori, residenze, documenti in ordine e NESSUN reato commesso. Vorrei che i nostri ospiti (invitati e non) si comportassero come me. Saluti, Pacini

  • Silvia 12 settembre 2018

    Finalmente uno del PD non lontano dalla realtà.

  • ADRIANO AGOSTINI 12 settembre 2018

    Ho sempre ammirato De Luca per la sua schiettezza anche se sono di idee opposte. Ora ha capito anche lui dove ci ha portato la sinistra.

  • FAUSTO 12 settembre 2018

    E’ LA MIGLIORE RISPOSTA ALL’ONU

  • Agostino 12 settembre 2018

    Finalmente un PDIOTA che riconosce i gravissimi danni che queste bestie arrecano alla nostra cara Italia ma purtroppo é solo uno, tutti gli altri continueranno con la storia del razzismo come da direttive ricevute dal loro maledetto partito, vero sboldrina & kompagni?

  • carla 12 settembre 2018

    Sono d’accordo con Albert 2017

  • carlo 11 settembre 2018

    Questi delinquenti nigeriani bisogna mandarli a casa tutti hanno rotto il c..o o l Italia non ha bisogno di questi delinquenti i nigeriani sono una pessima razza a casa tutti DAK primo alla ultimo noi non li voliamo

  • lucio 11 settembre 2018

    Pure De Luca c’è arrivato che il vero problema dell’Italia è l’immigrazione, ma il resto dei pidioti ha la capoccia dura,non vede,non sente e manco ci azzecca

  • Giuseppe Tolu 11 settembre 2018

    Oh perdindirindina, che succede mai, adesso iniziano a sbraitare? E cosa ne pensano gli altri compagni? Banda di scellerati!!!

  • Laura Prosperini 11 settembre 2018

    anche se il personaggio è orribile
    la sua cruda sintesi spiega molto bene il baratro che il pd si è scavato rispetto alla realtà nella quale vivono i cittadini
    sono distantissimi da noi, sembrano quasi stranieri…
    forse è per questo che si muovono per interessi non Nazionali
    e di lobbies finanziarie???

  • Andrea 11 settembre 2018

    Incredibile UN PIDIOTA che ha piu di cinque neuroni in testa !!! una rarità …. Si è accorto che sono un problema, pur vivendo perennemente chiuso in una scatola circondato da altri come lui. Ma gli facciamo comunque i complimenti !

  • Albert 2017 11 settembre 2018

    Parole sagge, e di normalissimo buon senso, che chiunque sottoscriverebbe. Chiunque, tranne gli imbecilli ideologizzati piddini. Nell’unico neurone che possiedono c’è spazio per una sola parola: “razzismo”. Poiché il partito gli ha detto che qualsiasi critica agli africani diventa automaticamente “razzismo”, sarebbero disposti a farsi stuprare, ammazzare, tagliare a pezzi, ecc., da nigeriani & friends, pur di non ammettere che l’immigrazione incontrollata genera criminalità. Mi domando solo perché De Luca stia a perdere tempo in mezzo a personaggi come quelli. Li molli e basta.

    • Vincenzo 11 settembre 2018

      Una domanda semplice semplice quindi DE LUCA È ANDATO A RAVENNA CON QUALE ATTREZZO TRENO MACCHINA AEREO O CON LA MACCHINA DELLA REGIONE?

    In evidenza

    contatore di accessi