Casini si aggrappa alla Boldrini e alla Bonino: «Uniamoci contro i sovranisti»

lunedì 17 settembre 11:13 - di Girolamo Fragalà

Casini controvento, come la canzone di Arisa. La parolina magica è sovranista. Basta pronunciarla e si mettono tutti d’accordo. È lo strumento per individuare il nemico e fare fronte comune. È l’arma (spuntata) per colpire gli avversari. Perché sovranista fa rima con fascista. E con nazionalista. E perché no?, anche con razzista. Tutte paroline altrettanto magiche e utili per sedersi attorno a un tavolo nel tentativo di creare una zattera e salvarsi dal naufragio. Perché il centrosinistra è al naufragio. Magari serve una nuova ammucchiata. E guarda caso, è proprio l’ammucchiata la soluzione che auspica Pierferdinando Casini. Improvvisamente è tornato alla ribalta. Lui – proprio lui che è stato traghettato da Caronte sull’altra sponda – si è preso il compito di indicare la strada al centrosinistra. La salvezza è nella lotta ai sovranisti di ogni ordine e misura: «Non dobbiamo presentare liste di partito, ma giocarcela controvento e in modo inedito. Serve un’alleanza nuova. Che unisca le diversità, dalla Lorenzin alla Boldrini, da Calenda alla Bonino. Che dia preminenza ai temi europei, uscendo dalle appartenenze ideologiche di vent’anni fa. Spiegando che la nostra Europa non è questa, burocratica, timida e dei compromessi, ma una Unione autenticamente federalista», afferma in un’intervista alla Repubblica. «Se alle Europee – spiega Casini – le forze europeiste non trovano questo coraggio e si limitano a presentare le solite liste di partito, se non fanno un salto in avanti verso il federalismo e gli Stati Uniti d’Europa, se non ci mettiamo a criticare l’Europa per ragioni opposte ai sovranisti spiegando che i migranti li distribuiamo soltanto col federalismo, non certo con le loro ricette – andremo incontro al disastro», la tesi di Casini. «Pensate al Ppe. C’è dentro Orbàn, ma anche le famiglie del Nord europeo che la pensano come il Pd. E poi, è finita l’era della competizione collaborazione tra popolari e socialisti. Tutta questa roba qui non c’è più», conclude Casini. E sogna il tutti insieme appassionatamente, da Renzi alla Boschi, dalla Lorenzin alla Boldrini e alla Bonino. Un nuovo Titanic.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • luigi crocco 7 novembre 2018

    certo che attaccarsi alla Boldrini radical chic della sinistra estrema e alla Bonino assassina di feti sul aborto politico non sembra cosa edificante per nessuno

  • luigi ghignone 4 ottobre 2018

    CAsINI fai schifo

  • Giuseppe Forconi 20 settembre 2018

    Casini, ma Casini caro, non sai piu’ dove attaccarti, sei proprio alla frutta per attaccarti alla boldrini significa proprio che devi da ve na fame disperata. Manco a dire che potresti andare in Russia a piangere sui resti del tuo ex capo er sor palmiro, perche’ anche li il comunismo non c’e’ piu’, ma tu insisti e speri che il trio panzetta con i quali ti vuoi alleare, ti potranno salvare. Ma con tutti i quattrini che ti sei fregato dalle tasche di chi ti ha votato, potresti vivere da re anche in Africa. Non dimenticarti di portarti con te anche i tuoi soci.

  • amerigo 18 settembre 2018

    Che ideona: distribuiamo le “risorse” alle famiglie e, visto che Casini di famiglie ne ha diverse, se ne accolli un paio per ogni sua famiglia, passata e presente. Il suocerino Caltagirone, poi, è persona danarosa. . .Non credo che si voglia far parlare dietro per pochi spiccioli…

  • Bonacini Stefano 18 settembre 2018

    tre personaggi in cerca d’autore…patetici refusi di un mondo che non c’è più

  • Pinzaglia Quinto 18 settembre 2018

    Certo che questo losco figuro non sa proprio cosa sia la vergogna.Parassita con la poltrona attaccata al culo perenne parassita mantenuto dai contribuenti italiani

    • Michele 19 settembre 2018

      concordo con tutti voi

  • peppa 18 settembre 2018

    Sono perfettamente d’accordo che si riuniscano, tutti però, e poi si lancino in blocco giù per un burrone.

  • Ben Frank 18 settembre 2018

    Lo strorpio si aggrappa allo sciancato, ed entrambi si lasciano guidare dal guercio

  • giuliano 18 settembre 2018

    si, unitevi e datevi fuoco.

  • Gran Turco 18 settembre 2018

    L’EX PORTABORSE DI FORLANI (QUEST’ULTIMO CON LA BAVA
    ALLA BOCCA MENTRE VIENE INTERROGATO DAL P.M. DI PIETRO)

  • franco prestifilippo 18 settembre 2018

    …..è l’ultimo partito del’arco costituzionale italiano che può accoglierlo. Sarà in buona compagnia!

  • RICCARDO AMARA 18 settembre 2018

    che casino

  • Brigante nero 18 settembre 2018

    Bravi mettetevi tutti da una parte così la gente capisce e vi fa finalmente sgomberare il campo.

  • Luciano 18 settembre 2018

    Inutili parassiti se avete un po’ di dignità andate in Nigeria e smettere di rubare stipendi agli italiani. I peggior politici d’Italia insieme a tutti quelli del pd.

  • sergio 18 settembre 2018

    ..un professionista del nulla…..ora ha l’età per godersi la pensione…..se ne vada !!!

  • Fabio 18 settembre 2018

    Ma ancora parla sto Casini democristiano di sinistra ? Proprio lui parla di pulizia sovranista ? È proprio una banderuola !

  • ADRIANO AGOSTINI 18 settembre 2018

    Fanno rivivere il “TRIO MONNEZZA”…

  • Lisetta Serra 18 settembre 2018

    Patetico! Si é venduto a tutti gli schieramenti pur di non andare a lavorare. Una vergogna per i bolognesi e per l’Italia!

  • Laura 52 18 settembre 2018

    L’ultimo tentativo per non sparire? Speriamo!

  • Paolo 18 settembre 2018

    Non ho parole spero solo che le persone non votino più questi parlamentari basta vadano a fare qualcosa d’altro che i soldi c’è l’anno

  • Giorgione 18 settembre 2018

    Quando la nave affonda, i sorci scappano…

  • Rita Daina Andreetto 18 settembre 2018

    L’epitome del mignottismo politico. Come è sceso in basso. Non li voterebbero manco i loro parenti.

  • lucio 17 settembre 2018

    Casini di nome e di fatto

  • Giuseppe Tolu 17 settembre 2018

    ?????ha trovato il posto giusto dove fare il nido, tra due cornacchie, uhahaahah aahahhh

  • claudio cavicchi 17 settembre 2018

    Povero Casini, ormai si è alleato con tutti pur di non perdere la sedia, al prossimo giro
    forse si allea con topo gigio

  • Pino1° 17 settembre 2018

    Galleggia sempre, non essendo un turacciolo come alternativa resta solo uno st****o ! Amen !

  • Marcello 17 settembre 2018

    Un ex cattolico integralista come Casini alla disperata ricerca di visibilità è arrivato all’estrema vergogna di mendicare l’appoggio di gentarella come le tre B= belle, buone e brave? Ma no! Si tratta “soltanto” delle tre Erinni Boschi, Boldrini, Bonino. E’ tutto dire…

  • Angela. 17 settembre 2018

    Che banderuola questo Casini!ridicolo.

  • Laura Prosperini 17 settembre 2018

    che schifo…

  • In evidenza

    contatore di accessi