Capitano Ultimo senza scorta, il Viminale: «Lo Stato non abbandona nessuno»

lunedì 3 settembre 12:25 - di Elsa Corsini

«Ci sono delle circostanze che vengono valutate a livello centrale e a livello locale. Lo Stato non abbandona nessuno». Con queste parole il sottosegretario all’Interno Stefano Candiani tenta di disinnescare le proteste  per la decisione del Viminale (presa lo scorso 31 luglio e in vigore da oggi 3 settembre) di revocare la scorta al colonnello Sergio De Caprio, conosciuto come Capitano Ultimo, che nel 1993 catturò il superboss Totò Riina con un’operazione esemplare. Il vice di Salvini risponde “ diplomaticamente” a distanza alla durissima reazione del colonnello dei carabineri che ha parlato esplicitamente di omertà e di “mobbing di Stato” in una serie di tweet: «I peggiori sono sempre quelli che rimangono alla finestra a guardare come andrà a finire ha scritto fra l’altro Ultimo  da oggi senza protezione – sempre tutti uniti contro la mafia di Riina e Bagarella. No abbandono, no omertà, no mobbing di Stato».

Revoca della scorta, lo sfogo di Capitano Ultimo

La protesta diventa virale. Oggi, nell’anniversario dell’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, davanti alla Casa Famiglia Capitano Ultimo, a Roma, si terrà «una serata per ricordare l’esempio di un combattente abbandonato nella lotta alla mafia, lontano dai palazzi del potere, con la gente umile, con le famiglie». All’appuntamento prenderà parte ancue Rita Dalla Chiesa, la figlia del generale ucciso dalla mafia, che per prima qualche giorno fa ha dato la notizia-choc della a revoca della scorta a Ultimo, chiedendo spiegazioni al titolare del Viminale. «Dal 3 settembre, verrà tolta la scorta al Capitano Ultimo. A colui che arrestò Totò Riina. Il 3 settembre venne anche ucciso mio padre – ha denunciato la conduttrice televisiva – ministro Matteo Salvini lei sa di questa aberrante decisione? La scorta a Saviano sì, e a Capitano Ultimo no?”.  Finora il colonnello De Caprio ha goduto fino ad oggi di una protezione del quarto livello, il più basso, che consiste in un’auto non blindata ed una persona di scorta.

Il Viminale: non abbandoniamo nessuno

A difesa del Capitano Ultimo si sono schierati politici, cittadini e colleghi. I vigili del fuoco dell’Usb hanno organizzato un sit-in davanti alla prefettura di Catanzaro, mentre su Change.org è stata lanciata una petizione per riassegnargli la scorta. La denuncia è montata e nei giorni scorsi in tanti, furiosi per la sospensione della protezione al colonnello, hanno sollecitato l’intervento del titolare del Viminale, che aveva puntualizzato di non poter intervenire direttamente, come ministro, sull’assegnazione del personale di scorta, ma aveva promesso di chiedere «informazioni per capirne di più». Giorgia Meloni ha annunciato un’interrogazione e la richiesta, al prossimo question time in Prima commissione, di mantenere la protezione: «Gli eroi che hanno combattuto e che combattono la mafia devono essere sostenuti e difesi dallo Stato». Oggi la risposta “diplomatica” del sottosegrario all’Interno, che difficilmente metterà la parola fine al caso.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe 4 settembre 2018

    E’ una vergogna.Ridate subito quella misera protezione a Capitan Ultimo.Se non avverra’ il Governo del cosidetto cambiamento dimostrera’ di essere composto da quarequa’qua’.

  • giuseppe 4 settembre 2018

    Un Uomo come il Capitano Ultimo non dovrebbe essere lasciato solo dallo Stato nemmeno un decimo di secondo.Mentre il Ministro dell’Interno Salvini deve prendere ulteriori Informazioni sul caso(sinceramente cio’ mi lascia parecchio perplesso) e il ViceMinistro afferma che nessuno sara’ abbandonato dallo Stato. Sergio Di Caprio e’ rimasto ignobilmente senza alcuna protezione da parte dello Stato.

  • PANI GIAMPAOLO 4 settembre 2018

    in questo caso Salvini deve intervenire urgentemente e rinforzare la scorta a questo eroe

  • Gran Turco 4 settembre 2018

    DUE SOLE PAROLE A SALVINI: “E’ UNA VERGOGNA”!!!!

  • sergio la terza 4 settembre 2018

    Non solo lo Stato ma anche Mediaset ignora i meriti degli eroi,vedi la figlia del gen.Dalla Chiesa allontanata da Forum per fare posto alla sig.ra RUTELLI-Palombelli.-Forse A.D di mediaset ha bisogno di raccomandazioni?

  • Fabio 4 settembre 2018

    Sono un ex sottufficiale dei Carabinieri è ho combattuto le Brigate Rosse è la Mafia, ho visto tanti morti massacrati sia da uno che dall’altro anti stato, lo Stato ha deciso guarda caso abbandonare Ultimo proprio il giorno cui viene commemorato l’omicidio del Generale Dalla Chiesa, fatto volutamente è con arcigna decisione del vecchio Governo. Io sono pronto come tanti altri miei colleghi ha difendere il Colonnello Ultimo. Quando uno Stato abbandona un proprio figlio allora bisogna organizzare una rivoluzione al fine di rimettere a posto le cose..

  • Pino1° 3 settembre 2018

    E’ la MAFIA, anche se immaterialmente, ad occupare taluni posti apicali dello stato ? Non dichiaratamente ma per le risultanze delle mosse di aggiustamento emergenti nella politica ?
    Il Paese si è espresso con indirizzi diversi ! Diversi, dai tanti, troppi anni di sinistra occupazione dello stato e senza espressioni di voto, i ‘soros’ ci hanno invaso! Se è vero che la nazione va difesa dalle aggressioni esterne lo è altrettanto da quelle interne!
    E’ sfortunatamente molto lontano il rinnovo di alcuni nodi strategici per il paese e però, cominciamo a farlo pensare, forte…il presidente Ciampi, si, lui, subì un attentato a Firenze Via dei Georgofili perché Riina si opponeva al 41 bis; sembro’ non accadere nulla.. che nessuna connessione vi fosse
    e invece accadde!
    Ormai, la sensazione che sia la mafia a gestire i gangli sensibili del paese è un ‘sentire’ di molti !! Ricordiamo di cambiare sistema, ricordo il grande presidente Pertini, nato a Stella, Liguria, partigiano (si, le eccezioni esistono) e galantuomo, il prossimo/i presidente prendiamolo/i di Trento, Bolzano, Trieste, o Sardo e possibilmente né magistrato, né avvocato, ne cattocomunista o ex democristiano, cominciò allora, una strada che ci fa carico e porta in lunghi anni ad oggi!
    Così è se vi pare ??? Vedete un po’ voi!!!!

  • GIORGIO 3 settembre 2018

    però la danno a quel saviano che non serve a nulla

  • In evidenza

    contatore di accessi