Bufera sul ministro Bonisoli: «I migranti? Dannosi come le piante infestanti»

venerdì 28 settembre 16:20 - di Lucio Meo

A Palermo, arriva l’ennesima gaffe di un ministro grillino che scatena la sinistra, sempre pronta a scandalizzarsi quando si parla di immigrazione con parole “non politicamente corrette”, anche in buona fede, come nel caso del titolare dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, al quale è scappata una frase un po’ equivoca: «Quando arrivano alcune specie di piante da fuori, se non c’è un processo artificiale che regola l’acclimatamento, la specie diventa un infestante e manifesta i suoi effetti negativi. Serve del tempo per questa fase di acclimatamento che nel nostro Paese non credo sia stato sufficiente. Ecco perché abbiamo situazioni di disagio, di paura da parte di cittadini che non hanno compreso questo cambiamento e come possa essere affrontato». A Palermo il ministro Bonisoli, che ha incontrato il sindaco Orlando, ha utilizzato una metafora ardita per parlare del fenomeno migratorio. «La cultura può essere modo per accelerare questa modalità di acclimatamento – ha aggiunto -, il dialogo interculturale può aiutare a superare questa situazione. Noi vogliamo che attraverso la diversità che è una ricchezza si ottenga un’altra ricchezza che è la crescita del tessuto sociale e della qualità della vita. C’è una concreta opportunità di farcela e la cultura è uno degli elementi che può aiutare questo processo».  Nel suo tour il ministro è stato accompagnato dai deputati pentastellati regionali e durante il quale ha incontrato anche il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè. In passato Bonisoli era stato accusato di voler cancellare le aperture gratuite dei musei, anche se in quella occasione aveva fornito successivi chiarimenti che andavano nella direzione opposta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 29 settembre 2018

    Ben detto Bonisoli, se ne freghi delle starnazzate dei comunisti o della boldrini.

  • Carlo 29 settembre 2018

    Metafora ardita? Ha solo detto in modo forbito chiaro e tecnicamente ineccepibile la verità. Pur se detesto i 5 stelle, qui non ci sono recriminazioni. È questo Paese di dementi, che vede i problemi dove non ci sono e viceversa…

  • Angela 29 settembre 2018

    Ha ragione Boninsoli,questi immigrati che arrivano,non invitati,e che pagano migliaia di euro a trafficanti delinquenti,sono per la maggior parte, musulmani i quali non hanno mai nascosto di voler “colonizzare “il mondo con la loro religione,stiamo attenti perché se continua così il mondo occidentale sarà fagocitato da questa gente che anziché restare a casa loro e combattere per rendere migliore il loro Paese preferiscono pagare e arrivarei in Europa con un progetto preciso…ma questo i nostri politici italiani e europei non vogliono capirlo…non vorrei un giorno che fossimo noi europei ad essere sottomessi all’Islam…il pericolo è molto vicino e sarebbe auspicabile che l’Europa si svegliasse al più presto.

  • lucio 28 settembre 2018

    Chiamatela pure gaffe, ma purtroppo è la realtà

  • Caesar 28 settembre 2018

    Cosa ha detto di non vero? Questi sinistri sono buoni solo a scandalizzarsi ora che non possono più dare il cattivo esempio da governanti.

  • GIAN GUIDO BARBANTI 28 settembre 2018

    in effetti e’ vero

  • In evidenza

    contatore di accessi