Asini a 5stelle: Conte toppa sull’8 settembre, Di Maio “sposta” Matera in Puglia

lunedì 10 settembre 13:58 - di Giacomo Fabi

E adesso vediamo se in giro c’è ancora qualcuno dotato di tale e tanta faccia tosta da mettere in dubbio la carica rivoluzionaria del “governo del cambiamento”. Se c’è, chiediamogli ad esempio a quale politico prima del premier Conte sarebbe mai saltato pensato di elevare la data dell’8 settembre del 1943 a scintilla di ottimismo da cui «iniziò il periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro Paese»? Una topica micidiale impensabile per i marpioni della Prima e della Seconda Repubblica. Ma, si sa, la vecchia politica ci prendeva per il naso fino a spacciare per ricorrenze nazionali date insignificanti come il 4 novembre o il 25 aprile. Invece, con il “nuovismo” al potere la pacchia della memoria è finita e anche l’8 settembre può godersi la sua vendetta: non più giorno della morte della patria, ma alfa della sua resurrezione civile e morale. A dispetto degli storici che continuano a menarcela con la guerra civile, con l’Italia spaccata in due, con i tedeschi in uscita al Nord e gli angloamericani in entrata al Sud e con in mezzo gli italiani senza più Re, senza più Duce e senza più Stato. Continuino pure tanto non saranno certo i loro libri a fermare il fiume del cambiamento. Men che meno l’atlante geografico, vero pallino di Giggino Di Maio, che dopo aver piazzato il Cile al posto del Venezuela è riuscito nell’impresa di spostare d’imperio Matera in Puglia. Gli è bastato strizzare l’occhietto ammiccante al governatore Emiliano durante un corteo: «Allora, con Matera cosa state facendo?». Che non ci fosse nulla di concordato è provato dal mix di commiserazione e sconcerto che si è stampato in un istante sul faccione sudato del presidente pugliese, a conferma che il bello del fuori onda non fa sconti a nessuno, neppure al cambiamento. Della geografia, in questo caso. Del resto, al pari della verità, anche l’ignoranza può essere rivoluzionaria. E poco importa se a farne le spese sono i congiuntivi e i riti della vecchia politica. Anche se quella, almeno, aveva il buon gusto di lasciare le vaccinazioni ai medici, la storia agli storici e… Matera alla Basilicata.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 10 settembre 2018

    Che figura di m….!

  • In evidenza

    contatore di accessi