Violenze inaudite per cinque ore: chi è lo stupratore di Parma e cosa diceva su Fb

venerdì 31 Agosto 17:53 - di

Federico Pesci, l’uomo che ha abusato di una giovane di 21 anni a Parma con l’aiuto e il supporto del suo pusher, il nigeriano Wilson Ndu Aniyem, era molto conosciuto a Parma. E tutti sapevano del suo amore per la cocaina. Su Parmatoday sono riportati i giudizi dei suoi concittadini, che lo descrivono come un uomo arrogante, poco rassicurante e che si dava un sacco di arie.

Ora il suo profilo Fb, inondato da insulti, è stato chiuso. Da quel profilo l’imprenditore dispensava anche consigli agli amici sulle fidanzate e le tavole da snowboard.

 

Questo cocainomane ha inferto alla sua vittima frustate e torture. “Violenze inaudite”: così Cosimo Romano, dirigente della squadra mobile di Parma, descrive quanto avvenuto alla ragazza: “La ragazza è stata portata al pronto soccorso e il referto non lasciava spazio ad alcun dubbio: 45 giorni di prognosi per ecchimosi, lesioni, ferite su tutto il corpo. Ma più di questi 45 giorni possono le parole di un medico, il quale ha detto che in 7 anni di pronto soccorso non si era mai trovato davanti una donna con delle lesioni del genere, parlando di violenze brutali”.

Vittima di questa terribile storia è una 21enne parmigiana che l’uomo aveva attirato invitandola a cena. Per oltre 5 ore, nell’attico dell’uomo,  la 21enne è stata sottoposta a ogni genere di violenze senza che nessuno dei due accennasse a fermarsi. Quando è stata finalmente liberata, ha subito inerme un altro rapporto sessuale, poi dolorante e scioccata ha preso un taxi ed è tornata a casa. La ragazza, sotto choc, non ha inizialmente detto nulla a nessuno ma i genitori si sono accorti che era successo qualcosa dagli evidenti segni presenti sul suo corpo, dai dolori insopportabili e dalla impossibilità ad alimentarsi. Di “una vicenda agghiacciante, terribile”, ha parlato il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 1 Settembre 2018

    Questi basta metterli in sezione insieme ai detenuti comuni e poi andare a prendere un caffè alla macchinetta che sta di sotto per non sentire le grida e il gioco è fatto

  • romano 1 Settembre 2018

    perchè…serve anche un commento?

  • yuri 31 Agosto 2018

    ecco come i nigeriani vedono la droga. i poveri nigerini tutti a vendere la droga,come quell’altrodi Pamela.tutti poveri profughi da salvare da annegamento per fargli importare e vedere droga.

  • Giuseppe Tolu 31 Agosto 2018

    Castrazione immediata!

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )