Saviano riemerge dal silenzio di Genova e straparla: stavolta ce l’ha con Conte

martedì 28 Agosto 16:14 - di

Dopo l’assordante silenzio, che non è certo passato inosservato, e pesantemente riecheggiato nell’aria sin dalle prime ore del dramma di Genova, ora Saviano torna ad inveire e a discettare, sollecito – a corrente alternata però –  nell’elargire pillole di buonismo dem con cui indottrinare a dovere una sinistra allo sbando, ormai incapace di rimettersi in carreggiata e di serrare i ranghi intorno a un progetto, un’idea, un’iniziativa che tenga.

Saviano torna a straparlare…

Una sinistra che gioca di rimessa, quella a cui si rivolge Saviano che, nel vuoto pneumatico che l’attanaglia, non può che attaccarsi alle iniziative e alle proposte degli avversari per provare a battere un colpo sulla scena politica. E così oggi, quando tutti i riflettori sono puntati sull’imminente incontro milanese tra Salvini e Orban – un vertice sollecitato dal presidente ungherese e organizzato in prefettura, che vede al centro del vertice la spinosa “questione migranti”– la solita sinistra buonista, quella che invoca a oltranza l’accoglienza coatta; quella che insiste sugli obblighi dell’ospitalità trascurando colpevolmente i diritti di chi è chiamato a fare spazio, stringendo i denti e sorridendo pure; insomma, l’immarcescibile sinistra dem, che predica l’asilo ovunque nel Belpaese, tranne che nella sua roccaforte radical chic di Capalbio, lascia campo e contro-campo al suo mentore che, dai salotti tv, come dalle terrazze newyorkesi, torna a chiamare all’adunata le truppe sparse e sempre più disorientate di militanti. Quelli che oggi saranno nella milanese piazza San Babila per il presidio Europa senza muri: un’iniziativa a dir poco stucchevole a partire dal nome che la etichetta.

E stavolta attacca il premier Conte

E così, al grido di “armiamoci e partite”, mentre gli attivisti scendono in piazza e allestiscono il presidio, l’autore di Gomorra si arrampica sulla rete per scalare i social e piantare la sua bandierina su Twitter: il mirino, però, stavolta si sposta leggermente dal ministro Salvini, per centrare direttamente il premier Conte. E tra un hashtag veemente e un epiteto stile quelli che gli sono costati una denuncia da parte del numero uno del Viminale, Saviano posta: «Su Orban a colloquio con il ministro della Mala Vita, vale la pena evidenziare, anche se non ce n’è oramai bisogno, che l’avvocato Conte non conta. Non tutti hanno la dignità per dire: “Basta, non posso essere un burattino”. Lui non ce l’ha – scrive e sentenzia Saviano – ed è questa oggi la vera immagine del Paese». Poi, non ancora pago, agli insulti allega pure il disegnino, per chi non avesse ancora capito: nella fattispecie, una vignetta in cui è ritratto Giuseppe Conte nelle vesti di una marionetta. Il solito Saviano, insomma: più che corrosivo, banalmente offensivo.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tonio 29 Agosto 2018

    Teme di non avere più i privilegi di cui ha goduto sino ad oggi. Anche Conte lo quereli . A dimenticavo: dell’inutilita della sua scorta ne vogliamo parlare?…

  • GIORGIO 29 Agosto 2018

    che personaggio squallido!!!!!!!!!

  • carlo 29 Agosto 2018

    Saviano togliamogli la scorta cosi ci penserà la camorra a fargli la scorta al c….ro

  • Eolo 29 Agosto 2018

    In effetti mi meraviglia che i costi della scorta siano a carico della collettività mentre lui continua a guadagnare in proprio.

  • Giuseppe Forconi 29 Agosto 2018

    La bestialita’ piu’ grossa e’ che…… Gli state pagando la scorta…… Quei soldi potrebbero aiutare molti anziani bisognosi. No.!!! il governo aiuta, soccorre e protegge L’Abominevole uomo. BRAVI.

  • Giuseppe Forconi 29 Agosto 2018

    E’ incredibile come il Popolo rimanga cosi’ in silenzio a fronte delle bestialita’ di questo salviano. Maggiormente incredulo che una ,sorta, di giustizia, cioe’ giudici,. lascino ancora che questo tizio possa ancora vomitare sentenze contro un personaggio che altro non fa’ che risanare quello che ancora e’ possibile sanare dell’Italia.

  • florio 28 Agosto 2018

    L’ immigrazione illegale di massa, studiata a tavolino sin da remore memoria, dai regimi corrotti del passato in combutta con la èlite della finanza e del clero, va senza eccezioni alcuna bloccata con ogni mezzo, a tutela degli interessi del paese, della sicurezza presente e futura, dei cittadini. Si tratta, come tanti hanno ben compreso, e che certa informazione a maggior titolo da tempo sostiene, di soggetti in buona parte, aiutati dalle organizzazioni criminali finanziate da èlite, ONU, associazioni e politici nostrani, le quali provvedono a privarli dei documenti, prima dell’imbarco, e ad istruirli nel rendere credibili, una volta arrivati nel bel paese, le loro presunte storie di violenze, subite da chi, ed avere cosi accesso allo status di rifugiato.- Una volta ottenuto, ce li troviamo, per buona parte, sulle strade a commettere reati d’ogni ordine e tipo, quantomeno non sono penalmente perseguibili, dal momento che beneficiano illegalmente dello status di rifugiato. Sfido giudici, e sinistrati di ogni ordine e grado, contenere la rabbia della gente, con il rischio di rivolte, nel qual caso questi protetti del regime, compiano in avvenire su questo territorio reati ben più gravi. A nessuno è mai passata per la mente che questa accozzaglia di delinquenti, che evidentemente ci guadagnano pure non male sul lato economico, (immagino le casse dello ior strapiene di questi proventi), il vero obiettivo, nella presunta realtà che si verrebbe a determinare, con la complicità delle èlite in europa, è nel verosimile, generare caos e rivolte nel paese, e chissà mai, dai risvolti ben più gravi(guerra civile). Lo stivale, per la posizione strategica, fa gola a tanti. Suddiviso dalle potenze che accorrono a sedare la rivolta, in un ipotetico futuro è una delle possibili ipotesi da non cestinare. Sperare in avvenire sul sostegno USA è alquanto irrisorio, immersa com’è e come lo sarà, nei suoi problemi. I veri profughi, da parte di queste organizzazioni criminali, non sono di alcun tipo d’interesse, dal momento che non generano alcun indotto alle tasche di quest’ultimi, anche perchè si trovano in aree geografiche ben più distanti, e difficili da raggiungere con la guerra in corso, come la Siria, dove decine e decine di bimbi, per lo più orfani, in questi giorni sono oggetto di bombardamenti e violenze di ogni tipo. Come la mettiamo???

  • Andrea 28 Agosto 2018

    E i giornalisti cosa aspettano a ignorarlo invece che fare un altro articolo? Fate un favore al popolo Ignoratelo ! intanto fa solo dei danni ! …. e poi VIA LA SCORTA SUBITO !!!!!

  • Andrea 28 Agosto 2018

    Via la scorta immediatamente ! (pagata da noi) poi vediamo se continua a fare il galletto !!

  • Giuseppe Tolu 28 Agosto 2018

    Deve aver trovato il cancelletto aperto, non era in gabbia sino a qualche giorno fa?

    • angelo raiti 29 Agosto 2018

      Togliamoli subito la scorta gli uomini che si impiegano per la salvaguardia e la sicurezza della sua persona si potrebbero impegnare al controllo del nostro territorio per questo saviano vai a rompere i palloni altrove

    Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )