Multata una donna perché indossa il velo: la Danimarca fa sul serio

sabato 4 agosto 11:48 - di Alessandro Giuliani

La Danimarca fa sul serio. Arriva la prima multa “per velo” nei confronti di una donna di 28 anni che indossava il ‘niqab’, il velo islamico che copre il volto. Il divieto del velo in pubblico è entrato in vigore quattro giorni fa in Danimarca, come riportato dalla Bbc. La donna è stata avvicinata in un centro commerciale a Horsholm, 25 chilometri a nord di Copenhagen, da un’altra signora che le ha chiesto di togliersi il velo. Al suo rifiuto le due hanno cominciato a discutere animatamente e qualcuno deve aver chiamato la polizia. Anche gli agenti hanno chiesto alla donna con il velo di toglierselo ma lei ha insistito a volerlo tenere.

Velo, multa di 1000 corone

Alla fine entrambe le donne sono state multate per disturbo della quiete pubblica, in più la signora con il niqab ha dovuto pagare 1.000 corone (circa 134 euro) per aver violato il divieto del velo in pubblico. La misura, nella quale non si nominano esplicitamente ‘niqab o burqa’ bensì in generale «qualsiasi indumento che nasconda il volto», ha scatenato tre giorni fa diverse proteste a Copenhagen e in altre città della Danimarca e Human Rights Watch l’ha bollata come «discriminatoria». Divieti totale o parziali sono in vigore in Francia, Austria, Bulgaria e in Baviera.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Forconi 6 agosto 2018

    Non sia mai che questa legge venga applicata in Italia, cosa direbbe la boldrini e tutti i buonisti comunisti ? NOOOOO!!!!!! , anzi perche’ non gli costruiamo noi un paio di moschee a nostre spese ?? Magari una proprio in via della Conciliazione a due passi da San Pietro.

  • Massimilianodi SaintJust 5 agosto 2018

    Le islamiche hanno il senso del pudore femminile, invece bisogna multare le nostre donne scostumate e svestite o che si prestano a pubblicità mortificanti per la dignità della donna!

    • Renata Bortolozzi 5 agosto 2018

      non è chiaro se è una spiritosaggine mal espressa, o un pensiero convinto.

  • Gianni 5 agosto 2018

    ECCO LA VERA NAZIONE CHE SI FA RISPETTARE , IL VELO IL BURGA ; E SE SI NASCONDE QUALCHE TERROSTA ? QUI E” COSI SE NON VI STA BENE TUTTI AL PAESE SUO ?

  • leonardo rocco tauro 5 agosto 2018

    Danimarca, una nazione seria. Anche se bisogna dire che in passato hanno largheggiato troppo.
    E’ L’Europa che va a destra. Primo partito della storia europea a parlare il linguaggio della difesa dei valori occidentali e nazionali, è stato il Movimento Sociale Italiano, andiamone orgogliosi. Poi tutti hanno scoperto la necessità di difendre la storia del Vecchio Continente.

  • Luigi 5 agosto 2018

    Siamo stufi, o non si può dire nemmeno questo? In Italia, si deve ripristinare il caos, immesso dal governo precedente, e gli immigrati devono trattare la nostra patria (di accoglienza), con rispetto, e dignità, prima di aprire porti e far sguazzare ancora, persone intolleranti per il Popolo Nazionale.

  • Lisetta Serra 5 agosto 2018

    Bene comincia la lotta contro l’invadione Islamica perchè questa é un’invasione religiosa ed ideologica, anche se i buonisti non lo ammettono. Non é che dovremo ritornare al tempo delle Crociate per difendere i nostri valori e il nostro credo?

  • Angela 5 agosto 2018

    Finalmente una nazione che fa rispettare le leggi.

  • Leo Grellede 5 agosto 2018

    Legge ugiale

  • Silvia 5 agosto 2018

    Quando si emigra in una nazione si devono rispettare le sue leggi, altrimenti si torna a casa propria.

  • Angelo 5 agosto 2018

    Non capisco perché multare anche altra donna ha svolto un dovere civico e quindi andava premiata !

  • Giorgio Sornicola 5 agosto 2018

    È in Italia quando una legge simile?

  • Laura 52 5 agosto 2018

    Da noi non si può girare camuffati, a meno che non sia carnevale. Se proprio vogliono stare a casa nostra, si devono adeguare alle nostre leggi, altrimenti tornino a casa loro!

  • Giuseppe Tolu 4 agosto 2018

    La seconda volta rispedita a casa sua, senza se e senza ma.

  • TonyHope 4 agosto 2018

    Hanno fatto benissimo

  • In evidenza

    contatore di accessi