Missione Sophia, Trenta: «Delusi dall’Europa, siamo pronti a dire basta»

giovedì 30 Agosto 14:22 - di

La missione Sophia (sottoscritta dal governo Renzi) va cambiata, serve una rotazione dei porti di sbarco, l’Italia non può accollarsi tutti gli oneri. È un intervento pacato nei toni (che gli vale il ringraziamento dei colleghi francesi e tedeschi) ma risoluto nella sostanza quello della ministra della Difesa, Emanuela Trenta, alla riunione Difesa dell’Ue in svolgimento a Vienna, nel quale illustra la proposta italiana di modifica delle regole della missione sulle quali non c’è accordo, tanto che da da Roma Matteo Salvini fa sapere che la pazienza italiana è ai limiti e che il governo valuterà se continuare.

Trenta: la missione Sophia va cambiata

«Nel 2015 ci siamo assunti la responsabilità politica di far nascere la missione Sophia», ricorda la ministra sottolineando però che in questi anni la situazione è molto diversa. «Allora si riteneva che l’azione in acque extra-territoriali sarebbe stata solo una prima fase. Le cose in Libia sono andate diversamente e la presenza di Sophia dura ormai da tre anni. Finora, come Italia, abbiamo da soli accolto tutti i migranti salvati. Questo non è più possibile, lo dico a nome del governo. Occorre cambiare le regole». Parole decise che fanno presagire che il governo voglia andare fino in fondo di fronte a un eventuale muro di Bruxelles. «Per certi versi Sophia dimostra che l’Europa sa essere un security provider, ma penso che su Sophia si giochi l’immagine dell’Europa», ha detto ancora la Trenta aggiungendo che l’Italia è aperta a tutti i suggerimenti «che riflettano il concetto secondo cui l’Europa è pronta a rispondere alle sfide che la riguardano». La nostra proposta – riassume – mira ad introdurre una rotazione dei porti di sbarco e una unità di coordinamento che assegni il porto al Paese competente, «l’auspicio è che oggi venga aperto un dibattito su questo fronte, noi siamo qui per questo. Anche perché se tutti ne traggono beneficio da Sophia è naturale che anche gli oneri vengano condivisi equamente: sin dall’avvio l’Italia ne sopporta invece gli oneri maggiori, ad iniziare da quello per cui tutte le persone salvate in mare vengono sbarcate in Italia e non vi è alcun meccanismo di redistribuzione degli stessi tra Stati Membri».

Salvini: decideremo se andare avanti

La strada  della condivisione europea però è in salita, come conferma Federica Mogherini: «Finora, non è stato trovato un consenso tra i Paesi membri dell’Ue sulle regole per lo sbarco dei migranti soccorsi in mare dalle navi dell’operazione Sophia. Per cambiare le regole delle operazioni Ue, come Sophia, serve l’unanimità», sottolinea l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’Unione riferendo che da parte di tutti gli Stati membri c’è la forte «determinazione a proseguire l’operazione considerata di «importanza cruciale» ma non a modificarla. La titolare della Farnesina si dice delusa dall’Europa «che non c’è», ma anche fiduciosa. «Ho trovato porte aperte, ma anche chiuse. Crediamo che qualcosa possa cambiare nell’incontro di venerdì (domani, ndr)», ha concluso. Salvini è pronto ad andare fino in fondo: «La missione navale Sophia ha un bel nome ma spesso non bellissimi risultati. Ho chiesto di condividere i porti di sbarco. Se anche a fronte di questo nuova richiesta otterremo un no dovremo valutare se continuare a spendere soldi per una missione che sulla carta è internazionale ma di fatto è tutta a carico di 60 milioni di italiani e di un solo Paese».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giacomo Puliatti 31 Agosto 2018

    Ecco la voce del popolo sovrano!!! l’Europa? E’ un’utopia! se facessimo un refendum ( più volte da me additato) sono sicuro che la nostra gente che non ne può più di questi quattro pezzenti ( macron in primis) darà un segno indelebile e una svolta definitiva a questa ” falsa unione inesistente”. Volgiamo quindi la nostra politica economica ad est, sono sicuro che il nostro Stato e noi tutti con Lui, ci guadagnerà!

  • Fyore 31 Agosto 2018

    Perfettamente d’accordo rivolgiamo la nostra patria

  • Fyore 31 Agosto 2018

    Fuori da questa Europa, decidiamo noi il nostro destino sovranità monetaria subito

  • francesco massetti 31 Agosto 2018

    brava ministro Trenta , avanti cosi

  • Agostino 31 Agosto 2018

    L`Italia ha gia`dato, fin troppo, macché Sophia d`Egitto, siamo diventati la pattumiera del mondo, blocco navale prima che ci troviamo tutta l`Africa in casa, quelli vanno aiutati nel loro paese, adesso basta con gli stupratori, i delinquenti fancazzisti arroganti mostriamo finalmente di avere le palle ora che piano piano ci stiamo liberando dalle zecche rosse che ci hanno ridotto in questo stato

  • abramo de angelis 31 Agosto 2018

    Mi chiedo ma la Mogherini che Renzi mando’ a trombe squillanti in Europa a cosa serve, a cosa ci e’ servita ed a chi serve?????

  • giovanni vuolo 31 Agosto 2018

    SONO UN CONVINTO EUROPEISTA, MA UN’EUROPA COME QUESTA MEGLIO PERDERLA CHE TROVARLA. FORSE CONVIENE TIRARE AVANTI FINO ALLE PROSSIME ELEZIONI, PER VERIFICARE SE DAVVERO CI SARA’ UNA SVOLTA SIGNIFICATIVA, ALTRIMENTI MEGLIO SEGUIRE L’ESEMPIO DELLA GRAN BRETAGNA, OPPURE AGGREGARSI CON ALTRI PAESI CRITICI NEI CONFRONTI DI QUESTO MODO DI GOVERNARE

  • Stefano 31 Agosto 2018

    Dobbiamo minacciare un referendum per l’uscita dell’Italia dalla UE, come la Gran Bretagna.
    Se l’Europa perdesse l’Italia, sarebbe la fine dell’Europa.
    Forse questo smuoverebbe un po’ delle “anime belle” europee.

  • giulio 31 Agosto 2018

    Non possiamo dare la colpa all’Europa se i nostri magistrati definiscono “sequestro di persona” il blocco dei porti.
    Non possiamo dare la colpa all’Europa se la Guardia Costiera va a raccattare migranti: l’insofferenza verso i migranti c’è in tutta Europa, nessun Governo può portarsi in casa migranti “salvati” da qualcun altro
    il Governo italiano deve andare in Europa a proporre soluzioni concrete e ragionevoli, non a rovesciare i tavoli.

  • Mario M. Fornaro 31 Agosto 2018

    Ennesimo ‘schiaffo’ all’Italia dall’Europa. Sui ‘migranti’ arrangiatevi. La missione Sophia l’avete voluta voi (cioè, il Governo Pd): godetevela. E’ questa la risposta dell’incontro di Vienna ai Ministri Trenta e Mogherini: era stata chiesta una rotazione dei porti a cui attraccare le navi cariche di migranti. Risposta unanime dell’Ue: no. E’ chiaro ed evidente che questa Europa se ne sbatte dell’Italia: è una nemica dichiarata. Il Governo Conte (con Di Maio e Salvini) ne tragga le conseguenze. Così come l’Ue boicotta l’Italia, l’Italia risponda boicottando l’Europa. Come? Non voti il bilancio settennale e la blocchi finanziariamente. Se l’Ue espellerà l’Italia, grazia ricevuta. Se non la espellerà, l’Italia si sfili da sé riprendendo le Sovranità svendute, quella monetaria e quella politica.

  • Vittorio Michele Mura 31 Agosto 2018

    BASTA RIUNIONI.PROPOSTE,CONDIVISIONI,REDISTRIBUZIONI E PORTI SICURI. L’UNICA SICUREZZA E’ DATA DAL BLOCCO NAVALE E DAI RESPINGIMENTI SENZA INTERVENTI UMANITARI O DI SALVATAGGIO UTILI SOLO AD INCORAGGIARE LE PARTENZE. GLI ACCORDI SI FANNO SOLO CON CHI E’ TOTALMENTE CONTRARIO AD OGNI TIPO DI ACCOGLIENZA COME I PAESI DI VISEGRAD E L’AUSTRALIA FACENDO DEFINITIVAMENTE CHIAREZZA SU QUESTO NON SOLO CON L’UNIONE EUROPEA MA SOPRATTUTTO COL VATICANO.

  • Angela 31 Agosto 2018

    Rimpiango l’Italia sovrana di alcuni anni fa,prendevamo “Noi”le decisioni che riguardavano la nostra Patria,eravamo padroni di noi stessi,nessuno ci diceva cosa e come fare,nessuno ci umiliava …e poi sono arrivati i governi di sinistra…e ci hanno consegnato nelle mani di un’Europa cinica e autoritaria…Rivoglio la Sovranità che avevamo ,usciamo da questa brutta UE.

    • Fyore 31 Agosto 2018

      Perfettamente d’accordo rivolgiamo la nostra patria

  • Giuseppe Tolu 31 Agosto 2018

    Pronti a dire basta? Quando sarà, sarà sempre troppo tardi

  • Serafino 31 Agosto 2018

    L’Europa esiste solo x il pareggio di bilancio e per massacrare il popolo con assurdità da dittatura per me l’unica cosa è uscire dalleuro se vogliamo salvarci e contro l’immigrazione subito il blocco navale

  • Mauro Garlaschelli 30 Agosto 2018

    …sempre totalmente d’accordo con…Salvini…ITALEXIT…brutto ma efficace neologismo… PRIMA POSSIBILE…

  • Leonardo Corso 30 Agosto 2018

    l’europa non è mai esistita , perche quando si tratta di uscire soldi o disitribuire i clandestini tutti diventano Nazionalisti. poveri illusi isinistrati che hannop sempre a questa Europa Socialista hahahah svegliatevi.. ognuno tira l’acqua al suo mulino, altro che europa UNITA BALLE

  • Leonardo Corso 30 Agosto 2018

    staccate la spina e facciamo da soli è sicuramente meglio. facciamo il blocco navale e basta buonismi con tutti anche con l’Europa

  • Giuseppe Forconi 30 Agosto 2018

    Un modo di fermare gli sbarchi c’e’……… Comunicate ai signori ,si fa per dire, a Bruxelles che l’Italia esce dal patto “UE” e vedrete quanta merd….. correra’ tra quei signori, sara’ come un terremoto all’ottavo grado della scala Mercalli. Provateci, c’e’ da ridere.

    • sergio la terza 31 Agosto 2018

      concordo con Pino,ITALEXIT

    Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )