Lo smog ruba un anno di vita, uno studio rivela l’effetto killer

giovedì 23 Agosto 14:05 - di

Morire in media un anno prima per colpa dello smog. Una sentenza messa nero su bianco su Environmental Science & Technology Letters da un team americano di ingegneri ambientali e ricercatori esperti di sanità pubblica, che per la prima volta hanno esaminato contemporaneamente a livello globale i dati relativi all’inquinamento atmosferico da polveri Pm2,5 e quelli sull’aspettativa di vita, così da misurare l’effetto killer del particolato fine che riesce a insinuarsi all’interno dei polmoni, aumentando il rischio di infarto, ictus, malattie respiratorie e cancro. L’équipe – coordinata da Joshua Apte della Cockrell School of Engineering dell’università del Texas di Austin – ha utilizzato le informazioni del Global Burden of Disease Study per valutare l’esposizione al Pm2,5 e le sue conseguenze in 185 Paesi. Quindi ne ha quantificato l’impatto sulla speranza di vita, su scala globale e per ogni nazione. In questo modo, spiega Apte, «siamo stati in grado di misurare sistematicamente come i veleni nell’aria accorciano sostanzialmente la vita in tutto il mondo. Quello che abbiamo scoperto è che l’inquinamento atmosferico ha un effetto molto pesante sulla sopravvivenza: globalmente la riduce di un anno in media». Un lasso di tempo

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )