Immigrati nudi sulle spiagge di Pozzallo. Il sindaco: basta, si torni alla civiltà

mercoledì 1 Agosto 14:29 - di

La misura è colma. Il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatura, scende in campo a difesa della cittadinanza contro l’inciviltà degli immigrati sorpresi a fare il bagno nudi di fronte ai bagnanti sulle spiagge del porto siciliano, meta di molti sbarchi e sede di un centro di accoglienza. Proprio così, i cittadini di Pozzallo vivono un nuovo “disagio” e la rabbia cresce. È successo domenica scorsa sulle spiagge di Raganzino quando i  bagnanti si sono trovati davanti lo spettacolo di tre immigrati in costume adamitico che si rinfrescavano per il gran caldo. In molti, vista la presenza anche di bambini, hanno chiesto ai migranti di coprirsi, ma i tre si sarebbero rifiutati dicendo, come raccontano alcuni testimoni ai giornali locali, «che per loro è normale fare il bagno nudi, perché si usa così nei loro paesi d’origine».

Il sindaco di Pozzallo: la città va tutelata

Dopo le proteste dei siciliani è intervenuto il primo cittadino di Pozzallo condannando i fatti «perché contrari alle regole di una società civile» e polemizzando con il ministero dell’Interno. «Con le nuove linee guida del ministero dell’Interno, l’hotspot è diventato un centro di accoglienza con i tempi di soggiorno che si allungano, mentre prima erano ridotti a 24/48 ore», dice il sindaco. «Con i nuovi accordi internazionali – aggiunge – gli immigrati devono essere suddivisi fra diverse nazioni ospitanti. È già venuta a Pozzallo la Commissione francese e a seguire sarà la volta di quella tedesca e poi di quella spagnola. In questo modo i tempi si allungano rispetto a quanto avveniva prima e non è certamente pensabile di rinchiuderli senza che abbiano possibilità di uscire. Nel frattempo – conclude – i mediatori culturali stanno lavorando a pieno ritmo per impedire che fatti analoghi si ripetano. Nonostante i risultati ottenuti non ci fermeremo, perché la città di Pozzallo, la cui popolazione è giustamente preoccupata per quanto accaduto, deve essere ascoltata e tutelata». A diffondere su Facebook le foto dello scandaloso episodio è stata la responsabile donne della Lega di Ragusa, Patrizia Rametta. «Tutti a disagio per uomini nudi che se ne fregano della civiltà e dell’educazione –-si legge sul post provocatorio – poi vi lamentate se c’è insofferenza e Pozzallo perde il turismo. Li mandiamo a Capalbio?».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • carmelo 3 Agosto 2018

    Come al solito un comunicato che cerca di rattoppare e accontentare tutti, “a proposito” se e’ un documento di condanna, non ci sono giustificazioni che tengono, non c’entra niente se i tempi di soggiorno si allungano, non sono queste le cause, non TERGIVERSIAMO e non GIUSTIFICHIAMO l’accaduto, gia’ altri l’hanno preceduto “l’avvocato Carmen Di Genio che, parlando a un convegno sull’immigrazione organizzato dal Comune di Salerno, ha pronunciato una frase che lascia a bocca aperta:”Non possiamo pretendere che un africano sappia che in Italia, sulla spiaggia, non si può violentare una persona” ,,, quindi la invito nel rispetto dei cittadini e non solo, di condannare l’accaduto senza se e senza ma…. , N’SUMMA….delle telefonate che ha ricevuto e che fa’ non interessa a nessuno servono solo per allungare il comunicato, qui’ interessa che episodi del genere non si ripetano piu’ !!!!!!!!!

  • stefano 2 Agosto 2018

    censurate un po’ troppo sto valutando di non fare + commenti

  • Massimo Steffanoni 2 Agosto 2018

    Far applicare la legge subito con denuncia di oltraggio al pubblico pudore, imbarcarli per casa loro, il sindaco di Pozzallo si dimetta subito

  • Dany 2 Agosto 2018

    Condivido tutti i vostri commenti e spero che Salvini intervenga subito… e aggiungo che oltretutto fanno anche schifo a vedersi!

  • Angela 2 Agosto 2018

    Basta!che fine che abbiamo fatto per colpa di buonisti e incoscienti di sinistra,rispediamo a casa questi immigrati e ridiamo all’Italia la dignità che per colpa di politici imbarazzanti e vergognosi abbiamo quasi perso.

  • alfonsa 2 Agosto 2018

    Gli sta bene aquesto sindaco ,tutto preoccupato di fare sbarcare a pozzallo gli immigrati che Salvini aveva bloccato sulla ong, si è fatto intervistare allarmato di questa scelta.Alla visita del Ministro Salvini e del Presidente della Regione Sicilia ha fatto trovare tutto in ordine e pulito.la realtà è ben diversa, Questo è un altro ipocrita pidiessino .La cittadinanza dovrebbe farlo dimettere

  • Silvia Toresi 2 Agosto 2018

    Se questi migranti tengono tanto ai loro usi e costumi rimanessero a casa loro invece di fare i prepotenti qui.

  • amerigo 2 Agosto 2018

    Mi sbaglio, oppure il sindaco di Pozzallo ha fatta espressa richiesta di accogliere i clandestini alcuni giorni fa, affermando che la cittadinanza tutta sarebbe stata lieta di avere le “risorse” a suo carico? Anche questo, quindi, è un “quaqquaraqquà” come tutti i sinistri, la loro logica è “Armiamoci e partite”, accoglienza ad ogni costo, sempre che il costo, appunto, sia sopportato da altri, ci mancherebbe. Per concludere, auspico che si formi una commissione d’inchiesta sull’increscioso episodio, formata da (in ordine di importanza): M.me Boldrinoskaja, MariaEtruria Bossi, la Nobel Fedeli, Bonino & Serrakkiani: che vedano con i loro occhi e riferiscano in Parlamento sulle eventuali difformità intime fra le risorse di Pozzallo ed il resto degli Italiani. . . Almeno questo!

  • ATTILIO 2 Agosto 2018

    Questa gentaglia è priva di una minima cultura del vivere, abituati a fare i bisogni dove capita, anche davanti a altre persone, io è da 10 anni che ripeto che gli immigrati sono un “CANCRO” per l’EUROPA, ma nessuno si è ancora deciso al respingimento (VERO) e immediato nei loro paesi.

  • Aldo Barbaro 2 Agosto 2018

    Fosse questo il vero problema!Basta indirizzare i migranti ad una spiaggia per nudisti,
    Nel caso si rifiutassero applicare la Legge !

  • Valery 1 Agosto 2018

    Ma non era questo sindaco che li accoglie con la banda ?

  • TonyHope 1 Agosto 2018

    Rimandate stè bestie in Africa che l’Italia è un Paese civile. Il piano per il meticciamento europeo è in atto e la gente ancora non se ne rende conto e pensa addirittura che questi clandestini scappino realmente dalla guerra. Lo scopo principale di questa vera e propria invasione è l’annullamento delle identità nazionali in modo da creare una massa umana malleabile a piacimento. In futuro così non esisterà più il Made in Italy (per quanto poco ne rimanga grazie alla sinistra) e il mondo si dimenticherà di Leonardo, Michelangelo, Dante Alighieri, la potenza dell’antica Roma, tutti gli inventori e gli artisti che ci contraddistinguono e per cui dovremmo esserne orgogliosi. Perciò diamoci una svegliata per favore e aiutiamo Salvini e co. a salvaguardare la nostra cultura e i nostri confini nazionali. Un italiano

  • Gio 1 Agosto 2018

    l’africa si stà trasferendo in europa e ci trascinerà a fondo se non si interviene presto e bene. Questo è un fenomeno che và stroncato subito o le conseguenze saranno apocalittiche. Chi si rende complice dell’invasione (vaticano in primis) avrà sulla coscienza questa apocalisse.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )