“Parenzo rideva dei morti di Genova”. La replica: “Sciacallo chi lo dice” (video)

lunedì 20 Agosto 16:25 - di

Da alcune ore circola in Rete un video che mostra David Parenzo sorridente alla fine di un servizio sulla tragedia di Genova. La sequenza è stata raccolta nel corso della trasmissione In Onda de La7. Si vede il giornalista che sta ridendo e che prontamente si ricompone quando è il momento di tornare in diretta. Può accadere che, in studio, mentre va in onda un servizio, ci si distragga e si parli d’altro. Può capitare anche ai professionisti più esperti. Quando però si affrontano puntate particolarmente delicate, che toccano temi tragici e di grande impatto emotivo per l’opinione pubblica, calare la soglia d’attenzione è rischioso. Così Parenzo, che in studio evidentemente parlava di argomenti faceti e avulsi dalla cronaca di Genova, è scivolato sulla classica buccia di banana.

La risposta di David Parenzo

Inevitabilmente, alcuni “haters” hanno cavalcato la sequenza con una serie di invettive contro il giornalista de La7. Un video su youtube titola incredibilmente “Parenzo ride dei morti di Genova”. «Gira una fastidiosa fake – ha risposto Parenzo tramite Twitter – in cui sembra che io rida sul disastro di Genova durante la diretta. Come spesso accade, durante i servizi si parla con chi sta dietro le quinte ed è quello che è avvenuto. Non rido sulle tragedie, sciacallo chi lo insinua!».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • stefano 22 Agosto 2018

    non mi sembrava da censurare il mio commento????

  • Michele Tampier 21 Agosto 2018

    …fa il paio con il suo amico Gad Lerner

  • RICCARDO AMARA 21 Agosto 2018

    PD …

  • ATTILIO 21 Agosto 2018

    Non è colpa sua, la faccia da “JENA RIDENS” o da “DEFICIENTE” CE L’HA DALLA NASCITA!

  • Luisa 21 Agosto 2018

    E’ uno dei giornalisti più antipatici e faziosi.

  • Pino1° 21 Agosto 2018

    Già, si richiama la definizione ” i professionisti più esperti…”
    quando un così detto professionista nasce dal nulla, così come il suo socio ciccione, sorti sinistramente sponsorizzati dall’ignoto entrambi, per edulcorare la spudorata e frizzante conduzione della zanzara fatta da un giornalista come Cruciani non puoi aspettarti dai tappabuchi professionismo né esperienza ma, come si vede la pochezza degli esperimenti di circoli di sottoporrete provinciale! Le figure sono sempre adeguate alla storia delle persone che le compiono!

  • Alfonsa 21 Agosto 2018

    Antipatico,fazioso comunista

  • Angela 21 Agosto 2018

    Questo giornalista lavora per La 7, è uno di sinistra ,come tutta la Rete, e il video fa vedere bene come questo giornalista era affranto e contrito al cospetto di tale tragedia…I sinistri sono così,non c’era bisogno di questo video per capirlo…

  • giulio 21 Agosto 2018

    Anche uno dei cosiddetti “esperti” ogni tanto appare molto sorridente

  • ADRIANO AGOSTINI 21 Agosto 2018

    Ci sono degli slogan e delle parole ormai entrate nel gergo di sinistra come razzista, fascista, xenofobo, populista e ora “sciacallo”. Le sinistre usano queste parole quasi sempre a sproposito ritenendo di offendere la parte che non la pensa come loro e che li contraddice. Lasciamoli in questa loro pia illusione e lasciamo loro dire cose senza senso.

  • Taddei Roberto 20 Agosto 2018

    Nn somiglia a matteo renzi ? Esistono anche i sosia tra i clown .

  • Giuseppe Tolu 20 Agosto 2018

    Non mi è mai stato simpatico, ma dalla faccia che si ritrova …..

  • Giuseppe Mortilla 20 Agosto 2018

    La casta dei giornalisti dovrebbe essere fiera di avere un giornalista (?) come lui fra i suoi iscritti

    Guardatelo bene nelle sue espressioni

    Non dico altro

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )