Gasparri attacca: «Spread, debito e lavoro: al governo i nuovi Attila, flagelli d’Italia»

venerdì 3 Agosto 17:47 - di

«La crescita dello spread, le difficoltà oramai evidenti per le finanze e per il debito pubblico, confermano il fallimento della politica economica del governo Conte. Le imprese sono in fuga, la disoccupazione cresce, il decreto disoccupazione, che abusivamente Di Maio ha definito dignità, avrà effetti devastanti sull’economia reale. Già si prevede più del 50% dei contratti a termine non rinnovati. Nella migliore delle ipotesi sostituzione di persone, nella peggiore distruzione di posti di lavoro». Non fa sconti al governo giallo-verde il senatore Maurizio Gasparri (Fi), che attacca su tutti i fronti con immagini forti.

«Abbiamo dei nuovi Attila, soprattutto grillini – sottolinea – nelle stanze dei bottoni. È un governo-flagello che va abbattuto democraticamente al più presto. Abbiamo poi visto l’ignoranza e la tracotanza di alcuni atteggiamenti. Ministri che vengono nelle aule del Parlamento per offendere e non per giustificare le loro condotte e le loro frequentazioni. È un momento triste per la Repubblica, che presto passerà. Per il ritorno ad una politica propositiva e di qualità». Secondo Gasparri “Forza Italia deve respingere diktat di vario genere che provengano ora dall’uno, ora dall’altro degli interlocutori”.

«Alcune vicende hanno una valenza simbolica. Non siamo in campo per piegare la testa e per assecondare la sete di potere di chi sta usando malamente le opportunità che ha. La coesione e il futuro del centrodestra passano anche dalla nostra capacità di resistere e di proporre», conclude Gasparri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 6 Agosto 2018

    Pur in presenza di un Governo pirandelliano, le Autorità preposte alla tutela del risparmio potrebbero impedire questo scempio, ma non muovono un dito, limitando l’utilizzo del prestito titoli e dei derivati sul Fib e a leva sui singoli titoli o rendendoli talmente onerosi in termine di deposito da scoraggiare le mandrie ribassiste che vendono a 10 e ti restituiscono i titoli a 8, svalutati lucrando loro il 20%.
    Alla fine sul terreno restano solo le macerie e questo spiega perchè nel 2007/08 l’indice Ftmib valeva 45.000 punti ed oggi arranca ancora a 21.500.

  • lupo solitario 4 Agosto 2018

    Ma questa lettura catastrofica si potrà eventualmente fare tra 3 o 4 anni, non credo che dopo 2 mesi sia colpa del governo attuale tutto quello che succede.
    Forse FI dovrebbe fermarsi un attimo a riflettere se non sarebbe meglio rivedere la loro politica, ieri con il PD oggi… boh! non credo lo sappiano nemmeno loro.

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 4 Agosto 2018

    Evidentemente tutti questi commentatori anti-Gasparri e anti-Berlusconi NON HANNO CAPITO UN’ACCA. Bravo Maurizio e bravo Silvio!
    Mario Salvatore Manca

  • Luca 4 Agosto 2018

    Zitto lustrascarpe

  • vittorio 4 Agosto 2018

    poveraccio Gasparri

  • Mauro Garlaschelli 4 Agosto 2018

    …meno male che vengo sul PC solo ora… alle 17… se avessi letto questo pezzo alle 7/8 di questa mattina…le centomilacose che ho concluso fino ad ora…nn le avrei nemmeno cominciate per come mi sarei sbellicato fino ad ora!!!… gasparri(minuscolo)…come comico… sotterra TOTO’… tante cazzate… copiate parola x parola dai più diarreotici comunisti contro Berlusca… tutte insieme nn le avevo mai lette!!!… già fi è andato sotto il 3%…ma con certe patetiche pippe… sparisce!!!… di solito l’uomo… aumentando l’età… cresce mentalmente… a questo bisogna rinfilargli subito il biberon in…

  • Pasquale Montemurro 4 Agosto 2018

    Ma Gasparri non se ne può andare in pensione? Naturalmente insieme all’ex cavalier.

  • Rita Daina Andreetto 4 Agosto 2018

    Cribbio Gasparri. Due mesi di governo ed è già armageddon? Una volta lei e FI mi piacevate e vi ho votato. Adesso non più. Vi facevo intelligenti

  • NOEURO 4 Agosto 2018

    SPREAD & DEBITO sono una truffa, sono come è noto, uno strumento di ricatto politico-economico ai danni del cittadino, lavoratore e contribuente italiano.
    I mercati che “seviziano” l’Italia con il 30% del debito sovrano in mano a fondi e banche straniere, quasi tutti investitori istituzionali e speculativi, sono sostenuti dal pensiero unico (non più dominante) che tenta ancora di convincere il popolo sulla ricetta economica imposta dalla criminale cricca eurofila, SEBC, EC, BCE e della fallita UE…con regìa a Francoforte e Berlino.

  • giuseppe imbimbo 4 Agosto 2018

    Gasparri, a costo di ripetermi, tu non sei mai stato una cima dai tempi del FdG. Pensavo che, dopo tanti anni seduto su uno scranno partitocratico, almeno avessi acquisito un poco di acume politico e di senso della misura . Purtroppo così non è stato. Sei rimasto, unico della vecchia pattuglia missina, in Forza Italia per conservare la sedia e ti usano come trombone stonato in queste occasioni. Abbi bontà, almeno guardati la situazione in cui avete ed hanno portato il Paese FI e i compagnucci di merenda del PD e, soprattutto , se non hai argomenti (e non ne hai) validi a supporto delle tue “dichiarazioni” TACI.

  • Gabriele Pellegrini 4 Agosto 2018

    …purtroppo debbo concordare con la diagnosi appena letta; manca una conoscenza del mondo del lavoro, soprattutto, manca una visione globale del problema. Non è con la contrapposizione delle forze in campo, lavoratori contro imprenditori, che si otterranno benefici, ma solo con la collaborazione. Lo Stato, dal canto suo, deve assolutamente abbandonare la presunzione di reddito nei confronti di chi ha intenzione di aprire nuove attività. Occorre guardare all’operato degli altri paesi (tipo Irlanda) con umiltà, ed imparare. Ma…a lavar la testa all’asino….

  • lucia 4 Agosto 2018

    Gasparri (politico dalla nascita) dimentica che se siamo nella melma è anche grazie a lui e che nel 2011 (governo Berlusconi) lo spred arrivò a 575 punti. Invece di continuare a blaterare dovrebbe andare a lavorare, almeno una volta in vita sua. Non se ne può più di questi sapientoni.

  • Angela 4 Agosto 2018

    Gasparri è in politica da un’eternità,e non mi pare che egli e i governi ai quali è appartenuto abbiano fatto qualcosa per migliorare la vita degli Italiani ,ma adesso pretende che in tre mesi questo attuale governo dovrebbe fare miracoli e aggiustare tutto lo sfacelo che hanno combinato altri esecutivi che hanno governato prima ,gli Italiani non sono stupidi e Gasparri e compagnia la smettessero di dire idiozie e lasciassero lavorare questo governo!

  • Ben Frank 4 Agosto 2018

    Gasparri attacca… sai le risate? Il massoncello ex amico di Fini, ex missino, ora askaro alla corte dell’ex cav. deve stare attento a DOVE si dovrà ben presto attaccare: al tram degli ultimi rimasti del naufragio forzista. Prossima stazione gruppo misto, anche FdI sorpasserà agevolmente il partito di plastica del cavalier d’Arcore!

  • Giusepoe 4 Agosto 2018

    Saranno come dice lei ….forse non sanno il politichese come lei ma lasciamoli lavorare….se non vanno bene ci pensera’ il popolo alle urne …signor Gasparri io non sono Grillino o Leghista ….ma in Italia chi altri partiti ci sono x dare la Fiducia alle urne?????

  • giovanni poerio piterà 3 Agosto 2018

    E’ uno squallido traditore che per sete di potere si è schierato con chi ha distrutto la destra italiana .Mi auguro al più presto di non vederlo più in parlamento.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )