Due donne aggredite a Torino da un immigrato nudo. Ma il centralino del 112…

lunedì 6 Agosto 12:22 - di

Aggredite da un immigrato nudo in pieno centro di Torino.  Le due donne, una 44enne di Cuneo e una 43enne di Bari residente a Torino,  hanno urlato e chiesto aiuto. Hanno telefonato al 112 ma non è arrivato nessuno. Secondo quanto riporta la Stampa, le due donne stavano tornando a piedi a casa percorrendo via San Massimo. All’improvviso sono state avvicinate da un uomo che si è denudato davanti a loro. A questo punto una delle due ha contattato il 112 e tra le urla ha raccontato di essere stata aggredita.  Ma secondo il loro racconto, l’operatore ha posto una serie di domande che poi avrebbero portato alla chiusura della telefonata. L’intervento della volante non è scattato.

Aggredite da un immigrato nudo, la segnalazione

Come riporta poi il Giornale, le forze dell’ordine non sono intervenute perché non è stata inoltrata la richiesta da parte del centralino del 112. Non è il primo caso. I sindacati di polizia e dei vigili del fuoco hanno segnalato parecchi episodi in cui venivano segnalati diversi disservizi. Da gennaio le telefonate al 112 sono state circa sei milioni. Una su due, come sottolinenano i delegati sindacali, non viene poi girata ai soccorritori o alle forze dell’ordine. Evidentemente nella catena delle segnalazioni c’è qualcosa che non va e spesso un ritardo può mettere a rischio la vita di chi digita il 112.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Rolando Possentini 7 Agosto 2018

    La legge Castrazione quando ti manca no può fare niente!!!questi atti di violeza contro le donne non vanno tollerate! CASTRAZIONE

  • Pino 1° 6 Agosto 2018

    Vivere senza avere necessità di assistenza urgente non fa capire quale disastro può accadere in quei pochi secondi ! Componi il numero, secondi di attesa o peggio mezzo minuto/minuto mettono in crisi, poi quindici-venti secondi in cui aspetti disperato la voce dell’agente ti devi assorbire un pippone registrato che ti avverte della cosa di cui, nessuno, nemmeno un fumato si preoccuperebbe in quel momento.. (registrazione della telefonata) poi, arriva un’operatore stanco che tenta a distanza di capire cosa stai blaterando……. VA modificato il sistema d’allerta! Tre, quattro ore massime di servizio in centrale, eliminazione del messaggio ! Centrali e sottosezioni zonali di risposta con obbligo di risposta entro 5/6 squilli, ricezione con sistema di registrazione visiva del numero di chiamata sia da rete fissa che da cellulari e sganciamento dell’operatore fino al termine d’invio mezzo e raggiungimento del target ! Insegnamento a tappeto in tutte le scuole del modo corretto d’uso del soccorso ! Nessuno prepara all’evento, cosa fondamentale per fare bene ed essere ascoltati e soccorsi rapidamente!

  • giulio 6 Agosto 2018

    Salvini che fai? Non pensi di aver qualche dipendente da licenziare o mandare in galera? O almeno cambiare di ruolo?

  • roberto 6 Agosto 2018

    se avesse chiamato la Boldrini, sarebbe accorso anche l’esercito.

  • Laura Prosperini 6 Agosto 2018

    sono necessarie molte più risorse economiche per i nostri militari, per la polizia e per i carabinieri
    anche perchè sarebbe necessario (visto l’incremento dei reati ad opera anche degli immigrati, tornare alle stazioni dei cc e della polizia aperte 24ore su 24)
    più risorse per cercare di arginare i disordine ed i crimini

    • Mauro 7 Agosto 2018

      Prima di tutto metterei dietro il telefono personale di polizia e cc>; Secondo, visto che soldi non ce ne sono darei maggiori poteri agli uomini delle forze dell’ordine e manderei a fare altro lavoro molti giudici e magistrati.

    Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )