De Magistris: «Ministri oscurantisti». La risposta: «I figli hanno padre e madre»

lunedì 13 Agosto 10:53 - di

I nemici giurati della sinistra e dei radical chic sono il ministro Fontana e il vicepremier Salvini. Tutti contro di loro, “colpevoli” di difendere la famiglia tradizionale, “padre” e “madre”, i diritti dei bambini. Ma soprattutto “colpevoli” di essere contro l’utero in affitto. Stavolta ad andare all’attacco è il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: «Se passa l’ultima boutade del ministro oscurantista, secondo la quale non saranno più riconosciute le famiglie omosessuali, il bimbo che ho avuto l’onore di registrare nell’anagrafe del Comune di Napoli, nato da persone dello stesso sesso, non avrà diritti, non sarà uguale ad altri bimbi. La famiglia è forte non se sopprimi diritti e neghi le libertà civili, ma se il legame d’amore è solido», ha scritto su Facebook pubblicando una foto che lo ritrae durante l’iscrizione all’anagrafe del Comune di un bimbo “figlio” di due donne. Ma il buonismo tocca anche altri temi, con una strumentalizzazione oltre ogni limite: «Non riconoscere diritti a questi bimbi o farne morire altri nel mare perché hanno la pelle scura – ha infatti aggiunto il sindaco di Napoli – non è costruire comunità con famiglie solide e felici. Le comunità si fondano su legami di amore, non con recinti esclusivi imprigionati da catene di rancore e di odio», ha concluso De Magistris.
Le tesi del ministro Fontana che hanno scatenato l’ira funesta della sinistra e dei buonisti poggiano su un presupposto: le famiglie da riconoscere e da sostenere economicamente sono quelle sancite e tutelate dalla Costituzione: «Ci hanno chiamati oscurantisti e retrogradi», ha specificato Fontana, «San Pio X diceva “statene fieri” e noi siamo fieri di essere madri e padri».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mauro 20 Agosto 2018

    Come si fà a dire nato da persone con lo stesso sesso? E’ impossibile. E bisognerebbe colpevolizzare aspramente (GALERA) coloro CHE HANNO ACQUISTATO BAMBINI ALL’ESTERO. Pratica veramente schifosa ed illegale secondo la morale generale. L’unica cosa di cui si potrebbe discutere è la possibilità che due dello stesso sesso abbiano 1 figlio nato da una precedente relazione “normale” e l’altro ne divenga padre o madre. (Sempre che il presedente padre o madre biologica non abbia dei diritti riconosciuti dalla legge).

  • Pietro 14 Agosto 2018

    Purtroppo siamo costretti leggere anche troppe oscene idee che nulla hanno a che fare con la realtà.
    Mi congratulo con chi è ancora capace di vivere da umano e non segue la politica.

  • vincenzo clemente 14 Agosto 2018

    Si potrebbe sostituire ovviamente per i minorimil termi di pesone che esercitano la patria podestà seguite da nomi e cognomi delle persone suddette usare il termine di genitore 1 e genitore 2 non ha senso: il genitore è colui che genera e biologicamente parlando i genitori debbono essere un maschio ed una femmina anche se uno dei due può essere un donatore o una donatrice anonima. Non dimentichiamo che anche nelle fecondazioni eterolaghe con donazione di ovulo ed impianto nelle femmine la madre biologica è la donatricecole il cui DNA è presente nel bambino, penso che la mia proposta che non preveda l’uso ne di termini come padre e madre ne di 1 e genitore 2 quando sappiamo che uno dei due o addirittura tutti e due (nel caso di fecondazione eterologa di un ovulo donato da una persona di sesso femminile ed impiantato nella donna che porterà avanti la gravidanza non può essere denominato genitore sul piano biologico. se poi il termine genitore deve perdere il suo significato biologico per assumere quello di colui e/o colei che alleva un bambino e provvede alla sua necessità entriamo in un campo non derivato dalla scienza medica ma dall’etica.

  • raffaele federico 14 Agosto 2018

    De Magistris ha distrutto una intera città, cosa aspetta il Governo a commissariare il Comune di Napoli?

  • C. Brandani 14 Agosto 2018

    Io mi chiedo solo quale sia il criterio adottato per nominare eventualmente prima il genitore 1 e poi il genitore 2. Chi lo sa? chi lo stabilisce? qual è il senso oggettivo ed obbiettivo? boh!

  • Renata Bortolozzi 14 Agosto 2018

    Io mi ripeto : aspetto che Famiglia Cristiana ora pubblichi una prima pagina con la frase : io sto con Salvini. Purtroppo per quel giornalastro la dottrina cristiana non significa nulla.

  • Angela 14 Agosto 2018

    Questi politici di sinistra!!!non se ne può davvero più…e la chiesa?perché tace su un argomento così importante?ah già dimenticavo che molti prelati e affini sono anche loro sinistri…

  • Luigi 14 Agosto 2018

    Bimbo nato da persone dello stesso sesso? E come!!!!!

  • Giuseppe Rasori 14 Agosto 2018

    L’odierna classe politica e “culturale” sedicente progressista incarna e fa proprio il peggior precipitato maleolente della decomposizione del cosiddetto “pensiero laico” moderno. Apra gli occhi il popolo perché davvero viviamo in un’epoca di transizione e ciò che ha caratterizzato l’Europa, e ha soprattutto generato l’ecatombe delle ideologie del XX° Sec., è veramente in agonia e qualcosa di nuovo sta nascendo. Ora, siccome storicamente i veri profeti nascono nel seno della Chiesa, stanno sempre più emergendo in tutta la loro evidenza le parole del card. Biffi: “O l’Europa ritornerà a essere cristiana o diventerà musulmana”. A noi la scelta, signore e signori

  • sergio la terza 14 Agosto 2018

    ormai la demenza senile l’attanaglia,i napoletani l’escluDano dalla loro CITTA’

  • Lalla 14 Agosto 2018

    Cosa ne pensano i genitori 1 e 2 di tanto figlio? E quando va a trovarli dice ‘ciao genitore 1 e 2’? Quando verranno tolte la festa della mamma e del papà per mettere quella del genitore 1 e 2? E chi è il genitore 1 e chi il 2? Aveva ragione il dott. Franco Basaglia a voler chiudere i manicomi! I matti stanno tutti fuori!

  • Aldo Barbaro 14 Agosto 2018

    Non condivido quanto scrive Serena. Per fortuna ci sono ancora,anche se rari, MAGISTRATI degni di rispetto ed ammirazione che operano in silenzio senza esibirsi in pubbliche manifestazioni.Il De Magistris di oggi è quello di sempre!Non c’è nulla da meravigliarsi !Il solito esibizionista!

  • sergio 14 Agosto 2018

    Che dire……..a questo punto non resta che riportare il detto in lingua latina il cui senso si attaglia perfettamente a questo modo di ragionare………: ” QUOS DEUS PERDERE VULT, DEMENTAT PRIUS !! “…che tradotto……: ” coloro che Dio ha deciso di abbandonare, per prima cosa li rende pazzi !! “

    • Giuseppe Costantini 14 Agosto 2018

      Signor Sindaco gradirei solo sapere se, per caso, lei è nato da una coppia di padri o di madri. Non si rende conto a quale tipo di società sta facendo pubblicità? Da quando esiste il mondo non si è mai, ribadisco mai, che un figlio possa nascere da una coppia maschile o femminile. Oggi ci riempie la bocca per tutelare certe situazioni contrarie al buon senso oltre che ad un modo di intendere la vita in modo difforme alle norme naturali. Mi faccia capire se, per caso, lei fosse stato adottato da una coppia maschile o femminile, sarebbe stato contento di vivere in una società dove la maggior parte dei bambini nasce da una coppia maschio-femmina? Non crede che facendo pubblicità a questo tipo di fertilità sta distorcendo le normali condizioni con le quali si evolve l’umanità? Che cosa dirà al bambino appena sarà più grande: guarda non sei nato da un rapporto naturale uomo/donna ma noi siamo solo i padri o madri adottive.Sarebbe ora che sia ristabilito il senso naturale degli eventi e non che, con procedure inventate dall’uomo, dessimo una patente di legalità a ciò che legale non è.

  • serena 14 Agosto 2018

    giudice era e giudice rimane. L’aurea di imbecille non se la toglierà mai!!!Vedete Napoli in che condizioni è!!

  • Giuseppe Tolu 13 Agosto 2018

    Chiudete bene i recinti, è scappato un altro somaro

  • Antonio D'apice 13 Agosto 2018

    Sindaco la famiglia è costituita di un padre e una madre, e non genitore 1 e 2 !!!!!!!
    Poi preoccupi di amministrare di più il Comune.

    • Giuseppe Rasori 14 Agosto 2018

      in realtà il Comune, inteso come il palazzo e la piazza del municipio, li amministra benissimo: praticamente sono l’unico punto pulito e ordinato di Napoli… -_-

    Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )