Colloquio di lavoro telefonico: 6 consigli per non commettere errori

venerdì 24 Agosto 14:42 - di

Il colloquio di lavoro telefonico è alle porte. Non bisogna sbagliare perché alcuni ne fanno un uso parsimonioso, altri ne abusano senza riserve. Per affrontare al meglio un colloquio di lavoro telefonico, occorre prestare attenzione a una serie di cose suggerite dal magazine Bianco LavoroIl colloquio di lavoro telefonico è lo strumento che molte aziende utilizzano per affinare la scrematura sulle candidature (solitamente numerose) che arrivano all’indirizzo degli addetti alle risorse umane. Oppure per raggiungere candidati fisicamente lontani, che non è possibile incontrare di persona. Si tratta, in ogni caso, di un passaggio importante, che sancisce il primo contatto con chi potrebbe sponsorizzare la tua prossima assunzione.
La prima cosa da prendere in considerazione è se la telefonata arriva in un momento felice in cui si può assicurare la massima attenzione alla persona che, per ovvie ragioni, rivolgerà un certo numero di domande per capire se si è il candidato che fa al caso suo. Nessuno suggerisce di tirarsi indietro, ma di spiegare al selezionatore che non ci si trovi nelle condizioni ideali per affrontare serenamente l’intervista. Si può chiedere la cortesia di concordare un altro appuntamento telefonico (lasciando che sia lui a decidere il giorno e l’orario) e sfruttare al meglio il tempo che separa dalla sua prossima chiamata. Quando si è alla ricerca di un lavoro, può capitare di inoltrare candidature in serie, senza prestare la dovuta attenzione all’azienda o al tipo di posizione aperta. E’ uno sbaglio grave, che potrebbe costare caro, specie se il selezionatore dovesse prendere alla sprovvista e raggiungere telefonicamente per chiedere conferma del proprio interesse. Ogni singola offerta va vagliata con attenzione: non si deve andare alla cieca, ma valutare con criterio a chi è bene proporsi. E farsi trovare sempre pronto perché-la chiamata del reclutatore potrebbe arrivare in qualsiasi momento. Chiedergli di ripetere il nome dell’azienda per cui lavora potrebbe spingerlo a interrompere immediatamente la comunicazione. Collegarsi al sito e consultare i social network dell’azienda per reperire quante più informazioni possibili. Più ci si mostra preparato, più si convincerà il proprio interlocutore che si desidera realmente entrare a far parte della sua squadra.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )