Bologna, esplosioni a catena in tangenziale, crolla un ponte: due morti e decine di feriti (video)

lunedì 6 Agosto 15:29 - di

Panico a Bologna. La forte esplosione di un camion in tangenziale, a Bologna, ha dato origine a un violento incendio, seguito da altre esplosioni avvertite in diverse aree di Bologna. Ci sarebbero almeno due morti e decine di feriti. È accaduto intorno alle 14 alla periferia di Bologna, nel quartiere di Borgo Panigale. È stata chiusa l’autostrada A14 sul raccordo di Casalecchio, tra Bologna Casalecchio e il bivio con la Bologna-Taranto, in entrambe le direzioni. A comunicarlo è la società Autostrade che spiega che la chiusura si è resa necessaria a causa di un camion in fiamme al chilometro tre. All’interno del tratto chiuso, il traffico è bloccato e sul posto sono arrivati i mezzi di soccorso. All’origine dell’inferno di fiamme un incidente stradale fra un camion che trasportava sostanze infiammabili e un altro mezzo di trasporto. Hanno preso fuoco anche le vetture di alcune concessionarie vicine che sono esplose. Sarebbe crollato anche un tratto di ponte dell’autostrada. La colonna di fumo è visibile in tutta Bologna. Nel primo pomeriggio è stato spento l’incendio scatenatosi all’altezza del km 4.800, direzione Sud del Raccordo Autostradale Bologna Casalecchio, dopo l’esplosione dell’autocisterna che, molto probabilmente, secondo i Vigili del Fuoco, stava trasportando gpl. L’incendio ha causato due morti accertato e una settantina di feriti – come dice la polizia di Stato – ed è stato provocato da un incidente la cui dinamica è ancora al vaglio degli inquirenti. Si è verificato intorno alle 14 e 30 circa, con tamponamento multiplo e conseguente incendio di un mezzo che trasportava una cisterna con materiale infiammabile. Gli specialisti dei soccorsi rimasti sul posto cercano di capire se ci sono altre vittime ancora non individuate.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • giulio 6 Agosto 2018

    Per fortuna si trattava di “ecologico” GPL: fosse stato l’ancor più “ecologico” idrogeno…
    Ed è già la seconda strage che il GPL provoca – l’altra era quella di Viareggio.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )