Tajani: «Di Maio voleva fondi Ue per il reddito di cittadinanza, ma è stato stoppato»

mercoledì 4 luglio 18:32 - di Francesca De Ambra

È destinata certamente ad accendere la miccia di nuove polemiche l’intervista esclusiva con Antonio Tajani che uscirà domani su Panorama. Non fosse altro perché l’esponente di Forza Italia non è un passante qualsiasi, ma è il presidente del Parlamento europeo. Proprio in questa veste, probabilmente, Tajani ha raccolto il contenuto dell’incontro che si è svolto tra il vicepremier Luigi Di Maio ed il commissario europeo per il Lavoro e gli Affari sociali, Marianne Thyssen.

Rivelazione di Tajani a Panorama

Secondo il racconto del presidente dell’Europarlamento, i due si sarebbero confrontati sulla possibilità di finanziare il reddito di cittadinanza, il più antico ed importante cavallo di battaglia del M5S con le risorse finanziarie destinate al Fondo sociale europeo. Di Maio, che come ministro del Lavoro italiano risponde politicamente del mancato varo del provvedimento, avrebbe chiesto alla Thyssen di consentire al governo l’adozione di questa misura. Ma, a sentire Tajani, la risposta della commissaria Ue sarebbe stata del tutto negativa: «Di Maio – ha raccontato a Panorama il presidente del Parlamento europeo – aveva avanzato la richiesta  ma Thyssen gliel’ha spiegato in maniera molto chiara. È tecnicamente impossibile: non l’ha mai fatto nessuno Stato europeo».

La commissaria Thyssen: «Tecnicamente impossibile»

Tajani non si è lasciato sfuggire l’occasione dell’intervista per assestare un paio di colpi all’attività dell’esecutivo presieduto da Giuseppe Conte e sostenuto, oltre che da Di Maio, dall’alleato leghista Matteo Salvini: «Il governo italiano – ha detto – ha promesso reddito di cittadinanza, abolizione della Fornero e flat tax. Ma dove sono i soldi? La battaglia sui migranti invece è gratis, ma pericolosissima. L’Italia oggi fa di necessità virtù».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pino1° 5 luglio 2018

    Il copia-incolla di berlusca, lo imita anche nei campo dell’affidabilità, u g u a l e !
    Il presiniente del parlamento europeo che ‘raccoglie’; che fa l’accattone?
    O più semplicemente la serva, se riporta, un colloquio fra Marianne Thyssen e Di Maio a cui non partecipava !
    Fa veramente una bella figura un tizio che proviene dalla corte dei miracoli di arcore e fa rivelazioni di stampa contro l’Italia nella persona di Di Maio che, oltretutto è al governo con la Lega !!!!!
    Questi sono gli sciacalli berlusconiani, gente da evitare come i kattocomunisti, non sono uomini, forse ominicchi, no! Tutto sommato quaraquaquà va bene. Capiamo perché l’Italia è sbeffeggiata in europa se questi sono i nostri rappresentanti, grazie berlusca !!!

  • Laura Prosperini 5 luglio 2018

    rimango perplessa sulla figura di tajani
    siamo sicuri che lavora per l’Italia?

  • In evidenza