«Quando il cielo ci fa segno»: Messori invita a riconoscere la presenza di Dio

mercoledì 25 luglio 17:40 - di Redazione

Il lato misterioso della fede, la presenza inquietante e consolante dell’ignoto: Vittorio Messori, lo scrittore cattolico vivente più venduto e tradotto al mondo, torna in libreria in autunno con il pamphlet Quando il Cielo ci fa segno (Mondadori), destinato a far discutere: nel libro Messori racconta in prima persona i “segni” da lui vissuti di una presenza soprannaturale.

Molti si lamentano perché Dio non si manifesta dall’alto dei cieli, ma in realtà non è che Dio taccia, spesso siamo noi a essere, o voler essere, sordi e ciechi, sostiene Messori che quarant’anni fa si affermò con il bestseller Ipotesi su Gesù. Per Messori, la vita di ciascuno di noi è costellata di quelle che chiamiamo «coincidenze» e che, in verità, sono spesso segni della presenza di un Dio che veglia sulle sue creature. Solo che questi segni occorre riconoscerli. Ciascuno, poi, ha vissuto eventi per i quali dovremmo parlare di “piccoli miracoli” o, almeno, di “misteri”, ma che poi dimentichiamo, dopo un primo momento di sorpresa.

Ma, nonostante ogni progresso della scienza, «siamo immersi nell’enigma e ben poco sappiamo davvero su noi stessi e sul nostro destino». In questo nuovo libro, Messori ha il coraggio di uscire allo scoperto e racconta i suoi «misteri quotidiani», i «segni» misteriosi da lui vissuti, alcuni dei quali davvero impressionanti. A differenza di molti, però, Messori ha compreso che questi eventi non sono altro che cenni dal cielo che vanno riconosciuti senza timore di essere scambiati per visionari.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 26 luglio 2018

    Ipotesi su Gesù è un libro che consiglio a tutti.

  • In evidenza

    contatore di accessi