Milano: ragazzina ubriaca prende un taxi abusivo e viene stuprata dall’autista

giovedì 19 luglio 12:47 - di Monica Pucci

Inconsapevole di dove fosse, stordita, nel pieno di una notte che si è rivelata un incubo con il volto di un finto tassista che avrebbe abusato di una giovane cliente la notte del 16 giugno scorso. L’autista di 61 anni è stato arrestato questa mattina dai carabinieri a Milano. Nei confronti dell’uomo, i militari della compagnia Milano-Duomo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Milano. La misura scaturisce dalle indagini condotte dai carabinieri a seguito della denuncia presentata da una 20enne italiana. Ai militari la giovane aveva riferito di aver usufruito del taxi la notte del 16 giugno scorso per tornare a casa dopo aver trascorso una serata con gli amici in un locale. Solo al risveglio la ragazza si era resa conto di essere stata abusata dall’uomo, che aveva approfittato del suo stato di ubriachezza. Secondo il Corriere della Sera, «l’uomo aveva lasciato il numero di telefono a diversi clienti del locale, ed era quindi conosciuto dai frequentatori. La violenza è poi avvenuta in un parcheggio non distante dalla casa della vittima. Arrivata sotto l’abitazione lei avrebbe anche cercato di pagare la corsa e lui le avrebbe risposto: “No questa volta è gratis”». Per poi violentarla.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Tolu 19 luglio 2018

    Ma tanto non c’è aggravante, era ubriaca. Come se ad un qualsiasi ubriaco sia permesso far tutto quel che si vuole. Te possino……, te possino!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica