«Mi violentava e mi costringeva a prendere il Viagra». Nei guai il frate pro migranti

martedì 17 luglio 14:14 - di Alessandra Danieli

È finito nei guai con l’accusa di violenze sessuali don Antonio Zanotti, fondatore della comunità di accoglienza per profughi e minori in difficoltà chiamata “Oasi 7” di Bergamo. Il frate “Premio per la Pace”, dedito alla cura delle anime degli ultimi, avrebbe costretto alcuni immigrati minorenni ad avere rapporti sessuali con lui. A denunciare don Zanotti è stato un ragazzo immigrato che viveva nella comunità da quattro anni e che ha raccontato al “Corriere della Sera” di aver vissuto un’esperienza terribile che lo ha spinto persinio a tentare il suicidio.

Nei guai don Zanotti, il frate amico

Dopo circa tre mesi dall’arrivo in comunità  sono iniziati gli approcci sessuali: prima gli abbracci e poi gli inviti a bere nella sua stanza. «Nonostante non fosse mio desiderio avere rapporti sessuali con il frate, non riuscivo a oppormi – racconta il giovane che ora si trova in un luogo protetto – padre Zanotti cominciò a farmi dei regali costosi, qualunque cosa chiedessi me la acquistava. Se accondiscendevo alle sue richieste, mi faceva trovare dei soldi». Dopo gli abusi, le minacce: «Mi diceva che senza di lui e la sua bontà avrei passato la mia vita in mezzo alla strada insieme ai disperati». «Mi costrinse a prendere del Viagra – racconta ancora il minorenne – mi diceva sempre “Ci vogliono i soldi, caro mio, io ne ho tanti e tu non hai niente”. Il degrado umano nel quale mi aveva gettato padre Zanotti fu tale che nel marzo del 2018 fui costretto, per non impazzire, ad andare a lavorare fuori dalla struttura. Due mesi fa, a causa degli ultimi gravi abusi subiti, trovai la forza di andarmene definitivamente, preferendo vivere per strada piuttosto che vivere l’annullamento della mia persona». Una fuga che gli è costata aggressioni, botte e minacce. «Mi trovavo nella stazione di Bergamo quando due albanesi che conoscevo, perché residenti nella comunità di padre Zanotti, mi hanno circondato e riempito di pugni e schiaffi, lasciandomi a terra sanguinante, non prima di avermi detto “’Non tornare più là dentro e vedi di stare molto lontano da qui”’. Adesso vivo in un luogo protetto, ma ho paura che possa accadermi qualcosa di brutto». Alla denuncia del ragazzo, arrivato in Italia all’età di sei anni dopo essere stato adottato, si sono unite anche quelle di altri due giovani ospiti della comunità Oasi 7.  La legale del ragazzo, Laura Sgrò, ha depositato presso il Vaticano e la procura di Roma video hard e foto dal contenuto sessuale che saranno presto esaminati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • danubio blu 23 luglio 2018

    non è l’abito che fa il monaco purtroppo

  • Palmer 20 luglio 2018

    Sempre loro…pervertiti del Vaticano….ma possibile che il popolo nn si rende conto che questi sono dei pervertiti e falsi?maledetti….

  • Antelope Pluvio 18 luglio 2018

    Lo volete capire che la chiesa è un’accozzaglia di maledetti, una feccia della piú infima specie?

  • Eschini Pietro 18 luglio 2018

    Nella chiese esiste la feccia più pericolosa al mondo , con preti pedofili preti violentatori con il Papa grande capo . La chiesa si dovrebbe vergognare su tutto questo , il Papa continua a dire accoglienza però in Vaticano non accoglie nessuno . Salvini spedisci una nave di clandestini in Vaticano poi vediamo come andrà a finire , continua così Salvini non mollare MAI .

  • Massimo B. 18 luglio 2018

    Dovrebbero appenderlo in piazza per il pene.

  • 18 luglio 2018

    Se e la verità carcere!!!

  • sergio 17 luglio 2018

    castrazione chimica per il pseudo-frate

  • Giuseppe Tolu 17 luglio 2018

    Li stava integrando, schifoso!!!

  • lucio 17 luglio 2018

    Nessuno fa niente per niente,neppure i buonisti, ogni tanto si scoprono gli interessi di costoro, tu dare cioccolata nera io dare c….o bianco, niente poi di male, oggi prenderlo è un vanto, un valore aggiunto

  • Laura Prosperini 17 luglio 2018

    se così fosse,
    sarebbe una mostruosità, una sequenza di reati degna della peggior feccia abominevole.
    Se così fosse, pena esemplare, in carcere per almeno 20anni.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica