Macron trema: si forma l’asse “rosso-nero” tra Le Pen e Melenchon

venerdì 27 luglio 16:59 - di Tito Flavi

Giorni sempre più difficili sta vivendo Emmanuel Macron. È partita la commissione d’inchiesta dell’Assemblea nazionale sul caso Benalla. E questa è già una brutta notizia per il presidente. Ma la notizia ancora più brutta è che si sta formando in Francia un vasto fronte di opposizione politica. Convertenze finora impensabili sono in via di formazione, come quella “rosso.nera” tra il Front National di Marine Le Pen e il partito di sinistra fondato da Jean-Luc Melenchon.

Non si può ancora dire che si sia formata una vera e propria alleanza politica. Però il caso Benalla sta portando a una temibile (per Macron) convergenza di fatto  destra e sinistra.  Danielle Obono di France Insoumise (la formazione di Melenchon) ha chiesto la rimozione della presidente della commissione d’inchiesta, Yael Braun Pivet, accusata di voler proteggere Macron. E con lei si è schierata proprio Marine Le Pen.

La paura si sta già insinuando tra  gli uomini di Macron, che  parlano di “unione nauseabonda” e ”strampalata convergenza delle opposizioni”. Le prove di dialogo continuano. E il precedente italiano, con l’incontro di governo tra le eterogenee forze della lega, da una parte, e dei 5 Stelle, dall’altra, rappresentano un inquietante precedente politico per l’establishment di En Marche

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Laura Prosperini 27 luglio 2018

    se lo avesse capito prima Melenchon…
    micron rotschid
    non serebbe stato presidente e la francia si sarebbe risparmiata il jobs act (alle ostrighe)

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica