I russi non dimenticano: in centomila alla processione in memoria dello zar (video)

martedì 17 luglio 16:30 - di Giovanni Trotta

I russi non dimenticano gli orrori del comunismo: oltre 100mila persone hanno partecipato ad Ekaterinburg alla processione per il centesimo anniversario dell’omicidio dell’ultimo zar della Russia, Nicola II, e la sua famiglia. Lo ha reso noto la chiesa ortodossa russa, che ha canonizzato lo zar e i suoi familiari come martiri e costruito una chiesa sul luogo dell’esecuzione, compiuta dai bolscevichi durante la Rivoluzione. Guidata dal patriarca ortodosso Kirill, la processione è partita dalla Chiesa del “sangue in onore di tutti i santi risplendenti sulla terra russa” ed è continuata per 21 chilometri fino al luogo dove sono sepolti lo zar Nicola e i Romanov.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe 18 luglio 2018

    W i Santi Romanov

    Santi Martiri della Famiglia Imperiale Romanov

    17 luglio (Chiese Orientali)

    † Ekaterinburg, Russia, 4 (17) luglio 1918

    Il concilio dei vescovi della Chiesa Ortodossa Russa decretò così il 15 agosto 2000 la canonizzazione di questi santi: “Si inseriscano come vittime innocenti nell’assemblea dei nuovi martiri e confessori russi i membri della Famiglia Imperiale: l’imperatore Nicola II, l’imperatrice Aleksandra, l’erede al trono Aleksej, le granduchesse Ol’ga, Tat’jana, Marija e Anastasja. Nell’ultimo monarca ortodosso russo e nei membri della sua famiglia riconosciamo delle persone che hanno sinceramente desiderato incarnare nella propria vita gli insegnamenti del Vangelo. Nelle sofferenze durante la prigionia che la Famiglia Imperiale ha sopportato con mansuetudine, pazienza e rassegnazione al martirio e Ekaterinburg la notte del 4 (17) luglio 1918 si è manifestata la luce della fede in Cristo che vince il male; in modo simile essa ha brillato nella vita di milioni di fedeli ortodossi perseguitati per Cristo nel XX secolo”.
    Il 19 ottobre 1981, invece, la Chiesa Ortodossa Russa all’Estero aveva canonizzato non solo lo zar Nicola II ed i suoi più stretti familiari, ma anche i loro servitori e gli altri principi della famiglia imperiale caduti vittime dei bolscevichi. Ecco i loro nomi:

    + 17 luglio 1918
    – San Nicola II Romanov zar di Russia
    – Sant’Alessandra Fedorovna zarina di Russia
    – Sant’Alessio Romanov zarevich
    – Sant’ Anastasia Nikolaevna granduchessa
    – Santa Maria Nikolaevna granduchessa
    – Sant’ Olga Nikolaevna granduchessa
    – Santa Tatiana Nikolaevna granduchessa
    – Sant’Eugenio Botkin medico di corte
    – Sant’Alessio Trupp cuoco
    – Sant’Ivan Kharitonov fante
    – Sant’Anna Demidova domestica

    + 18 luglio 1918
    59300 – Santa Elisabetta Fedorovna granduchessa, monaca
    – Santa Barbara Yakovleva consorella di Elisabetta Fedorovna
    – San Sergio Mikhaylovich granduca
    – Sant’Ivan Konstantinovic granduca
    – Sant’Igor Konstantinovic granduca
    – San Costantino Konstantinovic granduca
    – San Vladimiro Pavlovich Paley principe
    – San Fyodor Remez segretario del granduca Sergio

    + 4 settembre 1918
    – Sant’Anastasia Hendrikova contessa
    – Santa Caterina Adolphovna Schneider insegnante privata
    http://www.santiebeati.it/dettaglio/60850

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica