Fondo per lo Spettacolo, Rampelli: il ministro riapra i termini per gli esami

martedì 17 luglio 18:38 - di
rampelli referendum

”Di fronte al disastro della gestione del Fondo unico per lo Spettacolo dell’ex ministro Franceschini ci sono domande inevase. Perché delle commissioni che avrebbero dovuto decidere in maniera imparziale non hanno trovato strumenti efficaci per valorizzare ogni offerta culturale? Forse c’è stato poco tempo per una approfondita analisi dei progetti? Ogni proposta, infatti, è stata valutata in appena un minuto ciascuna. Decisamente troppo poco per poter compiere un’analisi di merito dei progetti presentati”. È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia, intervenendo alla conferenza stampa sul Fondo Unico dello Spettacolo organizzata dal Movimento Spettacolo dal Vivo: “Forse il precedente governo – ha aggiunto –  è arrivato in ritardo e ha dovuto far concludere il lavoro alla commissione in fretta e furia, propinando involontariamente giudizi sbagliati ed escludendo progetti monumentali delle migliori realtà culturali italiane? Non voglio pensare che ci sia stato accanimento, non voglio pensare che il ministro abbia presentato alle commissioni elenchi di associazioni che dovevano vincere, ne conosco l’onestà intellettuale e so che solo la fretta ha alterato il risultato finale”. “Non voglio pensare – prosegue Rampelli – che, consapevoli che le elezioni non sarebbero andate bene per il Pd, si sia cercato di occupare militarmente la programmazione culturale del prossimo triennio. La cultura, lo sanno tutti, è al di sopra delle parti, al di là della destra e della sinistra”. “E quindi – conclude – faccio due appelli: uno al ministro dei Beni e delle Attività Culturali Bonisoli affinché intervenga in autotutela per rimodulare i fondi e fermare la pioggia di ricorsi che rischia di tenere tutto fermo; l’altro alla commissione, che è stata costretta a lavorare in condizioni assurde. Sono sicuro che accoglierà con favore la proposta di approfondimento”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • C. Brandani 18 luglio 2018

    Se questa proposta verrà accolta dal Ministro sono sicuro che verranno prodotti film migliori, non tutti orientati a sinistra e con costi inferiori. Io ci spero!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica