Caos migranti, la Merkel salva il suo governo ma mette nei guai Austria e Italia

martedì 3 luglio 11:03 - di Gabriele Alberti

La Merkel va per conto suo, l’Austria va per conto suo. E potremmo rimetterci noi. E’ l’Europa, bellezza! Dove ormai lo scontro, l’uno contro tutti, è sui migranti. Nell’Europa che ormai ha gettato la maschera sugli egoismi e gli interessi così poco comuni, l’effetto domino potrebbe essere questione di ore. Secondo l’accordo che ha salvato nella notte il governo Merkel, i migranti che hanno già chiesto asilo in altre nazioni dell’Unione europea saranno trattenuti in centri di transito ai confini tedeschi e la Germania negozierà accordi bilaterali per il loro ritorno. L’Austria, che confina a Nord con la Germania, non ci sta e a più riprese ha sottolineato che metterà in atto misure simili a quelle tedesche per evitare che lo sbarramento imposto da Berlino si trasformi in un’emergenza sul suo territorio. E dà l’altolà.
Nella notte il Cancelliere e il suo ministro dell’Interno  hanno infatti raggiunto l’intesa sui migranti. Ma proprio per questo L’Austria potrebbe «adottare misure per proteggere» i suoi confini. Vienna non ha alcuna intenzione di subire passivamente il fenomeno migratorio. Motivo per il quale potrebbe adottare subito misure per proteggere i propri confini, Inoltre, l’esecutivo guidato da Sebatian Kurz si è anche detto «pronto a prendere misure per proteggere le frontiere meridionali, in particolare, quelli con Italia e Slovenia».

Effetto domino, appunto. Il passaggio che interessa da vicino l’Italia è il punto 3 del documento sottoscritto da Cdu e Csu. «Nei casi in cui i Paesi rifiutino accordi amministrativi sui respingimenti diretti, il respingimento avviene al confine con l’Austria, in base a un accordo con l’Austria». I profughi provenienti dunque dall’Italia, che si è rifiutata finora di sottoscrivere un’intesa bilaterale con Berlino, verranno bloccati direttamente al confine. Seehofer ha vinto, su questo punto, abbattendo una resistenza della cancelliera. A questo punto le vane parole sull’Europa “necessaria” fanno ridere. Durante l’incontro con il presidente della Repubblica di Lettonia Raimonds Vejonis, Mattarella ha detto: «Abbiamo affrontato il tema delle migrazioni, concordando il fatto che si tratta di un fenomeno di così grande portata che nessun singolo paese può da solo affrontarlo». Ecco, provi a spiegarlo a Merkel, Macron e compagnia…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • FAUSTO 4 luglio 2018

    CORRETTO CAMBIARE LE REGOLE, NEL FRATTEMPO CHIUDIAMO ANCHE NOI LE FRONTIERE CON AUSTRIA, GERMANI E FRANCIA E RESPINGIAMO GLI IMMIGRATI CHE QUESTI PAESI VOGLIONO RIFILARCI. NEL 2015 LA MERKEL APRI’ LE FRONTIERE RICHIAMANDO MILIONI DI IMMIGRATI CON IL MIRAGGIO DI ENTRARE IN GERMANIA ED IN EUROPA. SE MERKEL VUOLE LA GUERRA, GUERRA SIA

  • Bruno 4 luglio 2018

    che casino! usciamo da questo turbidume da questo fango.Oramai gli italiani hanno capito ma lo avevano capito anche quando il Sig.Prodi ci ha venduto all’Europa intera al cambio di quasi 2000 lire per un euro.E li è cominciata la discesa.Una volta con un milione eri quasi un signore oggi con 1000 euro non fai una sega.Io non lo so se fuori o dentro all’euro sia meglio o peggio.Vanno riviste tutte le regole che si sono costruite a doc per gli altri e non per noi.Tiriamo fuori le palle e facciamogli vedere cosa è l’Italia e gli italiani.Imbandieriamo tutte le nostre finestre con il tricolore sempre.Protestiamo in silenzio con la bandiera che sventola fuori dalle finestre.Tutti.Diventiamo un vero popolo unito e pronto a difendere la nostra bella Italia. PRIMA GLI ITALIANI E POI TUTTO IL RESTO.

  • Peppa 4 luglio 2018

    e hanno anche il coraggio di parlare contro l’Italia che chiude i porti!!!!! Il fatto è che sia i Francesi che i Tedeschi ci considerano dei sottomessi ai loro voleri!! Robe da matti. Organizziamoci per dargli due calci in culo e fare dietro front e ringraziamo di questa situazione i signori Prodi, Napolitano, Letta, Bonino, Draghi, ecc, che hanno tramato alle nostre spalle, chi consapevolmente e chi da insulso, con tutto il PD, naturalmente, ai piedi del potere finanziario, messo al governo, non dagli italiani, visto che non è stato votato, ma da chi ha deciso per gli italiani. La caduta di Berlusconi è stata un vero e proprio golpe.

  • alfonsa 4 luglio 2018

    bastarda

  • Angela 4 luglio 2018

    Basta!la misura è colma!fuori dall’Europa e dall’euro.I politici di allora per farci entrare nell’Europa “unita” e nella moneta unica non hanno chiesto il consenso al popolo italiano e perché adesso per uscire dalla UE e dall’euro dovremmo fare un referendum (che non ci faranno mai fare),questi cari politici ci facciamo uscire allo stesso modo di come ci hanno fatto entrare,senza dirci nulla,questa volta penso che gli italiani ringrazierebbe ro,riiprendiamoci la nostra sovranità nazionale e non facciamoci comandare da nessuno e se gli altri Paesi si fanno gli affari loro facciamoceli pure noi…ma possibile che questa Europa si sta facendo mettere sotto da trafficanti e malavita organizzata?e poi si lamentano che avanzano i populisti e i sovranisti…ma che ben vengano e riportino gli stati come erano prima che entrassimo in questa scellerata unione europea…se la Gran Bretagna se ne è uscita(beata lei)possiamo farlo anche noi…

  • Giuseppe Forconi 4 luglio 2018

    Prima fare una legge che votare e’ un obbligo altrimenti multe per chi non vota. Questo perche’ non c’e’ rispetto sull’importanza di votare.
    Poi fare un referendum ( su quello che volete ) ma in simultanea con le votazioni ( cartella separata ).
    Se ci riuscite rara’ come vincere una guerra. Ma con gli attuali italiani ( quei pochi che ci sono rimasti ) sara’ una bagarre da ridere, si ammazzeranno ma avranno sempre da ridire e criticare.

    • uesto renderebbe un bel po di miliaRDI DI ENTRATE FISCALI IN PIù. 5 luglio 2018

      Io che vorrei votare PNF cosa faccio? Non c’è partito che mi rappresenti ed il PNF è fuorilegge. Inoltre se nella scheda mando tutti a quel paese cosa succede? Non faccio meglio a non andare a votare?

  • Leonardo Corso 4 luglio 2018

    Basta via dall‘Europa e Euro. Fate un Referendum e fate decidere il popolo visto che é sovrano . Lasciatr decidere gli italiani per il loro destino e non Mattarella. O quell Signor Napolitano o la faccina di mortadella che hanno riscritto la la costituzione. Il popolo é sovrano basta

  • Laura Prosperini 3 luglio 2018

    di botto sono stati smascherati gli EGOISMI che reggono l’euro-pa
    alla germania interessa solo se stessa, da sempre, vuole guadagnare dalla fissità dell’euro e lo ha fatto per vent’anni!!!!
    incamerando surplus ben oltre il massimo consentito.
    Non gli interessa se l’italia o altri paesi possano soffrire per i migranti (economici, perchè ci sono entità, fra le quali la mafia, che ci guadagnano) accollandosi individui che il più delle volte sono stati pagati ed a forza costretti a venire quà con una giusta insofferenza verso di noi.
    Altro che inserimento, non vedono l’ora di andarsene (giustamente) aevoglia a dar loro case (sottratte agli Italiani bisognosi) lavoretti a cottimo (anche questi sottratti agli italiani con la scusa che gli Italiani non li vogliono fare…) pasti (sui quali ci guadagnano gli aguzzini che se ne fanno carico) e soldi (sottratti, anch’essi, ad ogni redistribuzione a favore degli Italiani indigenti in forte aumento).
    Gli EGOISMI sono venuti a galla (ma ci sono sempre stati, anzi si può dire che l’euro-pa nasce dagli egoismi di francia e germania).
    Reintegrazione Tesono Banca d’Italia, nazionalizzazione nostre Industrie strategiche e Banche strategiche, tutte.
    Eppoi fuori da questa trappola che immiserisce profondamente l’Italia e gli Italiani.

    FUORI DALL’EURO-PA

    • Eusebio 4 luglio 2018

      Concordo..nessun dubbio. O si cambiano le regole oppressive europee oppure meglio uscire.
      Guarda la Grecia

    Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica