Barista stuprata per ore, fermato un romeno evaso dai domiciliari

venerdì 20 luglio 15:55 - di Alessandro Giuliani

È stato fermato a Milano in meno di trenta ore un romeno di 34 anni, accusato di essere il responsabile della violenza sessuale ai danni di una barista cinese di Piacenza, avvenuta l’altra notte in via Dante. L’uomo, che stava fuggendo, è stato identificato dai Carabinieri di Piacenza e individuato in zona Forlanini, a piedi. Si tratta di un pregiudicato che stava scontando una condanna per altri reati, in detenzione domiciliare con permesso di uscire per lavorare durante il giorno, non di notte. Il fermato si chiama Nicolae Istrati. Lo hanno bloccato i carabinieri del Nucleo Investigativo e quelli dell’Aliquota Operativa di Piacenza a Milano in zona viale Forlanini. L’uomo è accusato di violenza sessuale, sequestro di persona e rapina.

La barista legata e stuprata per ore

Lo stupro è stato devastante, protrattosi per ore, a esercizio chiuso Secondo il racconto della vittima agli inquirenti, l’aggressore si sarebbe presentato nel locale poco prima della chiusura e per quattro ore, da mezzanotte alle 4 del mattino, avrebbe abusato di lei, in quel momento sola, dopo averla legata e imbavagliata. Solo all’alba le grida della donna sono state udite dai vicini, che hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri e il 118 che ha condotto la donna, una 40enne di origini cinesi, al pronto soccorso dall’ospedale piacentino in stato di choc, da dov’è stata dimessa venerdì mattina.

Salvini: «Castrazione chimica per reati come questo»

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta così su Twitter: «Per i colpevoli di questi reati zero sconti, pena certa da scontare solo in galera e castrazione chimica».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica