Rom, sono i Casamonica a guidare il fronte anti Salvini: «Con noi devi rigare dritto»

lunedì 18 Giugno 19:35 - di

La proposta del ministro dell’Interno Salvini di fare il censimento dei rom ha scatenato le furie politicamente corrette d’Italia, a partire naturalmente dal Pd. «Il diverso, lo straniero. Oggi i rom. E domani? Fermatevi! Non c’è futuro nella paura. L’Italia non è questa #censimento».  Così scrive su Twitter il reggente Martina, che compendia in questo modo, accorato e drammatico, tutta le serie di attacchi partiti questo pomeriggio da largo del Nazareno all’indirizzo del leader leghista.

Ma, nella giornata odierna, ad attirare la curiosità dei media, non sono tanto le scontate  bordate del Pd, quanto l’insolita presa di posizione contro Salvini che viene dal clan Casamonica. Insolita  perché i gruppi del sottobosco malavitoso romano (e non solo romano) tendono all’invisibilità politica e certo non si mettono ad attaccare direttamente un ministro dell’Interno in carica.  Ma tant’è: i Casamonica partono inopinatamente  all’attacco del ministro. «Salvini non mi fa paura, mi sembra una brava persona, lui parla, fa il suo lavoro, ma con noi deve rigare dritto, non dire che viene a cacciare le persone». A parlare è Angela, esponente di spicco del clan, che un anno fa attirò l’attenzione dei media quando ammise di essere la proprietaria del maialino Bebè  avvistato in zona Romanina a passeggiare per le strade del quartiere. I Casamonica, ribadisce, sono italiani: «Noi siamo brava gente, la nostra famiglia si sta comportando bene. Noi siamo nati qua, Salvini ci vuole cacciare? Ma che vuole da noi? Non lo può fare: abitiamo qui da una vita, tutto il quartiere ci ha visti crescere, ci vogliono bene tutti». A questo punto si può dire, senza esagerazioni, che il fronte anti Salvini è stato oggi egemonizzato dal clan Casamonica…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • emilialibera 19 Giugno 2018

    Via dall’Italia chi non lavora e non può dimostrare come vive.
    Pulizia e sicurezza !!

  • sergio 19 Giugno 2018

    per prima cosa dobbiamo mandare via dalla nostra terra quelli che danno sostentamento agli zingari( pd e company) poi insieme, zingari e stranieri che non adottano nella loro esistenza quotidiana la nostra lingua, religione,diritto usi e costumi.

  • Laura Prosperini 19 Giugno 2018

    niente più illegalità, si faccia subito il censimento anche perchè se scelgono di essere nomadi (con le protezioni del caso) devono fare i nomadi e quindi non stare in un luogo più di un tot.
    Non si può scegliere di essere nomadi (protetti e senza le nostre regole) e poi fare gli stanziali.
    Per poter fare gli stanziali in Italia è necessario farsi fare i documenti, avere una residenza andare a scuola (i ragazzi) pagare le tasse (gli adulti) tutte cose che non fanno inoltre se si viene colti a rubare si va in galera (non fanno neanche questo).
    Quindi o si mettono in piena regola e pagano le tasse oppure sloggiano dopo un po, ovviamente sta ad ogni singolo individuo scegliere al momento del censimento ma queste due opzioni sono le uniche possibili

  • Simone 19 Giugno 2018

    Gli zingari mi hanno svaligiato la casa due vole e mandato in ospedale mia madre.
    Devo dire altro ?

  • Pino1° 19 Giugno 2018

    E’ chiaro che la rettitudine del Ministro, Onorevole Salvini sta togliendo le ombre al malaffare più bieco dietro i quale l’ipocrisia kattocomunista del politicamente corretto emerge chiara ed anche impressionante, facendo capire molto bene che, riuscendo a togliere l’evasione fiscale calcolata su criminalità, spaccio, furti, estorsioni, ecomafie, mafia agricola, sfruttamento della prostituzione connessa intimamente a quella umana dell’immigrazione e permanenza di due ed oltre milioni di stranieri di cui poco o nulla l’instat sà, alla presenza di comunità straniere impermeabili ai servizi, appoggiate dalla mafia e collusi nello stato raggiungono, così, per caso, la somma dietro la quale i kattocomunisti hanno trovato l’alibi per spremere la collettività italiana a livelli di vessazione da tasse che nessun altro paese libero ha!
    Ho stampate nella mente le parole dette dallo smacchiatore dei giaguari mentre scendeva le scale dopo avere fatto fuori il berlusca ‘ li faremo piangere’ Renzi, Martina che urla in parlamento con il controcanto di del rio, e cascami kiengo-boldriniani vari… non avete fatto piangere qualcuno in particolare ma noi, noi italiani tutti, depredando gli italiani che avevano accantonato il frutto della loro vita svuotandogli le banche, facendo finta di niente con l’azione di bankitalia, consob, che hanno imposto al piccolo contraente mutuo la sottoscrizione di derivati tossici di cui siamo ancora pieni, facendo svuotare da francia ed inghilterra, germania la cassaforte dei migliori brand del lusso, dell’agroalimentare, delle tecnologie navali di punta!
    E ancora parlate ? Poca soddisfazione la mia maledizione su tutti voi, ma c’è, insieme a quella della
    maggior parte del nostro popolo, ci avete svenduti, ce ne ricorderemo a lungo.. almeno per dieci anni!

  • Carpino Vince 19 Giugno 2018

    Martina si dovrebbe mettere una grossa mela on bocca che lo fermi di dire nulla.
    Questo individuo non a fatto mai nilla di utile solo csmpa sulle spalle dei cittadini.
    Se sta zitto e meglio fa assolutamente schifo.

  • Massimilianodi SaintJust 18 Giugno 2018

    Essere nati in Italia non significa essere italiani, occorre che entrambi i genitori e i nonni siano italiani, altrimenti un timbro di un funzionario, forse corrotto, non vale niente!

  • 18 Giugno 2018

    Fuori di Italia se sono in Italia senza permesso del Governo…avete a la vostra mano LA LEGGE!!!

  • lucio 18 Giugno 2018

    La destra non ha più bisogno di far propaganda elettorale, c’è il PD a dargli una mano insieme alla papessa

  • dino de fasto 18 Giugno 2018

    Semmai agli zingari gli vogliono bene solo quelli come loro, cioè quelli di sinistra, perché con loro trovano un’altra grande fonte di sostentamento. Così grande che non si sa chi è più zingaro.