Meloni: «Astensione sulla fiducia, ma voteremo i provvedimenti buoni»

sabato 2 giugno 17:39 - di

«Voteremo i provvedimenti buoni che arriveranno dal governo».  Giorgia Meloni, su Skytg24, intervistata da Maria Latella, conferma «la sua astensione sulla fiducia». «Segnaliamo che noi dall’inizio della legislatura abbiamo depositato le proposte di legge con le nostre idee – aggiunge – Il contratto di governo tra M5s e Lega sono 40 pagine, è un po’ un libro dei sogni, costa 100 miliardi. Quando sono stata alle consultazioni con Conte non ho capito quali siano le priorità, se i respingimenti o il blocco della Tav. Non ho avuto risposte, lui cercava di tenersi in bilico per non scontentare nessuno. Ho trovato che la sua autonomia non fosse molto forte».

Meloni: «Mattarella ha ingarbugliato la situazione»

E poi ancora: «Mattarella ha fatto molti errori in questa trattativa, non ho condiviso le sue scelte, avrebbe dovuto dare l’incarico a chi era arrivato primo alle elezioni, cioè al centrodestra. Secondo me ha contribuito a ingarbugliare la situazione». Per Meloni il Capo dello Stato «è stato disponibile financo a dare l’incarico a Cottarelli che ha zero voti piuttosto che al centrodestra», facendo «consultazioni a lunghezza variabile: 48 ore alla Casellati per verificare una maggioranza centrodestra e M5S e un mese a Fico per verificare la maggioranza M5s e Pd. Non ho condiviso – conclude – il rifiuto della nomina di Savona a ministro dell’Economia perché basta aprire un testo di diritto costituzionale per capire che non poteva farlo».

Meloni: «No alle adozioni gay»

Quanto alle recenti dichiarazioni del ministro Fontana («Le famiglie gay non esistono»), Meloni commenta: «Non ho letto l’intervista del titolare del dicastero della Famiglia, ma ci sono temi che vanno posti a questo governo. Io, ad esempio, non metto in discussione le coppie gay, ma mi oppongo a chi parla di diritto di adozione per le coppie omosessuali perché ritengo che i bambini debbano avere un padre e una madre». E precisa: «Sarò d’accordo con Fontana se vorrà rendere la pratica dell’utero in affitto, che è abominevole, un reato universale e stabilire il divieto di adozione per le coppie gay».

«L’Italia trattata dalla Ue come una colonia»

L’Italia, conclude Meloni, «viene trattata dalla Ue come una colonia. Il nostro Paese è tra quelli che ha subito maggiormente i diktat dell’Unione europea. È un dato di fatto che le scelte fatte attorno alla nostra moneta ci abbiano indebolito, e la gente se n’è accorta».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • leonardo rocco tauro 3 giugno 2018

    La Presidente on.le Giorgia Meloni, e con lei FDI, sta dimostrando saggezza politica. Di fronte allo scompaginamento della alleanza originale, causato da una legge elettorale porcata, quella della astensione al nascente governo e voto legge per legge è la soluzione più giusta- Sono sicuro che gli elettori apprezzeranno e premieranno.

  • Francesco Desalvo 3 giugno 2018

    Il motivo per cui Mattarella ha agito favorendo la sinistra non è un segreto di stato. Essendo un democristiano di sinistra ha agito secondo le sue convinzioni. Inoltre era stato eletto praticamente dal solo PD contro tutto il centrodestra allora unito e gli doveva una certa riconoscenza.
    Essere super partes non è stata una prerogativa dei Presidenti Italiani. Tipici Scalfaro e Napolitano.
    Per questo Mattarella ha dato 2 giorni al tentativo centrodestra-5*****, e più giorni al tentativo 5*****-PD. Forse sarebbe stato obbligato a chiedere un confronto centrodestra-PD se non lo avesse aiutato l’urlo di Salvini “mai col PD”.
    Eppure il PD aveva iniziato a virare verso il centrodestra: con Minniti aveva iniziato a ridurre gli sbarchi, con Calenda a contrastare le delocalizzazioni, le fughe delle multinazionali, a difendere l’industria siderurgica ed i relativi posti di lavoro, eccetera.
    Se il centrodestra nella trattativa avesse riconosciuto queste nuove posizioni, avrebbe potuto mantenere quasi tutto il proprio programma, molto di più di quanto Salvini come sola lega ha dovuto cedere al programma 5*****. Sarebbe stata una partita 37% verso 18%, mentre 5*****-Lega è stato un 32% verso 17%.
    Ma Salvini non poteva tollerare di passare in secondo piano rispetto a Berlusconi che aveva tentato di proporre questo terzo tentativo. Il suo Ego non glielo permetteva.

  • MANGO Salvatore 3 giugno 2018

    TROPPI CONFUSIONISTI E CHIACCHIERONI. sono un pensionato di 86 anni che dopo avere lvorato una vita percepisce 700 €uro non Lire. A quando almeno mille, dico mille €uro al mese netti ! – 3293218910 – ATTENDO UNA RISPOSTA i

  • Michele 3 giugno 2018

    Meloni Presidente della Repubblica !!!

  • Giovanni Acquaviva 3 giugno 2018

    Cara Giorgia. Apprezzo la tua posizione e la condivido, ma temo che, con le parti in campo in questo momento, a partire dal colle, e i risultati del 4 marzo, non si potesse ottenere niente di più. Accontentiamoci di questo governo e cerchiamo di collaborare e lavorare con quello, indirizzandone magari certe scelte, ma senza fare barricate. Ormai la posizione degli altri alleati di Salvini è anacronistica e fuori dalla realtà. Ti prego solo di non farti invischiare nelle eterne recriminazioni di Berlusconi e di cercare, invece, di collaborare con Salvini e di aiutarlo, superando i personalismi. Ne abbiamo bisogno tutti.

    • Mary 3 giugno 2018

      Mio caro Giovanni, è Salvini che non vuole la collaborazione dell’On. Meloni, non scherziamo, se avesse voluto veramente, ora Giorgia sarebbe con lui

  • sergio la terza 3 giugno 2018

    È tutto uno schifo compresa l’adesione di fdl al governo.

  • Angelo 3 giugno 2018

    Cara Meloni, astenersi dalla fiducia non ti porterà nulla di buono, visto che fino a ieri eri pronta all’impeachment e ad appoggiare questo governo, non fare l’errore di Berlusconi, anzi se puoi ti conviene mollarlo, puoi solo guadagnarci.

    • Angelo 3 giugno 2018

      Rileggi quello che scrivi sei una contraddizione in termini. L’errore fatale di votare questa specie di partito l’ho purtroppo fatto, ma spero che sparisca la scena politica quanto prima ,

  • Flavio 3 giugno 2018

    Sono 19 anni che mi scolo con chiunque voglia parlarmi di EU o moneta unica, solo fa qualche mese la gente comune con un minimo di quoziente o eta avanzata, hanno capito della grande truffa contro il nostro paese….e il responsabile un uomo che non è degno nemmeno di essere pronunciato

  • Angela 3 giugno 2018

    Condivisibile tutto il discorso fatto dall’onorevole Meloni.

  • Salvatore 3 giugno 2018

    Astenersi è come dire si a questo governo che è solo un’ammucchiata, governo che ha trattato a pesci in faccia La meloni, questa volta Giorgia mi ha deluso, la sua è una decisione che non rispecchia quello che ha sempre sostenuto, votare NO sarebbe molto più lineare, inoltre i buoni provvedimenti possono essere votati lo stesso.

    • Angelo 3 giugno 2018

      Per fortuna qualcuno di bordo senso c’è ancora

  • Francone 2 giugno 2018

    IL MOTIVO PER CUI MATTARELLA HA CONFEZIONATO D’ALLINIZIO QUESTO MINESTRONE
    E’ UN SEGRETO DI STATO BELLO E BUONO (obama-merkel-schulz- . . . ). . . RIGURGITI .
    MA ANCHE PERCHE’ B. E’ AMICO DI P. QUINDI VIENE CONSIDERATO NON ALLINEATO .

    VOTARE I PROVVEDIMENTI BUONI E’ BUONA POLITICA E GLI ITALIANI NE TERRANNO CONTO .
    IO SONO TRANQUILLO FIDUCIOSO E FELICE .
    BUON LAVORO A TUTTO FDI .

  • In evidenza