La “Open Arms” sfida l’Italia e imbarca altri 50 migranti. L’altolà di Salvini

sabato 30 Giugno 13:21 - di

Un’altra nave si avvicina alle coste italiane. È la Open Arms: ha imbarcato una cinquantina di migranti bypassando la motovedetta libica. A darne la notizia è Matteo Salvini in un post su Facebook. «La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, si è lanciata verso un barcone e, prima dell’intervento di una motovedetta libica in zona, ha in tutta fretta imbarcato una cinquantina di immigrati a bordo – scrive il ministro dell’Interno  Questa nave si trova in acque Sar della Libia, porto più vicino Malta, associazione e bandiera della Spagna: si scordino di arrivare in un porto italiano. Stop alla mafia del traffico di esseri umani: meno persone partono, meno persone muoiono». La nave Open Arms della Ong Proactiva era stata nei giorni scorsi già respinta da Malta con un carico di altri migranti. Adesso ci riprova.

Salvini: «Le Ong non sono più legittimate»

In un’intervista al Corriere Salvini qualche ora prima ha ribadito che le «Ong non sono più legittimate. Si è sancito che nessuno deve interferire con il lavoro della Guardia costiera libica. E infatti Malta chiude e l’Italia ha già chiuso i suoi porti. Anzi, abbiamo chiuso per gli attracchi di queste navi anche quando non portano migranti. Le navi straniere finanziate in maniera occulta da potenze straniere in Italia non toccheranno più terra».

Scontro con Malta

Malta replica alle dichiarzioni di Salvini. L’intervento di Open Arms è avvenuto «in zona Sar libica, tra Libia e Lampedusa, Italia. Matteo Salvini la smetta di diffondere notizie scorrette tirando in ballo Malta senza alcuna ragione». È quanto scrive su Twitter il ministro dell’Interno Maltese Michael Farrugia, pubblicando una mappa con le distanze tra il punto dove si trova la nave della Ong, Lampedusa e Malta.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • GENNARO TERMINE 2 Luglio 2018

    QUI, IN CALABRIA, UN ANTICO ADAGIO RECITA : “CHINI (CHI) SI DISPIACE DA CARNE
    I LAUTRI (ALTRUI) , A SUA SA MANGIANO I CANI “.
    ERGO : NESSUNA PIETA’ PER ‘ST’INVASORI, I NOSTRI CONCITTADINI IN GRANDE POVERTA’ SONO BEN CIRCA SEI, DICO SEI MILIONI !!! E LA PIANTINO I BUONISTI E PIETISTI, CHE MIRANO A RIDURCI TUTTI, NOI ITALIANI, NELLA PIU’ SQUALLIDA MISERIA !!!! INFAMI !! INFAMI !!! INFAMI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! E FARABUTTISSIMI !!!!!!!!!!!!

  • Giacomo Puliatti 1 Luglio 2018

    E meno male che c’è stata la riunione dei paesi dell UE per decidere, ma decidere cosa? Secondo me, la soluzione all’interno di questa famigerata Unione Europea è solo ” CHIACCIERE E DISTINTIVO!”. La strada giusta è una sola, ognuno per se e Dio per tutti” Noi abbiamo il nostro Salvini e la nostra Marina se non bastano le parole del Minstro che si passi ai fatti con la M.M. fuori le armi e chi vivrà vedrà!!!

  • Angela 1 Luglio 2018

    Salvini non mollare,non aprire i porti,fai gli interessi degli italiani che sono stanchi di questa invasione,gente che non sappiamo cosa abbia in mente,di fede religiosa oscurantista,che trattano male le donne e i bambini,che detestano gli animali,che ci chiamano “infedeli”,che ci disprezzano…tienili fuori dai nostri confini…

  • Rodolfo Ballardini 1 Luglio 2018

    Affondare tutto. Fuori dall’europa. Cacciare fico il komunista dalla presidenza della camare e magari organizzare una petizione per questo.

  • GENNARO TERMINE 1 Luglio 2018

    NON MOLLARE, SALVINI !!!! E, QUANTO AL GRILLINO FICO, NOTO CHE E’ UN FICO NON SOLO PER IL COGNOME, MA DI FATTO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Michael 1 Luglio 2018

    Con le ex colonie e vergognoso trattare. Le si affonda con somozzatori di notte dopo averle fatto tacere le comunicazioni. In 20 anni non si sa chi ha tirato giu un aereo che lo si vedeva su tutti i radar. Bisogna usare l’esperienza. Se non lo sai te lo fai dire da israele che non fa complimenti e ferma anche le navi turche se decidono.

  • Fernando 1 Luglio 2018

    Ho sempre detto e confermo, che la Marina Militare deve aprire il fuoco sulle navi che portano questi avanzi di galera altrui. Basta invasione, e se non basta, fuori dall’Europa…

  • Aldo Barbaro 1 Luglio 2018

    Ripeto all’infinito: blocco aeronavale,sequestro navi ONG,arresto equipaggio!

  • Massimilianodi SaintJust 30 Giugno 2018

    Salvini , dopo intimazione calare scialuppe verso Libia, fai silurare la nave, così non la avremo più tra i piedi e gli altri pirati capiranno! Ex carrista, patriota, forza Mar.llo Zukov.

  • Pino1° 30 Giugno 2018

    La mafia delle ong sta cercando lo scontro in mare….. la Guardia costiera libica non ha motovedette armate e veloci ed in qualche caso, forse, ha carenza anche dei soldi degli scafisti ! Non dobbiamo farci prendere per il c**o andando NOI a caricare la merce di altri, forse entrando nella nostra area sar abbordarla e riconsegnarla con un rendez vous alla guardacoste libica. che ci pensino loro ! Facciamolo noi l’embargo in accordo con la Libia