Gasparri al governo: sulla lotta alle Ong e ai clandestini Forza Italia c’è

domenica 3 Giugno 11:40 - di

Maurizio Gasparri si rivolge al nuovo governo. ”È stata Forza Italia, nella scorsa legislatura, a proporre un regolamento per le Ong che poi, approvato all’unanimità nella Commissione Difesa del Senato, ha consentito una svolta in materia di stop agli sbarchi. Il nuovo ministro dell’Interno Matteo Salvini fa bene a ripartire dalla questione delle Ong che, con un ruolo ambiguo, stanno tornando ad alimentare il traffico di clandestini verso l’Italia”. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI) “I taxi del mare non devono riprendere a percorrere le rotte dalla Libia verso le coste della Sicilia. Bisogna dare indicazioni molto chiare, anche alla Marina Militare e alla Guardia Costiera. Il governo – rimarca l’azzurro – può farlo. Quando diciamo che Forza Italia voterà contro la fiducia al governo e valuterà le singole politiche e i singoli provvedimenti facciamo proprio esempi come questo. Se si andrà nella direzione che anche noi abbiamo percorso, di bloccare la demagogia e la pericolosità delle Ong, noi ci saremo con decisione, con cognizione di causa e pronti a dare anche dei buoni consigli su quanto si debba fare”. “Se invece la politica dovesse essere un’altra, saremo decisi oppositori. Partiamo da questo punto: bloccare quelle organizzazioni non governative che, peraltro, alimentano anche, direttamente o indirettamente, lo sperpero di miliardi nelle demagogiche politiche dell’accoglienza. Noi di Forza Italia facciamo una politica di centrodestra perché gli italiani vogliono fatti, non pugni chiusi alle parate militari”, conclude. Gasparri ha poi chiarito ancora:  “Quando diciamo che il governo bisognerà giudicarlo dai fatti, premesso che Forza Italia non voterà la fiducia martedì al Senato, pensiamo ad esempio alle posizioni e alle affermazioni del ministro della Famiglia e disabilità Fontana”, che “nelle sue prime dichiarazioni ha detto cose giustissime”. “Difendendo la genitorialità basata sulla famiglia formata da un padre e una madre, ed esprimendo preoccupazione per la denatalità, dicendo con chiarezza che le famiglie arcobaleno non hanno un fondamento né naturale, né giuridico – continua Gasparri – Purtroppo, il cosiddetto contratto, non contiene le risposte che Fontana dà”. “Ma se volesse assumere posizioni chiare, coerenti e coraggiose come Ministro, saremo in tanti a sostenerne l’azione. Le sue affermazioni sono quindi da evidenziare, da approvare, da incoraggiare. Nella speranza che diventino linee guida per il governo”, conclude il senatore azzurro.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 3 Giugno 2018

    Ma se non sta con FI rischia di perdere la sua scranna tanto amata perché comunque vada sarà un successo.SE dovesse traslocare nella sua vera casa d’ appartenenza le probabilità di perdere il seggiolone si farebbero più concrete.Quanto mi piacciono questi fascisti duri e puri che incarnano il pensiero di nonno Benito.Teniamoceli cari perché quando verranno a mancare sentiremo tanto la loro mancanza e dovremo crearli di nuovo con lo stampino.

  • Laura Prosperini 3 Giugno 2018

    davvero Senatore Gasparri ma cosa ci fa in FI?

  • Claudio 3 Giugno 2018

    Ci siete ma votate no alla fiducia al governo? Ma che vi dice il cervello???

  • paleolibertario 3 Giugno 2018

    Gasparri, sei un cattolico conservatore, hai una concezione realista della politica, hai dubbi sull’UE: cosa ci stai a fare ancora in Forza Italia? (Ora non c’è più neanche il povero Matteoli).

  • Forza Italia : FORZA ! 3 Giugno 2018

    Caro Gasparri , tutti i governi hanno sempre le stesse cose standard di cui occuparsi e tu le conosci .
    Ai cittadini pero’ interessa sopratutto l’unica vera novita’ : ” gli stranieri ” e il da farsi sull’argomento .
    Tieni conto che chi li aiuta e protegge,, come dimostrato perde voti e consensi . VEDI UN PO’ TU . . .