Veltroni ai dem: «Smettete di farvi la guerra, Gentiloni è il leader giusto…»

31 Mag 2018 11:44 - di Redazione

«La sinistra farebbe un errore gravissimo a pensare a fronti indistinti contro il populismo. Il populismo moderno si batte con la radicalità di un riformismo che aggredisca il tema della precarietà e quello dell’equità fiscale». Fallito il ruolo di mediatore tra Pd e M5S per la nascita del nuovo governo, Walter Veltroni cerca di ritagliarsi il ruolo di “padre” riunificatore della sinistra. Una sinistra allo sbando che ha perso, come più volte ha sottolineato anche subito dopo la débâcle del voto, il contatto con il popolo. L’ex segretario del Pd in un colloquio con Eugenio Scalfari su Repubblica lancia un appello ai dem per un partito “unito, aperto, nel popolo”. «Smettete di farvi le guerre – l’invito – Affidate a Gentiloni il compito di ricucire politicamente l’identità del Pd, fate un gruppo dirigente plurale, non perché composto da correnti prive di politica, ma perché fondato sulle intelligenze di giovani dirigenti e dei leader più rappresentativi». «E poi apritevi – invoca ancora l’ex segretario – cercate energie nella società, nelle lotte popolari, nella cultura (che non è una parolaccia). E se si voterà, fate così le liste. E poi cercate alleanze, fate una coalizione vera con forze reali della politica e della società».

Veltroni agita lo spauracchio del governo di centrodestra

Non manca di agitare lo spauracchio di un governo di centrodestra. «Se nascerà un governo di centrodestra – osserva – non ci sarà nulla da festeggiare, per la sinistra. Importanti conquiste civili e sociali saranno messe in discussione e il mix di spirito antieuropeo e di incompetenza, di cui abbiamo avuto prova in questi giorni, potranno precipitare il Paese in una crisi grave». Per Veltroni «la sinistra non può stare ferma e coltivare il tanto peggio tanto meglio». «È un momento davvero drammatico, c’è sconcerto nell’opinione pubblica, la politica è stata ridotta a un gioco spregiudicato, deprivato di regole e etica.  Il tutto in un delirio di colpi di scena che hanno indebolito l’Italia, la democrazia e le tasche dei cittadini. Lo dico da italiano: fermatevi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • IL DUBBIO 31 Maggio 2018

    Circa 10 anni fa’ dichiarasti che ti saresti ritirato in africa a fare il missionario ma sei ancora qua’ .
    Forse non hai specificato che intendevi andare in ferie a malindi a far compagnia
    alla compagna melandri solo per fare uno sgarro a d’alema o nulla di tutto questo ?

  • Laura Prosperini 31 Maggio 2018

    un personaggio inqualificabile, disastroso per gli Italiani (molto vantaggioso per le banche…straniere, diciamo) pericolosissimo, futura espressione delle lobbies bancarie d’oltremanica (soros, rotschild etc. etc.).
    Pericolosissimo.

  • FRANCO 31 Maggio 2018

    Vero che chi ha indebolito l’ITALIA , LA DEMOCRAZIA , LE TASCHE DEI CITTADINI e’ responsabilita’ PD.
    Le “importanti conquiste civili e sociali ” sono le solite parole vuote che sai dire .
    Fai un elenco delle “conquiste” degli ultimi governi napolitano marchio PD poi ne discutiamo .
    Attento . . . conquista significa anche occupazione .

  • Donald 31 Maggio 2018

    Sotto l’amministrazione veltroni Roma venne burocratizzata alla follia e nacque mafia capitale con a capo odevaine (suo braccio destro). I disastri combinati da questo personaggio li stiamo ancora pagando. Un incapace, fallito, vendifumo a cui tocca sempre trovare una poltrona. E ancora parla…

  • SUGERITI DA TABOOLA