Sogni d’amore, incubo reale. L’uomo conosciuto in chat la ricatta: paga o posto le foto hot

19 Mag 2018 11:02 - di Redazione

Cercava l’anima gemella online, si è ritrovata a vivere l’incubo di un orco in carne e ossa: una storia che interseca promesse e ricatti, ingenuità e malafede. Almeno fino a quando non sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Rocca di Papa che hanno dato lo stop definitivo alle minacce e alle coercizioni imposte da quello che la vittima – una 43enne residente ai Castelli Romani – credeva fosse il principe azzurro conosciuto in chat, salvo poi rivelarsi un impostore e un aguzzino che, dietro la maschera virtuale dell’uomo dei sogni celava il volto di un 39enne di Ferentino interessato solo a estorcere alla sua preda il più possibile e il più a lungo possibile…

Uomo conosciuto in chat la ricatta: paga o posto foto e frasi compromettenti

Una storia, quella raccontata per filo e per segno dal Messaggero online, che vede al centro della vicenda uno scaltro impostore già noto alle forze dell’ordine, abile nel blandire e irretire – letteralmente – nella sua trama di ricatti e bugie una donna in cerca dell’anima gemella sul web tanto che, come riferisce il quotidiano capitolino, «la sua affabilità e le sue premure hanno indotto la vittima a stringere con lui un’amicizia virtuale che si è spinta oltre il semplice invio di messaggi, senza sapere che stava cadendo nella sua trappola». Di lì a breve, infatti, l’uomo ha calato la maschera e, rivelato il vero volto da orco, ha preso a ricattare la preda catturata su un noto portale di incontri online, dicendosi pronto a postare e diffondere online foto e messaggi compromettenti se lei non gli avesse versato del denaro.

La denuncia della vittima e la trappola tesa con i carabinieri

Ingordigia e cupidigia, però, lo hanno tradito: e così, dopo aver versato le prime quote (fino a 1000 euro versati su una carta prepagata riconducibile all’uomo), le richieste sempre più pressanti e sempre più esose hanno indotto la donna a rivolgersi ai carabinieri, con i quali è stata organizzata la trappola in cui il 39enne di Ferentino è miseramente caduto. E dunque, come registra il Messaggero, «dopo aver fissato un appuntamento in piazza Roma, a Frascati, per la consegna di altro denaro che aveva richiesto alla donna, i Carabinieri lo hanno bloccato e ammanettato. L’uomo, accusato di estorsione aggravata, dopo il fermo, è stato rinchiuso nel carcere di Velletri».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA