Salvini si ribella ancora a Mattarella: «Candideremo Savona. Siamo italiani»

29 Mag 2018 10:51 - di Redazione

Il braccio di ferro prosegue e Matteo Salvini non s’è ancora messo in riga, anzi, rilancia, proprio con quel nome – Paolo Savona – che tanto fa indispettire il Colle e che è valso il boicottaggio del tentativo di governo tra M5S e Lega. L’economista con antipatie tedesche e critico sulla gestione dell’area Euro, potrebbe scendere in campo con la Lega. E se fosse indicato come candidato premier? Il Colle lo bloccherebbe ancora anche in caso di plebiscito?

«Nel contratto non c’è l’uscita dall’Europa o dall’euro, ma la ridiscussione delle regole europee. Non saremmo andati in Europa a fare casino ma a dire: siamo l’Italia», dice Matteo Salvini, ai microfoni di Giorgio Zanchini a Radio anch’io su Rai Radio1 annunciando che gli “piacerebbe ricandidare Savona” nel prossimo governo. Sulla legge elettorale, aggiunge, ”o la lista o la coalizione, per me va bene qualsiasi legge elettorale, però chi prende un voto in più prende la maggioranza. Con chi ci alleeremo? Dipenderà dai programmi. Ci alleeremo con chi vuole riformare le direttive sulle banche, sulla Bolkenstein, sull’immigrazione, sulle politiche della Bce».
Il leader della Lega è arrivato alla Camera, dove, a minuti, dovrebbe iniziare la riunione congiunta dei gruppi parlamentari del Carroccio, convocata per le 10. Sempre alla Camera, alle 14, La Lega terrà il Consiglio federale del partito, per fare il punto sulla situazione politica. E’ la prima volta che il Consiglio si tiene a Roma.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA