Salvini: «Non sono disposto a giocare a Risiko, il M5S torni coi piedi per terra»

2 Mag 2018 12:40 - di Giorgio Sigona

Stop ai capricci, stop alle prese in giro. Matteo Salvini dice no a un governo istituzionale. Ed è pronto a chiedere un preincarico per tentare di formare un esecutivo. Il leader della Lega lo ha detto chiaramente, attorniato dai cronisti, arrivando a Grumello del Monte, nel Bergamasco, dove è intervenuto alla festa della Lega. «Il governo istituzionale è stare tutti insieme per non fare nulla», ha spiegato Salvini, che ha aggiunto: «Proverò a cercare in Parlamento quella forza per fare le cose che ci chiedono gli italiani. Ci proverò fino all’ultimo, ma partendo dal centrodestra che è la prima coalizione e ha vinto in Molise e Friuli», ha sottolineato il segretario del Carroccio. Alla domanda se chiederà un preincarico per fare un governo, Salvini ha risposto: «Perché no?».

«Siccome prima delle elezioni ho detto mandiamo a casa la sinistra e il Pd, mai andrò al governo con la sinistra e il Pd», ha spiegato Salvini: «Si ragiona con i 5 Stelle o altrimenti c’è il voto». Poi ha precisato: «Vediamo se qualcuno dei 5 Stelle dopo queste settimane torna coi piedi per terra e viene a un tavolo a ragionare sulle cose da fare ma con la squadra che ha vinto, il centrodestra – ha ancora detto Salvini – Coi veti e i bisticci non si va da nessuno parte, l’ho detto a Di Maio ma anche a Berlusconi». Il Pd «in questo momento è affascinante, è come un esperimento antropologico, è Risiko perché ogni giorno ci sono gli orlandiani, i martiniani, i renziani… Peccato che dopo le elezioni in Lombardia non ci sia più quella corrente bergamasca, che doveva essere un testa a testa tra Fontana e Gori».

«Aspettiamo le scelte del Colle. Io – spiega Salvini, stavolta da Genova – ho detto, senza voler forzare nessuno, che dal mio punto di vista e quello di milioni di italiani, che se c’è un governo, c’è tra chi ha vinto le elezioni. E quindi, l’unico governo possibile è quello tra centrodestra e Cinquestelle su un programma concordato e condiviso che può mettere insieme la riduzione fiscale della flat tax con il sostegno con chi ha perso il lavoro come ipotizzato dai Cinquestelle.  L’unica altra soluzione -avverte- è quella delle elezioni. Ma non elezioni tra sei mesi, otto mesi, 12-18 mesi, tutti insieme per tirare a campare. Assolutamente no, non è la strada per cui lavoriamo, anche se la Lega è quella che sta crescendo più di tutti e ci potrebbe convenire».

«Fino all’ultimo tenteremo di trovare i numeri per mettere in piedi un governo. Noi siamo disponibili non a inventarci una nuova legge elettorale ma sull’attuale a mettere un premio di maggioranza per permetta a chi prende un voto in più di avere la maggioranza garantita per governare. L’interesse degli italiani viene prima», ha concluso Matteo Salvini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA