Roma a rischio sprofondamento: sotto l’Urbe 32 kmq di cunicoli e gallerie

28 Mag 2018 16:25 - di Redazione

Una rete di cunicoli e di gallerie, regolarmente censiti e mappati, che si snodano nel sottosuolo di Roma per un totale di 32 km quadrati sono a rischio sprofondamento e voragini a causa di perdite idriche, lavori di varia tipologia e abusivismo edilizio. Complessivamente, ammontano a oltre 500 gli ettari della capitale minacciati da voragini e frane con conseguenze imprevedibili per la tenuta di tratti di strade e di porzioni di quartieri. L’allarme, lanciato dall’Autorità di distretto idrografico dell’Italia centrale, va ad aggiungersi a quanto rilevato dal recente primo ”Rapporto Roma sicura”, realizzato in collaborazione con Protezione Civile, Italiasicura e Ispra. Il pericolo di smottamenti e sprofondamenti riguarda zone dove vivono e lavorano circa 250mila romani. Le aree a rischio si concentrano nella porzione orientale di Roma (Tuscolano, Prenestino, Tiburtino, Centocelle, Appio), in parte del centro storico e di San Giovanni, verso ovest tra Monteverde Vecchio, Gianicolense e Portuense, e in zone dell’Aventino, Palatino ed Esquilino.

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi

 

SUGERITI DA TABOOLA