Roma, il dramma di una 81enne: sequestrata e rapinata dai rom

20 Mag 2018 11:08 - di Redazione

Roma sempre più violenta. Dopo lo stupro della 44enne a Guidonia, ieri un’anziana di 81 anni è stata sequestrata e rapinata un uomo e una donna a Colli Aniene. Come ricostruisce il Messaggero, la coppia l’ha trasportata in giro per il quartiere e con questa scusa le hanno rapinato la pensione e anche alcuni oggetti in oro che indossava. Poi, l’hanno rilasciata sotto casa, in via Grotte di Gregna. È stata la figlia a trovare a casa la madre terrorizzata dalla paura e, quindi si è rivolta alla polizia e al 118. Il personale di un’ambulanza ha dato le prime cure all’anziana che ha provato solo un forte spavento. Più complessa, invece, si presenta l’inchiesta per arrivare ai responsabili.

81enne sequestrata e rapinata a Colli Aniene

Come riporta il Messaggero, sarebbero un uomo e una donna dell’Europa dell’Est, molto probabilmente nomadi. Almeno questa è stata la descrizione dei due da parte dell’ottantenne rapinata. I due hanno fatto credere alla vittima di essere amici di amici di famiglia. In questo modo l’hanno stordita fino a riuscire a farla a salire in auto. Non è un caso che l’anziana aveva ritirato da poco la pensione. È sicuro che la coppia ha visto la donna all’ufficio postale e, quindi, è entrata in azione. La coppia se dovesse essere presa dalla polizia dovrebbe rispondere di pesanti reati: sequestro di persona e rapina. Un reato, quello che ha coinvolto l’anziana, che desta allarme nelle forze dell’ordine di zona. Si tratta di due individui molto abili a spacciarsi per amici delle vittime che in questo modo riescono a raggirare. In un mese almeno tre le anziane cadute nel tranello dell’uomo e della donna. Non si esclude che i due possano essere responsabili anche di rapine al narcotico agli anziani. In questo caso i rapinatori riescono a convincere la vittima a farli salire a casa per poi stordirla con il sonnifero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Arnaldo 21 Maggio 2018

    Critici severi come me, sulle ” vicende cittadine e nazionali ” ce ne sono pochi…..ma attaccare il Vaticano e i Vescovi per le malefatte dei cosiddetti ” emigrati sbandati ” mi sembra semplicemente una dichiarazione anticristiana, anticattolica, contro la Chiesa in tutti i sensi……..e con motivazioni personali senza alcun valore. Che qualche prelato sia troppo ” aperto ” all’ accoglieza di detti emigrati è cosa risaputa. come anche si sà che parte di questa ” accoglienza ” ( come per tanti altri ” diseredati ” nostrani “…) è sulle ” spalle ” della Chiesa….che non è certo limitata al Vaticano ma si apre a migliaia di Parrocchie che operano 365 gg l’ anno questo impegno di assistenza sociale ed umanitaria. Etiam..SE NON CI FOSSE LA CHIESA DI ROMA A SOVRAINTENDERE AL SOCCORSO DELLE PERSONE IN GRAVI DIFFICOLTA’ AFFETTIVE, ECONOMICHE, SOCIALI…….ED ANCHE SANITARIE…..L’ ITALIA AFFONDEREBBE IN SOLI TRE GIORNI.

  • amerigo 21 Maggio 2018

    Mestieri nuovi, frutto dell’arrivo di nuove “risorse” b oldriniane

  • Laura Bovati 21 Maggio 2018

    Hanno cercato di entrare in casa mia con me e mio marito in casa con luci accese alle 20.30 circa. Quando abbiamo chiamato la polizia, ci hanno detto che era inutile fare la denuncia perché tanto non potevano fare nulla. Ecco perché i sinistri continuano a dire che i reati sono diminuiti. LA GENTE RINUNCIA A DENUNCIARE!!!

  • Luca 21 Maggio 2018

    Riaprire Aushwitz!

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 21 Maggio 2018

    Una signora mia amica – coetanea della signora romana – aggredita in casa dagli zingari, ha fatto finta di uscire per “prelevare denaro al bancomat”, li ha chiusi in casa e ha telefonato a un’amica. Tornata a casa facendo finta di dar loro i soldi, in quel momento arrivavano i CC, chiamati dall’amica. Si spera soltanto che manchi il solito giudice buonista che li metta fuori dopo tre giorni…
    Mario Salvatore Manca

  • Silvia Toresi 21 Maggio 2018

    Quando finiranno queste storie?

  • Antonio Lallo 21 Maggio 2018

    C’e’ poco da commentare Italia ha un freno
    sulle 4 ruote che ha un nome e cognome
    SI CHIAMANO
    Vaticano e vescovati E come non bastasse
    It’s ci sono altri 14 nuovi cardinali

  • Aldo Barbaro 21 Maggio 2018

    In Italia manca la certezza della pena!

  • Giusepoe 21 Maggio 2018

    Ringraziamo i Buonisti Cattocomunisti

  • SUGERITI DA TABOOLA