Pechino apre alle richieste di Trump e riduce i dazi per le auto made in Usa

22 Mag 2018 18:40 - di Redazione

Pechino ha annunciato che taglierà le tariffe di importazione dei veicoli dal 25% al 15%, a partire dal 1 luglio. Anche le tariffe per i ricambi auto saranno tagliate dal 25% al 15%, ha detto oggi il ministero delle Finanze. L’annuncio arriva mentre Pechino prometteva di allentare le restrizioni sugli investimenti stranieri nel settore automobilistico, aeronautico e navale. Il mese scorso la Cina aveva promesso che avrebbe abolito completamente le restrizioni sulla proprietà straniera nel settore automobilistico entro cinque anni – e per i produttori di veicoli elettrici entro la fine di quest’anno. Le misure sono in linea con le precedenti promesse del presidente Xi Jinping volte ad allentare le restrizioni sugli investimenti stranieri nel settore automobilistico, aeronautico e navale. Ma arrivano anche quando la Pechino e gli Stati Uniti sembrano scambiarsi concessioni sul commercio. I due Paesi hanno concordato di sospendere la disputa commerciale dopo i colloqui ad alto livello a Washington la scorsa settimana. Come parte dei negoziati, la Cina ha promesso di aumentare le importazioni statunitensi al fine di ridurre il deficit commerciale dei Paesi, che è stato pesantemente criticato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Il deficit commerciale degli Stati Uniti con la Cina ha raggiunto l’anno scorso 375 miliardi di dollari e ha continuato a crescere nel primo trimestre del 2018. La Cina è il più grande mercato automobilistico del mondo, con vendite di quasi 29 milioni di veicoli l’anno scorso, secondo l’Associazione cinese dei produttori di automobili.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA