Meloni: mai chieste poltrone ma aiuteremo la nascita del governo con l’astensione

31 Mag 2018 18:57 - di Redazione

“Non abbiamo mai chiesto poltrone per me o altri di Fratelli d’Italia” e rispetto al governo nascente, “e nella fiducia ci asterremo per aiutarlo a nascere. Non tanto per condivisione ma per necessità”. Lo ha detto Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, incontrando i giornalisti a Montecitorio. “Non abbiamo chiesto di entrare nel governo – ha sottolineato ancora la Meloni – e abbiamo detto che più per patriottismo che per condivisione politica avremmo dato una mano al governo a nascere: l’Italia è sotto attacco, la situazione istituzionale e di rapporto con la finanza internazionale è molto delicata. Non ci possiamo permettere di tornare a votare a luglio. Siccome si è fatto un gran parlare, ho ritenuto di dover chiarire che non abbiamo chiesto posti di ministro né per Meloni né per altri esponenti di Fdi”. “Il fatto che non li abbiamo chiesti – ha inoltre sottolineato – non vuol dire che non possano averlo fatto altri: Salvini ha ritenuto di parlare di un eventuale ingresso di Fdi per rafforzare il campo del centrodestra nel futuro governo ma mi pare anche che abbia ricevuto un niet, un no da parte di M5S. Va bene. Non mi fa ben sperare per il futuro del governo”. Infine, poco dopo le 18, l’esponente della Lega Giancarlo Giorgetti, a quanto si apprende, ha incontrato alla Camera la leader di Fratelli d’Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • luciano cavicchioli 2 Giugno 2018

    Credo che l’onorevole Meloni sia stata la più lucida mente politica del centrodestra.
    Sono felice di averla votata il 4 marzo.

  • girolamo 1 Giugno 2018

    Faccio di vero cuore gli auguri più sinceri a Giorgia Meloni per il suo impegno politico, che condivido pienamente, e sprero che venga apprezzato anche dalle altre forze politiche, prerchè è chiaro che ha agito solo per amor patrio.

  • Pietro Gentili 1 Giugno 2018

    I Veri Soldati si giudicano sul Campo di Battaglia,tra 100 giorni l’On Meloni ci potrà dire cosa di buono o meno hanno messo in campo i singoli ministri per il bene del popolo e se riusciranno a sollevare le sorti di questa Italia condannata ad impoverirsi dall’Europa difendendo sempre insieme a Giorgia le Nostre Idee di Destra.

  • uesto renderebbe un bel po di miliaRDI DI ENTRATE FISCALI IN PIù. 1 Giugno 2018

    L’unica cosa che non mi piace di questo governo è non vedere sopratutto FDI al governo insieme alla Lega e m5s. Ritengo che Salvini avrebbe dovuto portare tutto il cdx al governo, avendo cosi oltre il 70% dei voti. Molto bene comunque la posizione comunque attiva assunta dalla Meloni, in un astensionismo generico ma RITENGO UN APPOGGIO ED APPROFONDIMENTO sui temi di maggior interesse come la famiglia e gli immigrati.

  • giorgio 1 Giugno 2018

    Salvini ha dovuto fare di necessita’ virtu’ sin dall’inizio, o come si dice anche, ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco, l’unico veto che ha sempre coerentemente posto riguardava il PD: no ad ungoverno col PD, no al PD al governo.E’ vero i grillini hanno una bella spocchia, questo si’ questo no, on. MELONI stia serena e mantenga la barra sempre diritta, il tempo e’ l’unico giudice e rimane, e’ ancora li’ da quel “famoso” big bang e rimarra’ ancora.

  • Laura Prosperini 1 Giugno 2018

    On.le Meloni,
    ben fatto, questo è molto coerente e costruttivo.
    Coerente con il nostro modo di vedere la politica e costruttivo rispetto al momento storico così delicato di un’Italia sotto attacco dalle banche d’affari straniere che tirano le file dell’euro-pa.
    Ben fatto, nel tempo, la nostra collocazione sarà la più delicata e responsabile ma anche visibile (ai fini dello sviluppo del partito), molto ben fatto.

  • leonardo rocco tauro 1 Giugno 2018

    Fratelli d’Italia ha assunto la posizione più chiara e lineare possibile. Darà l’appoggio su temi e provvedimenti solamente a favore degli italiani. Niente poltrone meglio così, altrimenti saremmo stati costretti ad accettare leggi anche non gradite e dannose per la nazione ( non Paese, evitiamo questo termine provinciale e pavido per non allarmare i mondialisti). Dovremo essere i più ferrei e acerrimi nemici di questa Unione Europea ed euro annesso) sciacalla e odiata da tutto il Continente, fino alla nostra uscita da entrambi.Nobis

  • Gabriele Pellegrini 1 Giugno 2018

    Giorgia Meloni…l’ultima figura politica con la P maiuscola! ti auguro un aumento di consensi!

  • Aldo Barbaro 1 Giugno 2018

    La Meloni è molto perspicace,al momento è seduta sulla riva del fiume,,,,,,,,,,,,,,,Prima o poi si renderanno tutti conto dell’importanza di una sua collaborazione attiva.

    • Roberto 1 Giugno 2018

      Aldo… è seduta sulla riva del fiume perchè “voleva fare il bagno” ma le hanno detto di no. Se non siamo obiettivi nemmeno tra di noi….

  • Roberto 1 Giugno 2018

    Anch’io, come molti, apprezzo da tempo Giorgia Meloni ma oggi fatico ad essere fiero della mia collocazione politica. Parlare di “Italia sotto attacco” senza la minima possibilità di rendere credibile il concetto (a meno che non si voglia enfatizzare la più che prevedibile oscillazione dello spread e della borsa) e senza che nessun economista al mondo condivida il punto di vista, mi fa sentire un pochino ridicolo. La frase, riferita ad eventuali ministeri nel governo, ““Il fatto che non li abbiamo chiesti – ha inoltre sottolineato – non vuol dire che non possano averlo fatto altri” sembra la versione aggiornata delle dichiarazioni di chi si era trovato proprietario di un immobile a prezzo stracciato “a sua insaputa”. E passare dalle dichiarazioni “mai con i 5 stelle” della scorsa settimana e “impeachment per Mattarella” di domenica, alla disponibilità a sostenere (e magari entrare) un governo a guida 5 stelle, alle condizioni imposte da Mattarella, non contribuisce a mostrare una grande coerenza. Ritenendo che il comportamento di Giorgia Meloni abbia avuto come scopo principale una presa di distanza da Forza Italia, mi consentirà di continuare a sentirmi parte della destra che Giorgia Meloni rappresenta ma più per cuore che per testa.

    • Giovanni Acquaviva 1 Giugno 2018

      Concordo con Roberto. Ho apprezzato molto l’offerta di Fratelli d’Italia di appoggiare questo governo (l’unico peraltro possibile in questo momento), ma, checché ne dicano, è evidente che il rifiuto di attribuire loro qualsiasi incarico non è stato digerito molto bene. Quindi diciamo le cose come stanno: ci siamo offerti, ci avete detto no grazie, a questo punto fate un po’ come volete… ma senza di noi. Un atteggiamento peraltro pienamente legittimo.

  • Giorgio Rapanelli 1 Giugno 2018

    La Meloni ha molta saggezza e i piedi per terra. Gli schemi sono saltati… Il nuovo avanza anche con sperimentazioni impossibili fino a ieri. Non è più una questione partitica. Ormai siamo alla salvezza dell’Italia e della sua identità e civiltà. La Meloni ci dirà quando il governo funziona bene, o quando male. Aspettiamo gli eventi.

  • Angela 1 Giugno 2018

    Mi spiace che per il divieto dei grillini ,Meloni non sia potuta entrare nel governo,i 5stelle sono davvero spocchiosi,ma chi si credono di essere ?hanno posto veti prima su forza Italia,adesso conFratelli d’Italia…devono smetterla con questa arroganza!..

  • Carpino Vince 1 Giugno 2018

    Io ho votato movimento ma di Maio e meglio che riflette a chi sono i i suoi supporti .
    Giorgia non mollare ai certamente dimostrato di essere una persona per bene continua a fare cio che all’Italia serve.
    Beavissima.

  • Giulia Piacentini 31 Maggio 2018

    Grazie Giorgia

  • Andrea 31 Maggio 2018

    L’onorevole Meloni non ha peli sulla lingua ed è sempre stata coerente e sincera come del resto i suoi colleghi di partito a incominciare dall’onorevole Crosetto .Dispiace dunque che il M5S abbia rifiutato la collaborazione di FDI dichiarando di non volere nella squadra di governo esponenti della destra italiana.Le motivazioni di Di Maio e company sono insulse e senza senso perché la destra di oggi non ha nulla a che vedere con la destra di quasi cento anni fa che appunto si chiamava Fascismo.Anche in Francia Marine Le Pen ha da tempo tagliato i ponti con i reduci o nostalgici dell’ignobile e infame governo Petain sconfessando perfino l’amato padre .L’Europa non ha nulla da temere Comunismo e Fascismo appartengono al passato e lì rimarranno per sempre, le forze politiche italiane sono tutte democratiche e chi ha vinto le ultime elezioni rappresenta la maggioranza dei cittadini che vuole il cambiamento e maggiore rispetto e equità da parte dell’ Unione Europea .Le elezioni Europee sono a un tiro di schioppo e sanciranno il successo delle forze euroscettiche ma impariamo a chiamare col loro vero nome queste forze democratiche e cioè non più populiste bensì Popolari.

    • Sebastiano 1 Giugno 2018

      Ben detto

  • giovanna 31 Maggio 2018

    Mi dispiace, avrei visto bene la Meloni alla Difesa.

  • giulio 31 Maggio 2018

    Meloni, i tuoi elettori ti saranno molto grati di aver portato i grillini al governo!

  • SUGERITI DA TABOOLA