Libera dalla morsa della maman nigeriana che reclutava schiave tra le connazionali

8 Mag 2018 13:06 - di Martino Della Costa

Alla fine la 48enne maman nigeriana nel mirino degli inquirenti da un po’, è stata individuata, fermata e sottoposta a fermo di polizia giudiziaria dagli agenti delle Squadre mobili di Catania e di Roma, per traffico di esseri umani finalizzato allo sfruttamento sessuale, nonché favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Arrestata maman nigeriana per sfruttamento sessuale

Tutti reati, quelli contestati alla maitresse africana di stanza nel Belpaese, aggravati dall’essere stati commessi con il contributo di un gruppo impegnato in attività criminali in più di uno Stato. Traffici illeciti di caratura internazionale, gestiti con crudeltà e sprezzo della vita umana. A quanto ricostruito fin qui dagli agenti, tra gli ultimi affari portati in porto dalla mamam ci sarebbe quello del reclutamento di una giovane connazionale nel suo Paese e che, giunta in Italia il 5 marzo del 2017 a bordo della nave della Guardia costiera norvegese Siem Pilot con altri 502 migranti, sarebbe stata inserita nel carnet delle giovani schiave da destinare alla prostituzione. Un mercato della prostituzione strettamente connesso al traffico di esseri umani, che non a caso ha visto l’indagine condotta dagli,uomini delle Squadre Mobili di Catania e di Roma partire proprio dall’approdo a uno dei tanti porti italiani presi d’assalto dagli sbarchi degli immigrati. Ma la straniera “in servizio effettivo e permanente” nel Belpaese non ha fatto i conti con il fatto che la ragazza, reclutata e fatta arrivare appositamente in Italia per poi diventare una delle tante schiave, avrebbe potuto denunciare tutto alla polizia: cosa che, per la sua sopravvivenza, ha trovato il coraggio di fare, una volta per tutte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Gio 9 Maggio 2018

    nigeria… che bel posticino, che belle persone… mandiamoci tutti quelli del PD

  • SUGERITI DA TABOOLA