Il “ricatto” di Moody’s all’Italia: “Se toccate la legge Fornero vi declassiamo”

26 Mag 2018 14:03 - di Redazione

Moody’s avverte l’Italia e mette sotto osservazione il rating Baa2 per un possibile declassamento. L’agenzia internazionale – che assegna il rating, come un voto di affidabilità ai principali Paesi –  ha diramato un comunicato pubblicato nella serata italiana.  Da una parte allarma il «significativo rischio di un indebolimento della forza di bilancio, dati i piani della nuova coalizione di governo», e dal «pericolo di stallo degli sforzi per le riforme strutturali». Dall’altra si ravvisa il rischio di capovolgere le «riforme passate, come quella delle pensioni adottata nel 2011».

L’analisi di Moody’s suona come un avvertimento a Salvini e Di Maio

L’analisi, che suona chiaramente come un avvertimento al futuro governo italiano, arriva mentre il premier incaricato Giuseppe Conte lavora alla squadra di governo e cerca di trovare la quadra sui ministri. «Lontano dall’offrire la prospettive di un ulteriore risanamento di bilancio, il contratto» di Lega e Movimento 5 Stelle «’include potenziali costose misure su tasse e spesa, senza una chiara proposta su come finanziarle», afferma Moody’s. E «anche se alcune delle proposte originarie della coalizione sono state modificate nell’accordo finale – si aggiunge – queste portano lo stesso a una piu’ debole, e non piu’ forte, posizione di bilancio andando avanti».

Moodys’ confida nell’europeismo di Mattarella

Meno rischi invece sul fronte di una possibile uscita dall’euro: il presidente Mattarella, scrive Moodys’ ha un significativo potere nell’assicurare che qualsiasi governo onori gli impegni internazionali inclusi quelli assunti» con l’appartenenza all’area dell’euro. «Anche se alcune delle misure» proposte dalla coalizione mettono in «dubbio la volontà e la capacità dell’Italia di rispettare i suoi obblighi europei – si insiste – il rischio di risultati negativi, fino all’uscita dall’area euro, restano molto bassi».

Ecco perché Moodys’ taglierà il rating

Come basso – mette in evidenza Moody’s – «è anche il rischio di crisi di liquidità del governo», grazie anche alla «prudente» gestione del debito. Durante la revisione Moody’s esaminerà l’impatto della piattaforma di bilancio ed economica del nuovo governo, «con particolare attenzione agli effetti sulle traiettorie del deficit e del debito nei prossimi anni. «Moody’s probabilmente taglierà il rating se, avendo valutato le politiche proposte dal nuovo governo, concluderà che sono insufficienti per incanalare il debito su una traiettoria sostenibile di calo nei prossimi anni» prosegue la nota. «Non articolare e presentare una credibile agenda di riforme strutturali, che rafforzerebbe le prospettive di crescita economica, avrebbe un effetto negativo sul debito».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Giovanni Acquaviva 28 Maggio 2018

    Francesco Desalvo Le rendo noto che Salvini non ha “voluto” correre da solo (che poi da solo non è perché di Maio è con lui), ma è stato costretto a farlo, dal momento che il mattarello si è rifiutato di conferire l’incarico alla coalizione di centro-Destra e a quel punto i suoi alleati lo hanno prima autorizzato a correre coi 5 stelle, quindi abbandonato al proprio destino. L’unico fatto positivo in questa squallida commedia è che Giorgia Meloni sembra essersi svegliata e aver capito chi sta con chi. Speriamo che non cambi idea un’altra volta, al momento di votare la fiducia al governo farsa appena nominato, dal momento che berlusconi di sicuro voterà insieme ai suoi compagnuzzi del pd, come del resto ha sempre fatto.

  • itala piccininno 28 Maggio 2018

    ma non se ne può più……ma quand’è che finalmente ce ne usciamo dall’EUROpa???? viva Adelio, riprendiamoci la nostra sovranità e gli altri i vari migranti

  • Antonio 27 Maggio 2018

    Sarebbe ora di dare fuoco a questa agenzia,una volta per tutte

  • leonardo rocco tauro 27 Maggio 2018

    Dimostrazione pratica di come la mafia finanziaria internazionale decide le sorti e i governi delle nazioni-
    E purtroppo trovando sponda anche in patria.

  • Stefano Giussani 27 Maggio 2018

    makissenefrega se ci ‘declassano’.

  • Francesco Desalvo 27 Maggio 2018

    Salvini ha voluto correre da solo ed attaccare frontalmente i burocrati di Bruxelles, e si sta incastrando, ammesso che non lo sia già.
    Prima delle elezioni Berlusconi era stato a Bruxelles per discutere le riforme da apporre ai trattati eruropei, in particolare un “piano Marshall” per aiutare gli stati africani a riprendersi gli emigrati.
    E Berlusconi in Europa avrebbe molto più potere di Salvini, sopratutto ha in mano la possibile aperta denuncia del complotto Napolitano-Merkel per farlo fuori nel 2011. Poi l’accusa alla deustke bank di aver venduto in blocco 8 miliardi di Buoni per lanciargli contro lo spread, nel momento attuale in cui proprio la deustke bank è sull’orlo del fallimento. E l’aver detto che la legge Fornero si poteva sì modificare ma non si poteva togliere il limite dei 70 anni perché non dipende da Fornero o da altri, ma dall’innalzamento dell’età media della popolazione.
    Salvini ha voluto prendere posizione frontale contro l’Europa, ma fa la medesima figura di Kim che aveva minacciato di bombardare gli U.S.A. ed ora ha dovuto smantellare le sue fabbriche di bombe.
    Salvini non ha capito che per litigare con qualcuno occorre avere la forza di farlo. Se non la si ha occorre dialogare, come avrebbe voluto fare Berlusconi.
    E l’80% dei commenti che ho letto prima di questo sono “ululati alla luna”, fiera dei desideri o definizioni simili.

  • pitari antonio 27 Maggio 2018

    a pensare che nei governi precedenti dal 2011 ad oggi ci hanno declassato almeno tre volte dalla tripla A ci hanno portato alla tripla B dove ci vogliono portare a nazione del 3° mondo!!!!! mi sa e quello che vogliono

  • Michele Tampier 27 Maggio 2018

    Essendo Moodys un agenzia privata, quindi non avendo titoli per legiferare o per imporre , con metodi che in Italia si chiamano “mafiosi” o di contiguità con la mafia , si dovrebbe cominciare a fargli addosso una bella denuncia per attentato all’integrità dello Stato e delle sue istituzioni, visto che le premesse ci sono. Se io mi permetto di dire a Mattarella ti faccio sbattere in galera se non mi fai avere un aumento della pensione , nel giro di pochi minuti mi ritrovo ammanettato e magari senza pensione: qui invece ci troviamo un clan internazionale (di agenzie di rating) che fanno solo i propri interessi ( estorsivi) senza essere chiamato a responsabilità diretta dei danni che crea……

  • Fyore 27 Maggio 2018

    Puro terrorismo, condannati già prima di cominciare, ma quanto siamo importanti? Perché non hanno fatto lo stesso con la gran Bretagna?

  • NOEURO 27 Maggio 2018

    Verissimo Mora,
    Referendum sull’euroexit ??
    NO GRAZIE….. vincerebbe il “remain” a causa della propaganda criminale.
    NORIMBERGA per i responsabili ??
    SI GRAZIE !!!
    MA APPENA DOPO ESSERE USCITI DALL’euroistituto-psichiatrico !!!!!!!!!!

  • alberto caioli 27 Maggio 2018

    E a noi non importa niente!

  • Andrea 27 Maggio 2018

    Giusto Àdelio noi rifacciamo la riforma per migliorare il nostro futuro e quello dei nostri figli, se ci declassano usciremo dall’Europa e manderemo finalmente tutti i migranti che ci hanno imposto

  • Adriano Callegari 27 Maggio 2018

    Trattasi dell’ennesimo tentativo per continuare ad essere sfruttati dalla Germania e Francia. Spero che si completi il governo al più presto, ma il governo di Salvini e Di Maio e non quello che vuole il nostro Prsidente Mattarella del PD

  • Giuseppe Costantini 27 Maggio 2018

    Sinceramente sono stufo di queste agenzie che intervengono continuamente cercando di incanalare le politiche economiche dei paesi secondo i loro desiderata. Sarà pure vero che la nostra situazione economica non è delle più brillanti grazie alle politiche attuate dai governi che si sono succeduti dal 2010 ad oggi. Vorrei chiedere all’agenzia in questione come possono lavorare le imprese italiane, assumere personale, cercare di farsi pubblicità e soprattutto concorrenza, quando i governi che si sono succeduti le hanno lasciate” in brache di tela” in quanto lo stato non paga i suoi debiti se non in tempi biblici. Adesso ci dobbiamo sorbire anche l’immigrazione di tante persone provenienti da diversi paesi (fatta a scopo di lucro sia esterno che interno) mentre gli altri paesi si rifanno al patto di Dublino che è stato approvato in condizioni molto diverse rispetto alla situazione attuale. E’ ipocrita, da parte della commissione europea, gestita dai paesi più interessati, affermare che, in base a quel patto, l’Italia è il paese che deve accogliere questi emigranti (?) perché è quello dove sbarcano gli stessi. Come mai questi signori non sbarcano a Malta? Come mai sono respinti dalla Spagna e da molti paesi europei? Certo fa comodo che sia un solo paese ad accollarsi l’onere tanto gli altri paesi non sono toccati nei loro interessi.Non è questa l’Europa che vogliamo, non è questo il modo di agire nei confronti di coloro che cercano migliori condizioni di vita. Gli italiani, quando si sono trasferiti all’estero, si sono dati da fare creando con il tempo un rapporto comunitario con la popolazione locale e facendosi benvolere. Queste popolazioni che arrivano in Italia, addirittura bambini senza genitori e adulti senza mestiere o professione, dove pensano di esser arrivati “nel paese delle meraviglie” oppure “nel paese dei balocchi”? Quello che mi da più fastidio è l’ingerenza delle persone (soprattutto politici) che ci speculano sopra non per risolvere il problema ma per farsi belli di fronte alla comunità. E’ ora che l’Italia prenda delle decisioni drastiche perché non è giusto che mentre i nostri giovani vanno all’estero per trovare l’opportunità di un lavoro siamo invasi da persone senza preparazione e da bambini che non sono accompagnati dai loro genitori. Che fine hanno fatto e come hanno potuto abbandonare i loro figli a dei mercenari?

  • Giuseppe Forconi 27 Maggio 2018

    Incredibile , come puo’ la moody imporre un sistema di governo a loro gusto. In altre parole o l’Italia mette al governo quel bamboccio di ragazzino o la moddy ti mette due in condotta, ma siamo arrivati al punto di far scoppiare una guerra ….politica….? Se abbiamo un debito pubblico dobbiamo dire grazie a Renzi e a tutti quei imbecilli comunisti da strapazzo che ci hanno governato. Possibile che l’italiano di oggi ci gode a votare per i comunisti affinche’ questo Paese vada in rovina? Scusate se ho detto comunisti ma votare per il PD e’ come votare per il PCI, quindi, vi piaccia o meno, sono comunisti. Vediamo di risanare questo maledetto debito e usciamo dalla UE e vediamo come si mettono quei 4 scagnozzi che stanno li a grattarsi la prostata.

  • eleonora ferrari 27 Maggio 2018

    detesto i vigliacchi e moodys sono vigliacchi ed ignoranti . ci declassano ? scusate ma chi se ne importa tanto solo gli ebeti vi credono .

  • Angelo 27 Maggio 2018

    Questa è un ‘ ingerenza inaccettabile ! Un vero presidente dovrebbe rispondergli con autorità !

  • Alessandro Caroli 27 Maggio 2018

    Solito avvertimento in puro stile mafioso. La risposta più adeguata è da un lato chiudere (se esiste) un eventuale ufficio di Moody’s in Italia, dall’altro tirare dritto.
    Se poi non si arriva a comprendere che l’uscita dall’euro (anche se non direttamente espressa) è presente ovunque nel contratto, affari di lor signori. Anticipo la domanda: l’ho letto e, sui 30 punti che lo costituiscono il mio sì vince 27 a 3.

  • Angela 27 Maggio 2018

    Ma chi ce lo ha fatto fare ad entrare in Europa e ancora peggio nell’euro? usciamo e riprenderemo la nostra autonomia,la nostra economia e la nostra dignità e a queste agenzie di rating un bel…ciao ciao

  • Giusepoe 27 Maggio 2018

    SE QUESTA E’ L’ EUROPA E’ MEGLIO USCIRNE SUBITO E POI X SCONFIGGERE IL DEBITO E’ ABBASTANZA MANDARE ACASA TUTTI I PROFUGHI CHE CI MANDANO GLI ALTRI PAESI DELLA UE

  • Mario Salvatore MANCA di VILLAHERMOSA 27 Maggio 2018

    Adelio mi ha rubato le parole di bocca. Grazie Adelio.
    Mario Salvatore Manca

  • Francesco Ciccarelli 26 Maggio 2018

    È l’ennesimo atto di guerra non convenzionale per mettere in ginocchio una Nazione: servirebbero strumenti autonomi per vanificare questi attacchi! Le manovre di Moody’s configurano le ipotesi di reato per spionaggio, in quanto potrebbero avvantaggiare – per l’ennesima volta – speculatori stranieri informati in anticipo sulle iniziative delle cosiddette «agenzie».

  • giangiacomo mora 26 Maggio 2018

    Ma questi geni sarebbero gli stessi che davano la tripla A alla goldman sachs il giorno prima che fallisse? e i Servizi non servono a niente? Chi ricatta la democrazia si merita di svelarsi ammirando le sue palle che nuotano nella boccia assieme ai pesci rossi.

  • Adelio Bevagna 26 Maggio 2018

    Noi mettiamo mano alla legge “fornero”: ci declassate? noi usciamo dall’europa…..ciao ciao.

  • SUGERITI DA TABOOLA